Il Movimento 5 Stelle, nuovamente escluso da un confronto televisivo, spiega la propria posizione.

Il M5S, prima chiamato a partecipare al confronto che andrà in onda su Antenna Sicilia e, a meno di 24h dalle riprese, invitato a non intervenire a causa di una nota diramata dall’AGCOM per poi essere re-invitato a partecipare mezz’ora prima dell’inizio del confronto, vuole esprimere il proprio disappunto per il trattamento ricevuto ed esporre la propria posizione.

«Dopo le proteste indignate dei cittadini, che ringrazio per il loro sostegno, la produzione di Antenna Sicilia, ha deciso di comunicarci che ci avrebbe incluso al dibattito mezz’ora prima dell’inizio delle riprese. Avevo già deciso come spendere questo pomeriggio catanese conoscendo Catania e i suoi cittadini. Non permetteremo che al M5S si manchi di rispetto in questo modo. Esporre il programma è un nostro diritto, non vogliamo sia una concessione. Questa regione ha bisogno di onestà intellettuale e rispetto. Mentre la vecchia politica sarà chiusa dentro un teatro a chiacchierare, io incontrerò i cittadini cosi come avevo programmato. I loro habitat sono i salotti, il nostro è la città».

Questo è quanto dichiara il portavoce candidato alla presidenza della Regione Siciiana Giancarlo Cancelleri, che per meglio spiegare quanto accaduto ha preparato il seguente video.

Share