M5S All’Ars: “Girgenti acque-Comuni agrigentini, subito la rescissione del contratto”

I deputati 5stelle Mangiacavallo e Di Caro invitano l’ATI a stoppare il rapporto, in ragione delle gravi inadempienze del gestore. Presentata pure una risoluzione a sala d’Ercole per sollecitare l’istituzione della commissione tecnica ispettiva prevista dalla legge del 2015 in materia di risorse idriche prevista dalla legge.

“Subito la rescissione del contratto tra Girgenti acque e i Comuni dell’Agrigentino”. A sollecitare lo stop del rapporto sono i deputati all’Ars Matteo Mangiacavallo e Giovanni Di Caro, a fronte delle ormai croniche inefficienze del gestore, in vista della riunione dell’assemblea territoriale idrica (ATI) calendarizzata per il prossimo 27 aprile.

“Ho appreso della seduta da fonti giornalistiche – afferma Mangiacavallo – e purtroppo non potrò essere presente perché impegnato con l’approvazione della finanziaria in ARS, ma attendo e auspico un atto di coraggio da parte dei sindaci dell’ex provincia di Agrigento, tanto auspicato dai nostri concittadini, stanchi di una gestione inadeguata ormai da troppo tempo”.

In attesa della decisione dell’Ati i due deputati dell’Agrigentino sono tornati a chiedere, con una interpellanza rivolta a Musumeci e all’assessore Pierobon, l’istituzione della commissione tecnica con fini ispettivi, prevista dalla legge regionale n. 19/2015 in materia di risorse idriche, impugnata dal Consiglio dei Ministri, ma che rimane valida ed efficace soprattutto nella parte che riguarda l’istituzione di questo organismo, previsto dall’articolo 12 e fortemente voluto dal Mangiacavallo.

La commissione attende di essere istituita da quasi tre anni, nonostante le reiterate sollecitazioni di Mangiacavallo al governo durante la scorsa legislatura.

“Questa commissione speciale – dichiara Giovanni Di Caro – sarebbe un ulteriore strumento di democrazia partecipata attraverso il quale i rappresentanti dei cittadini, ovvero gli utenti finali, avrebbero la possibilità di manifestare il proprio giudizio sull’operato dal gestore privato del servizio idrico integrato in Provincia di Agrigento”.

La commissione, infatti, sarebbe presieduta dal legale rappresentante dell’assemblea territoriale idrica e composta da tre sindaci dei comuni appartenenti all’ambito territoriale ottimale, da un rappresentante delle organizzazioni sindacali, da un rappresentante dei comitati cittadini per l’acqua pubblica e da un funzionario del dipartimento acque e rifiuti dell’Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità.

Share

Disagi dei pendolari Palermo-Sciacca-Palermo, iniziative del M5S

Nuovi disservizi sulla tratta Palermo-Sciacca-Palermo e soliti disagi per pendolari e cittadini fruitori del servizio di trasporto pubblico gestito dalla Autolinee Gallo Srl.

La dettagliata segnalazione dell’associazione di promozione sociale L’AltraSciacca è diventata una interpellanza parlamentare a firma del deputato saccense Matteo Mangiacavallo e di tutto il gruppo del Movimento Cinque Stelle all’Assemblea Regionale Siciliana tramite cui si chiede un intervento all’Assessorato Regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità.

Un’interrogazione dal contenuto identico sarà presentata dai consiglieri Bilello e Curreri per interessare il Sindaco di Sciacca alla soluzione di questa annosa vicenda che ha sempre visto il M5S in prima linea.

Al contempo, sempre da parte di Matteo Mangiacavallo, è stata chiesta la convocazione urgente di un’audizione presso la IV Commissione Ambiente e Territorio dell’ARS, alla presenza dell’Assessore regionale di competenza, dei responsabili della ditta Autolinee Gallo Srl, dell’associazione L’AltraSciacca e del Comitato pendolari Sciacca-Palermo-Sciacca.

Share

Ambiente, allarme M5S: progetto Eni per ricerca di idrocarburi con esplosioni in mare tra Gela e Licata

Interpellanza dei deputati della Commissione ambiente all’Ars: “Musumeci non prosegua la svendita avviata da Crocetta. Il progetto Eni è disarmante, tra l’altro la Sicilia riceve meno di 300 mila euro l’anno di royalties, praticamente un piatto di lenticchie”.

