Grillo: “La mafia? E’ tutta all’Expo. Qui ci sta a guardare interessata”

“La mafia? io avevo paura di qualche chiamata, ma non c’è. Secondo me sta guardando, ha capito che qui c’è un cambiamento epocale e quindi sta a guardare”. Dopo aver attraversato a nuoto lo stretto di Messina, Beppe Grillo è approdato nella Sicilia occidentale. E’ un tour fuori dagli schemi quello del comico genovese, venuto in Sicilia per sostenere la candidatura di Giancarlo Cancelleri alle prossime elezioni regionali. Un tour che l’ha portato a visitare l’entroterra siciliano, quello dei piccoli centri ad alta densità mafiosa. Oggi però Cosa Nostra è diversa. “La mafia – ha detto Grillo in provincia di Trapani – è stata corrotta dalla politica e dalla finanza. La mafia aveva un codice etico: uccideva per il territorio. Ma adesso non c’è. Oggi si è spostata. Il commercialista della ‘ndrangeta si è spostato in Lombardia a spartirsi sette miliardi di Expo”. Il leader del Movimento Cinque Stelle ha fatto un bilancio del suo tour elettorale nella Sicilia orientale. ” Avete posti incredibili. Sono stato a Ragusa, è bellissima! Ma non ci sono strade, non c’è un centimetro di autostrada. Non ci sono ferrovie: ho preso un treno, Scordia – Vizzini, sono 25 chilometri, ci abbiamo messo un giorno mezzo con la lettorina, l’ultima che ho visto era giocattolo, qui l’avete ancora vera”. Quindi Grillo ha lanciato qualche stilettata ai politici che hanno governato la Sicilia negli ultimi decenni. “Dicono che siamo tutti uguali: è la strategia di Totò Cuffaro, sono tutti uguali, così vincono loro. L’ho visto Cuffaro che usciva dal carcere: è un fighetto, magro, ci costa 300 euro al giorno. Questa gente qui non deve andare in carcere ma a riparare strade. Qui aveva Salvatore Quasimodo, premio nobel per la letteratura. Siete passati da Quasimodo a Miccichè: è questa la vostra evoluzione culturale”

di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti

22 ottobre 2012

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Share