TERESA BILELLO (M5S): OPERATORI TURISTICI E CITTADINI DEVONO POTER SCEGLIERE COME UTILIZZARE I PROVENTI DELL’IMPOSTA DI SOGGIORNO”. PRESENTATA MOZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE

Sull’imposta di soggiorno vogliamo ci sia più TRASPARENZA e pretendiamo che
gli operatori turistici e i cittadini saccensi diventino protagonisti e non semplici spettatori. Devono essere loro a selezionare gli investimenti che servono a Sciacca per diventare una meta turistica di tutto rispetto.

“La mozione appena presentata” – afferma Teresa Bilello – ” impegna l’amministrazione a dar voce a tutti i proprietari di strutture ricettive nel territorio saccense. A loro deve spettare la facoltà di scegliere come destinare una quota pari al 25% delle somme ricavate con l’imposta di soggiorno.”

Costoro, infatti, secondo l’idea del M5S di Sciacca, potranno presentare ogni anno dei progetti di investimento coerenti con il regolamento sull’imposta di soggiorno. I progetti dovranno essere valutati dagli uffici e dal tavolo tecnico per l’imposta, già previsto dal regolamento. Quelli che riceveranno il nulla osta verranno, infine, votati dai cittadini. E le proposte scelte, dunque, dovranno essere realizzate dall’amministrazione nel rispetto del budget assegnato.
“Il tesoretto dell’imposta di soggiorno, che per il 2018 ammonta a € 878.000,00, non può essere gestito solamente dall’assessore di turno” – continua la consigliera del M5S Teresa Bilello – “ma devono essere gli stessi operatori a deciderne la destinazione, ovvero coloro che vi contribuiscono tutti i giorni con le proprie attività e che ascoltano dalla loro viva voce i turisti, ma che leggono, tante volte, a malincuore le recensioni che gli stessi lasciano sui vari portali on-line”.

Ma non basta. Secondo Teresa Bilello, tutti i cittadini hanno diritto di sapere in che modo viene investito il ricavato dell’imposta. Per tale motivo esigiamo assoluta trasparenza, impegnando ancora l’amministrazione a pubblicare sul sito del comune, con cadenza bimestrale, il rendiconto aggiornato delle spese sostenute.

Strade di accesso al mare, servizi ai bagnanti, progetti di rigenerazione urbana, di manutenzione straordinaria di nodi viari nevralgici per i flussi turistici, di migliore fruizione dei beni culturali, parcheggi nei pressi dei lidi, eventi culturali, arredo urbano, percorsi turistici, storico-artistici ed esperienziali, progetti di promozione del territorio, questi alcuni esempi di progetti che potranno essere realizzati e che verranno prima proposti dai nostri operatori turistici e poi votati dai cittadini.

Ancora una volta partecipazione e trasparenza sono alla base della nostra azione politica.

Share