“Esplosioni in mare per la ricerca di idrocarburi nel canale di Sicilia davanti alle coste tra Gela e Licata. Musumeci non prosegua la svendita della Sicilia ai petrolieri per un piatto di lenticchie e neghi le autorizzazioni”.

A dichiararlo sono i deputati della Commissione Ambiente del Movimento 5 Stelle all’Ars Giancarlo Cancelleri, Stefania Campo, Giovanni Di Caro, Nuccio Di Paola e Matteo Mangiacavallo, che avendo accolto l’appello di cittadini e dell’associazione Stoppa la Piattaforma con in testa l’ingegnere Mario Di Giovanna, hanno depositato interpellanza urgente con la quale si chiede al governo Musumeci se ha intenzione di opporsi all’istanza dell’Eni.

“La nuova istanza presentata dalla ENI Divisione Exploration & Production – spiegano i deputati – ha riattivato le procedure di Valutazione di Impatto Ambientale lo scorso 29 novembre. Il programma dei lavori mette i brividi, si prevedono infatti l’acquisizione di circa 120 Kmq nel golfo di Licata e Gela di sismica 3D attraverso la tecnica dell’airgun, una serie di esplosioni in mare che hanno effetti devastanti nella delicata flora e fauna marina, ed una fase finale con la perforazione di un pozzo esplorativo, il tutto finalizzato alla ricerca di gas e petrolio in mare. Quest’ultima istanza è l’ultima di una lunga serie che a varia titolo sono state richieste ed in molti casi ottenute nel Canale di Sicilia, che rischiano in caso di incidente rilevante di distruggere l’ambiente e l’economia Siciliana.

A peggiorare il tutto – sottolineano i deputati – le ricadute economiche per la Regione Siciliana sono praticamente nulle, a titolo d’esempio le Royalty pagate alla nostra Regione per tutte le piattaforme attive nel canale di Sicilia nel 2017 sono ammontate a soli 296.347,75 euro, meno di 6 centesimi a Siciliano, per mettere a rischio di disastro ambientale un’intera Regione”.

“Con la nostra interpellanza – spiegano i deputati – chiediamo al Presidente Musumeci se, nei termini previsti dalla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale che scadevano lo scorso 3 febbraio, si è opposto a questo ennesimo progetto di ricerca e se più in generale vuole intraprendere un opposizione politica e legale contro lo sfruttamento petrolifero ed industriale del Canale di Sicilia oggetto di numerosissime istanze e permessi di ricerca e coltivazione di idrocarburi in mare o se vuole come il passato presidente Crocetta, svendere il nostro mare e mettere a rischio il nostro ambiente e la nostra economia – concludono – per pochi centesimi di euro a siciliano”.

Share

Istruzione, “la Regione azzera contributo a quattro Convitti”. Interpellanza M5S a Musumeci

La deputata regionale Stefania Campo: “Inaccettabile decapitazione finanziaria senza preavviso. L’esecutivo faccia marcia indietro”.

“Abbiamo appreso che lo scorso 22 novembre i quattro Convitti di Modica, Caltanissetta, Giarre e Sciacca sono stati esclusi dagli impegni di spesa per il funzionamento amministrativo e didattico delle Istituzioni Scolastiche funzionanti in Sicilia per l’anno scolastico 2017/2018. Una inaccettabile decapitazione finanziaria senza comunicazione preventiva”.

A dichiararlo è la deputata regionale del Movimento 5 Stelle Stefania Campo, prima firmataria di una interpellanza del gruppo M5S e sottoscritta anche dal deputato Giorgio Assenza di Diventerà Bellissima. Un’interpellanza urgente al Presidente Musumeci, all’Assessore all’Istruzione Lagalla e all’Assessore all’Economia Armao, per conoscere le motivazioni che hanno condotto ad una simile sciagurata scelta e per chiedere conseguenzialmente il ripristino immediato del suddetto finanziamento.

