PONTE CANSALAMONE: SCELTA IRRESPONSABILE DELL’AMMINISTRAZIONE. CON DATI ALLA MANO VI SPIEGHIAMO PERCHE’

 

Sicurezza per i cittadini e utilizzo corretto dei soldi pubblici.

Sono questi i due principali aspetti sui quali noi del M5S intendiamo porre la dovuta attenzione.

Ci aspettavamo, in risposta al nostro intervento, una ragionata analisi delle problematiche del ponte, ma purtroppo l’assessore Segreto fa prevalere la propaganda politica alle argomentazioni tecniche per giustificare un’operazione scellerata che:
non risolve i problemi del ponte in maniera definitiva;
sperpera i fondi destinati all’adeguamento del ponte per raccogliere consenso;
trascura evidenti problemi di sicurezza dei cittadini.

Se queste sono le premesse, dopo appena un mese dall’insediamento dei nuovi assessori, vi preghiamo: “ridateci i vecchi…” o suggeriamo al Sindaco di procedere con un altro “giro di valzer”.

Riteniamo opportuno informare i cittadini e spiegare le nostre ragioni, #tecniche e #politiche, sulla base delle informazioni disponibili e degli approfondimenti compiuti che per ragioni di spazio affidiamo ad un altro articolo disponibile sulla nostra pagina (http://www.sciacca5stelle.it/ponte-cansalamone-a-t/), in modo che ognuno possa maturare una propria idea sulla questione che riguarda un’importante infrastruttura del nostro territorio.

– Il M5S boccia la SCELTA TECNICA di una eventuale riapertura temporanea del ponte in quanto questo non possiede alcuna sicurezza sismica, come si evince dalla stessa relazione dei tecnici incaricati; ci meraviglia come la ricerca del consenso possa essere barattata con l’incolumità dei propri cittadini.

– Il M5S boccia anche la SCELTA ECONOMICA di eseguire un intervento temporaneo in quanto le opere non riguardano lavori propedeutici a quelli previsti nel progetto preliminare, ma vanno a finanziare sostanzialmente una nuova “stampella” nella pila 8 (un nuovo traliccio analogo a quello esistente nella pila 7) e altri studi sul ponte. Sono pertanto da considerarsi opere diverse rispetto a quelle già finanziate e non parte di esse.

– Il M5S boccia infine la SCELTA POLITICA proposta in quanto l’apertura temporanea richiede tempi amministrativi e tecnici analoghi alla soluzione definitiva. In entrambi i casi, infatti, bisognerà procedere alla redazione di un progetto e acquisire tutte le autorizzazioni da parte degli enti coinvolti per bandire, infine, la gara per i lavori. Le maggiori incertezze tra le due strade, come manifestatoci dallo stesso Commissario Croce, saranno legate agli enti chiamati ad autorizzare un’apertura temporanea di un ponte che non possiede alcuna sicurezza sismica.

Cosa fare invece?

E’ necessario sollecitare il Commissario di Governo per bandire immediatamente la gara di progettazione, considerato che sono già trascorsi oltre due anni dal finanziamento, per determinare finalmente i reali costi dell’intervento, valutando se conviene procedere ad un adeguamento o ad una demolizione/ricostruzione.

Ma Sciacca non può aspettare oltremodo. Servono soluzioni alternative per ripristinare la viabilità interrotta dalla chiusura del ponte.

Pertanto il M5S, come discusso con il Commissario Croce, sottoporrà nei prossimi giorni proposte finalizzate a migliorare la viabilità esistente e/o a creare dei percorsi alternativi, sicuri e permanenti per servire i quartieri e le contrade del nostro territorio che più degli altri risentono degli errori passati e attuali di chi ha amministrato e amministra la città.

Approfondisci il tema:

Ponte Cansalamone. Approfondimento tecnico.

Share