Sciacca. Il reparto di Emodinamica dell’ospedale Giovanni Paolo II rimane senza sale operatorie, il M5S chiede l’intervento urgente della Regione per accertarne le responsabilità

ospedale_sciacca_giovanni-paolo-II

Il reparto di Emodinamica dell’ospedale di Sciacca rimane senza sale operatorie a seguito di un guasto alle apparecchiature della seconda sala, unica rimasta funzionante. La prima sala, infatti, risultava chiusa già da diversi mesi per un guasto al gruppo di continuità.

Questa mattina il sopralluogo nel nosocomio saccense effettuato dal deputato del Movimento 5 Stelle Matteo Mangiacavallo. “Apprendiamo che il tentativo di risolvere l’emergenza rimettendo in funzione la prima sala non ha sortito alcun effetto – denuncia Matteo Mangiacavallo – e dunque le uniche speranze di un ripristino immediato dei servizi dell’Emodinamica sono affidate agli interventi da effettuare sulla seconda sala. Ovviamente ci auguriamo che nel frattempo non accada nulla e che nessuno debba necessitare dei servizi del reparto. E’ inconcepibile essere arrivati a tale situazione dopo mesi in cui si poteva intervenire per ripristinare la prima sala. Ci sono responsabilità che vanno accertate“.

Mangiacavallo invoca l’intervento urgente della Regione attraverso un’interpellanza rivolta all’assessore Gucciardi al quale chiede di verificare eventuali responsabilità gestionali in ordine al mancato ripristino del funzionamento della prima sala operatoria. Sono stati, inoltre, formalmente richiesti gli atti relativi a tutte le apparecchiature attualmente non funzionanti presso l’Ospedale di Sciacca per “risolvere immediatamente questa emergenza e far si che situazioni simili non abbiano più a verificarsi” – conclude il deputato del M5S.

Share