“A fine novembre – spiega Campo – con un decreto del dirigente generale del dipartimento regionale dell’istruzione, tutto il personale dipendente e gli alunni stessi, ospiti dei Convitti, hanno, improvvisamente, scoperto di non poter più godere del contributo regionale. I Dirigenti Scolastici dei Convitti siciliani, fra l’altro, ci hanno espressamente confermato di non aver ricevuto nessuna comunicazione formale, né tantomeno sono stati contattati per un confronto istituzionale, da cui magari far sorgere orizzonti alternativi di auto-sostegno economico. Risulta evidente che avendolo saputo per tempo – continua Stefania Campo – i Dirigenti Scolastici si sarebbero adoperati per valutare coscienziosamente se offrire o meno il servizio per l’anno scolastico in corso”.

“Che sia questa la grandiosa prospettiva della Buona Scuola, tanto declamata dal fu presidente Renzi e dall’indimenticabile governatore Crocetta? – aggiunge il Deputato nisseno Nuccio Di Paola.

“Sarà necessario – aggiunge il deputato Matteo Mangiacavallo – aprire un confronto serio e ponderato sulle future prospettive di contribuzione da parte della Regione Siciliana, coinvolgendo in primo luogo le direzioni scolastiche dei Convitti”.

Share

Asp di Agrigento, nessuna proroga per i contrattisti. Il deputato del M5S Mangiacavallo interpella l’assessore Gucciardi

asp_agrigento_3-920x520

“Il Direttore generale dell’Asp di Agrigento non ha ancora disposto la proroga annuale dei contratti a tempo determinato dei soggetti utilizzati in attività socialmente utili dall’Azienda sanitaria provinciale”. Il deputato del Movimento 5 Stelle Matteo Mangiacavallo presenta un’interpellanza all’Ars indirizzata all’assessore alla Salute Gucciardi nella quale chiede l’intervento urgente della Regione. “Non possiamo abbandonare i 240 contrattisti e le rispettive famiglie”, dichiara il parlamentare Cinquestelle.

Si tratta di un’ingiustizia – afferma Mangiacavallo – visto che in tutte le altre Aziende sanitarie provinciali della Regione, l’art. 30 della legge n. 30 del 2014 è stato tempestivamente applicato e conseguentemente è stata disposta, nelle more della stabilizzazione, la proroga fino al 31 dicembre 2016 dei contratti dei lavoratori cui la legge regionale fa espresso riferimento”.

Share

Sciacca. Il reparto di Emodinamica dell’ospedale Giovanni Paolo II rimane senza sale operatorie, il M5S chiede l’intervento urgente della Regione per accertarne le responsabilità

ospedale_sciacca_giovanni-paolo-II

Il reparto di Emodinamica dell’ospedale di Sciacca rimane senza sale operatorie a seguito di un guasto alle apparecchiature della seconda sala, unica rimasta funzionante. La prima sala, infatti, risultava chiusa già da diversi mesi per un guasto al gruppo di continuità.

Questa mattina il sopralluogo nel nosocomio saccense effettuato dal deputato del Movimento 5 Stelle Matteo Mangiacavallo. “Apprendiamo che il tentativo di risolvere l’emergenza rimettendo in funzione la prima sala non ha sortito alcun effetto – denuncia Matteo Mangiacavallo – e dunque le uniche speranze di un ripristino immediato dei servizi dell’Emodinamica sono affidate agli interventi da effettuare sulla seconda sala. Ovviamente ci auguriamo che nel frattempo non accada nulla e che nessuno debba necessitare dei servizi del reparto. E’ inconcepibile essere arrivati a tale situazione dopo mesi in cui si poteva intervenire per ripristinare la prima sala. Ci sono responsabilità che vanno accertate“.

Mangiacavallo invoca l’intervento urgente della Regione attraverso un’interpellanza rivolta all’assessore Gucciardi al quale chiede di verificare eventuali responsabilità gestionali in ordine al mancato ripristino del funzionamento della prima sala operatoria. Sono stati, inoltre, formalmente richiesti gli atti relativi a tutte le apparecchiature attualmente non funzionanti presso l’Ospedale di Sciacca per “risolvere immediatamente questa emergenza e far si che situazioni simili non abbiano più a verificarsi” – conclude il deputato del M5S.

