Sciacca, città delle zanzare! Chiediamo intervento immediato dell’Amministrazione

È notizia di ieri dell’intervento del deputato regionale del M5S Matteo Mangiacavallo che consentirà la messa in funzione del sistema di disinfestazione contro le zanzare di cui è dotato l’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca, collaudato nel 2013 e poi subito, inspiegabilmente, spento.

Molti quartieri di Sciacca, nel frattempo, tra l’indignazione dei residenti e dei turisti che li frequentano, sono letteralmente invasi da questi simpatici insetti.

Ricordiamo, come se fosse ieri, l’intervento dell’ASP di Agrigento che sollecitava i sindaci, già dal mese di Marzo, a provvedere entro il successivo alla disinfestazione per colpire i cicli biologici dello sviluppo di microrganismi: primi fra tutti le larve della zanzara “Tigre” e quelle delle zanzare trasmettono il virus Zika.

A Sciacca le larve sono diventate un popolo di zanzare assetate di sangue. Da Marzo ad oggi, l’amministrazione comunale ha annunciato almeno due disinfestazioni che, se sono state eseguite a dovere, testimoniano che le zanzare saccensi hanno maggiore resistenza rispetto a quelle di altri paesi. Potrebbe essere l’occasione per invitare entomologi nella nostra città per studiarne il caso.

E’ innegabile che la presenza di numerose zanzare possa essere un servizio aggiuntivo, rispetto ai pochi che la nostra cittadina offre, ma noi, come sicuramente i tanti turisti che affollano Sciacca, ne vorremmo fare piacevolmente a meno.

Mettendo al bando l’ironia, che il sindaco provveda ad una “nuova” disinfestazione di una città amministrata più dalle zanzare che dalla Giunta Valenti, ponendo fine a questa intollerabile e vergognosa situazione.

Share

Un anno di ARO: nuovi quartieri discarica, mancata estensione del porta a porta e premialità perse. Adesso facciamo i conti!

E’ passato un anno dall’entrata in vigore del piano ARO. La percentuale della raccolta differenziata,  benché aumentata, oggi non raggiunge ancora la soglia del 65% che era prevista sin dal sesto mese di avvio del servizio, né a maggior ragione quella del 86% prevista a conclusione del primo anno.

Questo è un primo fallimento e purtroppo i nodi da sciogliere sono ancora tanti.

Partiamo dal fenomeno della nascita dei nuovi quartieri discarica. Con l’avvio parziale del porta a porta, alcune zone della città, dove invece il porta a porta non è partito, si sono trasformate in discariche a cielo aperto. Diverse le cause di questa situazione, una fra tutte la mancata consegna a domicilio dei mastelli, che, se fosse avvenuta, avrebbe permesso non solo di preparare tutti i cittadini a una corretta differenziata, ma avrebbe inoltre garantito più facilmente di scovare gli evasori della TARI, gli stessi che ora, pur di sfuggire ai controlli, non ritirano i mastelli e gettano l’immondizia dove ancora è possibile.

Ma a conclusione del primo anno di contratto è anche ora di fare i conti. Il tempo dell’attesa è terminato cari Sindaco Valenti e Assessore Mandracchia. E’ giunto finalmente il momento di mettere a conoscenza la città, vessata da un aumento della TARI dell’11%, di come questa Amministrazione intenda compensare un anno di mancanze delle ditte e di come intenda rivalersi su di esse per quegli oneri che abbiamo pagato per intero, anche in presenza di un servizio parziale.

Non basta! I cittadini vogliono anche sapere se il porta a porta verrà esteso come promesso. A sentire l’Assessore Mandracchia l’Amministrazione si sarebbe dovuta presto accordare con le ditte per mantenere il porta a porta in località non fornite dal servizio nel piano ARO, come la Foggia o San Marco.  Si tratterebbe di un baratto di servizi, operazione in cui in cambio del servizio porta a porta  dovremo rinunciare ad altri servizi ritenuti non fondamentali (da chi poi?).

