Il MoVimento 5 stelle punta sulle idee e sul cambiamento

Domenica 15 Aprile 2012 – Sandro Bono

C’era tanta emozione nell’esprimere le proprie idee e il proprio pensiero alla presentazione del programma elettorale del Movimento 5 stelle di Sciacca, avvenuta ieri presso i locali del Velvet, ex Finger Food.

Presenti alcuni dei candidati in lista, tra cui il fautore principale del Movimento, Nino Vitale, il quale ha deciso di provare questa esperienza a Sciacca in seguito a una campagna elettorale a cui ha partecipato a Venezia, conclusasi positivamente con l’elezione di un consigliere.

“Un Movimento fatto di persone per le persone”, come è stato definito dai suoi componenti, che oltre ai voti punta sulla partecipazione di ogni singolo cittadino e sulle idee che questo può portare, grazie alle sue competenze, per fare qualcosa di concreto per Sciacca.

Ad aprire e chiudere gli interventi è stata la candidata a sindaco Emma Giannì, “una disoccupata che ogni tanto lavora ma che ancora sogna”, come si è lei stessa definita: “finora non mi sono mai occupata di politica ma soltanto di proteste in campo scolastico e ho deciso di accettare questa candidatura per porre fine a questa assurdità in cui ci troviamo”, ha affermato.

Gli altri candidati si sono presentati al pubblico e hanno illustrato i vari progetti del programma elettorale riguardanti il turismo, il potenziamento informatico, l’acqua, i laboratori a costo zero, l’agricoltura e la pesca. Tre i punti fondamentali: apertura, trasparenza e riduzione degli stipendi.

Un gruppo di persone che vogliono fare progetti con al centro il cittadino e iniziare una collaborazione con la città che è indipendente da questa esperienza elettorale, ci tengono a precisare, e che continuerà qualunque sia il risultato ottenuto il 6 e il 7 maggio.

Il Movimento vuole così dimostrare un sentimento contrario alla dilagante disaffezione alla politica, affinchè non si rinunci a un diritto sancito dalla Costituzione. Un voto, quello che chiede il Movimento, di cambiamento e di rottura: “per cambiare basta poco”, affermano, “chiediamoci cosa può fare ognuno di noi per rendere Sciacca più bella, a partire dal senso civico e dal rispetto delle regole”.

Fonte: controvoce.it

Share