Share

Girgenti Acque – Mangiacavallo: “Marco Campione vuole lasciare ma ha paura delle penali? Non si preoccupi, anche i sindaci, forse, vorrebbero mandarlo a casa gratis”

Presentata una nuova interpellanza per chiedere la risoluzione consensuale della convenzione tra gestore e ATO AG9.

Matteo-Mangiacavallo-M5S

Non sono sfuggite le dichiarazioni di Marco Campione, presidente della Girgenti Acque Spa, al deputato regionale del M5S Matteo Mangiacavallo, impegnato per un ritorno alla gestione pubblica nella ex provincia di Agrigento, fin dalla sottoscrizione della convenzione con il gestore privato avvenuta nel lontano 2007.

“Le parole hanno il loro peso – dichiara Mangiacavallo – soprattutto quelle che finiscono sulla carta stampata. Sono portato a credere, fino a prova contraria, alla buona fede di tutti i personaggi pubblici ma non credo a Campione quando cerca di convincere la gente che sta gestendo il servizio idrico per spirito di sacrificio. Nonostante tutto voglio sforzarmi di credergli quando dice che se non fosse per le penali da pagare, Girgenti Acque avrebbe già lasciato il campo”.

Il deputato saccense del Movimento 5 Stelle ha presentato l’ennesima interpellanza con la quale chiede al governo l’istituzione di un tavolo tecnico per addivenire ad una risoluzione “consensuale” anticipata della convenzione sottoscritta dal gestore e dall’ATO Idrico di Agrigento.

“Cogliamo al volo la volontà di Campione e veniamogli incontro – conclude Matteo Mangiacavallo – ha paura delle penali? E’ la stessa preoccupazione manifestata dai sindaci. Le due parti non avviano la risoluzione anticipata del contratto per timore di pagare le penali. Non vi sembra assurdo? Non vi sembra un paradosso? Benissimo, ho chiesto al governo regionale di convocare ATO e Girgenti Acque per farli dialogare e addivenire ad una risoluzione anticipata del contratto che escluda il pagamento delle penali. E poi vediamo chi bluffa”.

Share

Invitalia, al palo più di 500 imprenditori in Sicilia. La denuncia del deputato Mangiacavallo: “Da 8 mesi Sviluppo Italia Sicilia non avvia la valutazione delle istanze”

invitalia

Già dal 25 marzo 2015, Sviluppo Italia Sicilia non avvia la valutazione delle istanze presentate ai sensi del D. Lgs. 185 del 2000 dai giovani e meno giovani imprenditori dell’Isola”. Lo denuncia il deputato del Movimento 5 Stelle Matteo Mangiacavallo che ha presentato un’interpellanza affinché intervenga direttamente l’assessorato regionale alle Attività produttive. “In Sicilia, – continua Mangiacavalloallo stato attuale, giacciono oltre 500 domande inevase. Domande che hanno comportato anche dei costi per numerosi istanti che, al fine di avanzare la domanda, sono stati costretti a costituire varie forme societarie”.

Secondo il deputato Cinquestelle dell’Agrigentino, lo strumento finanziario ha rappresentato per decenni un fondamentale volano di sviluppo soprattutto per il Mezzogiorno. In Sicilia, solo con le misure del Titolo II, dal 2003 sono nate circa 9.000 nuove imprese, con più di 250.000 milioni di Euro erogati. “Interrompere l’erogazione di queste misure agevolate – conclude Mangiacavallo – significa, nella sostanza, impedire a migliaia di giovani la possibilità di crearsi la propria imprese. Proprio in un momento di forte crisi economica e sociale, gli sforzi dello Stato e degli Enti locali dovrebbero essere concentrati ed indirizzati a sostenere le imprese, vista anche l’estrema difficoltà di accesso al sistema finanziario privato”.

Share

Alla guida dell’Ircac la stessa persona da 11 anni. Mangiacavallo: “Rimuovere subito Carullo, la nomina del commissario e’ illegittima”

Il deputato Cinquestelle interpella il governo regionale: “Anche l’attività di controllo svolta dal Collegio sembrerebbe essere fondata su un atto non valido”.

