Fuori la politica dalle Terme. Sciacca si riappropri del suo patrimonio più grande

terme-sciacca

Seguendo il dibattito sviluppatosi a seguito della decretazione di finanziamento dei lavori per la realizzazione dell’allaccio fognario,​ ​ritenuta​ ​dal liquidatore condizione per l’emissione dei mini bandi​ finalizzati alla gestione provvisoria dello stabilimento di cura e del Grand Hotel, il cittadino saccense rimane disorientato. Ascoltando le voci dei partiti locali che si dividono meriti e demeriti si rimane basiti.​

A parlare​​,​ ​infatti​,​ ​sono gli esponenti degli stessi partiti che prima hanno sbranato le nostre Terme lottizzandole e poi se ne sono d​ivisi​ i brandelli. Si tratta dei partiti che hanno governato e, purtroppo, continuano a governare la Regione Siciliana, quei partiti che hanno iniziato la sistematica distruzione dello stabilimento termale saccense (e non solo) portandola a compimento con la sua chiusura definitiva lo scorso anno.

Noi dell’Assemblea permanente del M5S di Sciacca siamo stanchi quanto il resto della cittadinanza.​ ​Ad oggi, sfidiamo chiunque a sostenere il contrario, dalla vicenda delle Terme non emerge alcun merito particolare, ma i risultati eclatanti di un fallimento della politica tradizionale ​il cui spirito risulta ben incarnat​o​ da partiti come PD, Forza Italia, UDC, NCD e MPA.

Per questo motivo urliamo “Fuori la politica dalle Terme. Sciacca si riappropri del suo patrimonio più grande”. Il M5S si​ ​batterà affinché​ ​siano risanati i danni causati da decenni di​ ​favoritismi e​ gestione dissennata e perché si giunga alla reale​ ​e definitiva​ ​apertura delle Terme di Sciacca. La politica degli annunci pubblicitari deve cessare!

Share