Sciacca, M5S: “Serie perplessità sul bando per l’affidamento della gestione della piscina comunale, un bel pacco confezionato su misura”

“Esprimiamo serie perplessità in merito al bando per l’affidamento della gestione della piscina comunale di Sciacca. Pubblicato in piena concomitanza con la campagna elettorale e con una scadenza per la presentazione delle offerte del 27 giugno, dunque, a giochi fatti, rappresenta forse per qualcuno il pretesto per sbandierare la presunta apertura di una struttura che la cittadinanza attende da oltre 30 anni”. Così il Movimento 5 Stelle di Sciacca attacca duramente l’amministrazione comunale saccense.

“Non possiamo non rilevare le condizioni estremamente singolari di affidamento, – vanno avanti – tra gli oneri a carico dell’affidatario, oltre a quelli che normalmente riguardano la gestione ordinaria di un bene pubblico, troviamo alcuni punti che tutto fanno pensare tranne che la struttura sia effettivamente pronta per essere fruita dalla cittadinanza. L’art. 4 del Capitolato Speciale d’Oneri descrive, infatti, una struttura priva d’impianto di areazione, con un sistema d’impermeabilizzazione delle coperture non adeguato, che necessità di verifiche e interventi di adeguamento alle normative vigenti per l’esercizio dell’attività prevista, per l’abbattimento delle barriere architettoniche, per la sicurezza antincendio. Tutte carenze cui dovrebbe porre rimedio l’eventuale affidatario”.

“Dalla lettura della documentazione allegata al bando è, dunque, evidente che l’amministrazione uscente stia cercando un gestore cui scaricare la “patata bollente” – concludono i 5Stelle di Sciacca – di rendere effettivamente fruibile la struttura, posto che ciò sia possibile a norma di legge. Un bel pacco confezionato su misura. Non permetteremo a nessuno di strumentalizzare per fini politici questo bando perché riteniamo che, anche laddove si trovasse il gestore pronto a immolarsi in questa impresa faraonica e questo si scoprirà solo dopo le elezioni amministrative, l’apertura effettiva della piscina è ancora ben lontana dal divenire realtà”.

Share