Antonio-Carullo

Da oltre undici anni, esattamente dal 2004, l’Istituto regionale per il credito alla cooperazione (Ircac) continua ad essere rappresentato dalla stessa persona, l’avv. Antonio Carullo. “Anomalo è il percorso che ha portato il rappresentante legale Carullo, presidente dell’Istituto in una prima fase, ad essere nominato successivamente anche in qualità di Commissario straordinario”. Lo denuncia il deputato del M5S Matteo Mangiacavallo che adesso interpella l’assessore alle Attività produttive e chiede la rimozione urgente del Commissario. “L’ultima nomina commissariale – afferma – è stata attribuita allo stesso con un illegittimo incarico senza termine di mandato, per giunta dopo tre mesi dall’ultima scadenza. Inoltre, nessun pronunciamento è stato richiesto alla commissione competente all’Ars. Infine, secondo la legge n.22 del ’95, nessuno può essere chiamato a ricoprire incarichi per più di tre mandati consecutivi”.

Andranno controllati, ovviamente, – aggiunge il parlamentare Cinquestelle – tutti gli atti compiuti e tutti i provvedimenti adottati dall’atto dell’insediamento di Carullo”. Inoltre, dal 2011 risulta cessato per scadenza dalle proprie funzioni il Collegio dei revisori dell’ente che è stato ricostituito ad aprile 2015. “Anche questo provvedimento – conclude Mangiacavallo – risulta palesemente illegittimo per la violazione delle leggi regionali che prevedono espressamente ed inderogabilmente la composizione dei collegi dei revisori presso gli enti regionali”. Il deputato del Movimento 5 Stelle chiede quindi vengano rimosse anche le irregolarità ed illegittimità connesse alla nomina del Collegio dei revisori.

Share

Ars, dove “le interrogazioni non servono a nulla”

La denuncia del M5S.

ars

Interrogazioni? Stiamo pensando seriamente di non presentarne più, le risposte sono spessissimo inutili, aleatorie o addirittura assurde. Così non servono a nulla. Ardizzone strigli il governo e pretenda risposte serie e il rispetto del parlamento. Continuare così non serve a nulla”.
E’ rabbia a 5 stelle o quasi dopo la tornata di risposte su Formazione e istruzione di martedì scorso a sala d’Ercole.

“Alcune volte – affermano i deputati Matteo Mangiacavallo e Valentina Zafarana – si ha quasi la sensazione che vogliano prenderci per i fondelli. La quasi totalità delle risposte mira a scaricare a terzi la responsabilità dell’oggetto della richiesta, oppure sono palesemente assurde”.

E’ il caso, ad esempio, della risposta data a Matteo Mangiacavallo che interrogava il governo “sulle sule sorti dell’istituto superiore statale musicale Toscanini di Ribera. A Crocetta il deputo chiedeva “nelle more della statizzazione degli istituti pareggiati musicali, quali azioni si intendano adottare per evitare la chiusura immediata ed immeritata dell’ISSM ‘Toscanini’, la lesione del diritto allo studio di centinaia di studenti e la perdita del lavoro dei 10 docenti di ruolo”.

“Mi è stato risposto – afferma Mangiacavallo – che la Regione Siciliana non ha competenze in ordine alla statalizzazione. Che è cosa che sapevamo e che non era certo quello a cui mirava l’interrogazione. Delle due, quindi, l’una: o le interrogazioni alla Regione non le leggono nemmeno, o chi la fa ha seri problemi con la lingua italiana”.

Interpellanza forse neanche letta quella di Valentina Zafarana, che chiedeva la verifica dei requisiti di legge di enti di formazione professionale coinvolti troppo spesso in ruberie e cosa intendesse fare l’assessorato nei confronti di enti che non risultassero no profit e che, quindi, per per legge, dovrebbero essere esclusi dall’erogazione dei finanziamenti .

“Ci è stato data una non risposta – dice la deputata – e cioé che l’albo dei lavoratori fa riferimento alle persone fisiche e non agli enti, quando è ormai noto come molti degli enti siano società Spa o Srl. Ed era questo il nodo su cui intendevamo ottenere documentata risposta, ma evidentemente il governo della rivoluzione preferisce nascondersi dietro ai giri di parole”.

Fonte: palermo.blogsicilia.it

Share