Premesso che siamo assolutamente favorevoli al mantenimento del porta a porta nelle contrade che ormai da anni sono abituate alla differenziata, vogliamo però che l’Amministrazione informi il Consiglio con conti alla mano. Perché le domande sorgono spontanee. Chi ha deciso che per mantenere il porta a porta in alcune località dobbiamo rinunciare a dei servizi compresi nel piano ARO ed eventualmente chi decide quali? Davvero la raccolta porta a porta ha un costo maggiore rispetto a quella di prossimità e di quanto? Siamo sicuri che la raccolta con i mastelli costa di più dell’acquisto e della gestione di nuovi cassonetti che vanno lavati periodicamente e svuotati mediante dei costosissimi autocompattatori?

Ancora poche certezze dunque, tranne una: Sciacca è stata esclusa dalle sovvenzioni previste nella Finanziaria 2018 per i Comuni ricicloni. Vediamo se riusciremo nell’impresa il prossimo anno!

Share

La Corte dei Conti boccia gli ex amministratori e evidenzia una grave crisi di liquidità strutturale. L’Amministrazione Valenti si attivi per trovare soluzioni concrete

Venerdì 9 febbraio, nel corso della prossima seduta del Consiglio comunale, verranno analizzati e discussi il DUP e il bilancio di previsione 2017.

Tra i principi che ispirano la redazione del bilancio pubblico, secondo il Testo Unico degli Enti Locali, vi è quello dell’“equilibrio di bilancio”: ovvero il Comune deve rispettare in ogni fase un equilibrio contabile. E’ proprio su questo punto che riteniamo fondamentale fare chiarezza perché è giusto che i cittadini conoscano la grave situazione in cui versa il Comune di Sciacca.

Prima palese anomalia risiede nel fatto che, ancora una volta, ci ritroviamo ad approvare un bilancio di previsione l’anno successivo a quello di riferimento.

Secondo grave fatto da rendere noto alla città riguarda la lunga relazione pervenuta recentemente al Comune di Sciacca dalla Corte dei Conti, la quale, dopo aver esaminato il rendiconto del 2015 e il bilancio di previsione 2016-2018, boccia pesantemente l’operato dei nostri amministratori palesando la grave crisi di liquidità strutturale nella quale versa la nostra città. Secondo la Corte dei Conti, infatti, il Comune di Sciacca:

  • continua a fare anticipazioni di cassa sulle quali paghiamo gli interessi;
  • non riesce a riscuotere tributi; rispetto a quanto dichiarato in bilancio tra le somme evase riscuote meno del 20%;
  • non accantona le dovute somme per far fronte ai contenziosi;
  • ha dei residui attivi esagerati, ovvero, mette in bilancio somme che dice che riscuoterà ma poi non ci riesce;
  • ha troppi debiti fuori bilancio (somme da pagare non preventivate);
  • utilizza entrate straordinarie per chiudere il bilancio; secondo la Corte dei Conti questo non è più sostenibile.

Inoltre la Corte rileva che: “le criticità segnalate già da tempo non siano adeguatamente affrontate al fine di rimuovere le cause ed anzi appaiono essersi, in taluni casi, aggravate negli ultimi esercizi”. In conclusione la Corte dei conti : “…accerta la presenza di talune rilevanti irregolarità contabili e criticità di bilancio che, ove non tempestivamente rimossi, appaiono in grado di generare risultati di amministrazione non veritieri e non corrispondenti a quanto imposto dai vigenti principi contabili ovvero di mettere a repentaglio gli equilibri di bilancio e di incidere sulla sostenibilità finanziaria, in termini di cassa, del bilancio.

E’ evidente che lo stato in cui versano le casse comunali oggi non è da attribuire all’amministrazione attuale, ma è frutto di anni di cattiva gestione finanziaria della cosa pubblica. E pensare che sono proprio quelle parti politiche che accusano il M5S di incompetenza ad averci condotto in questo stato. Ma è anche vero che è l’amministrazione attuale ad avere oggi la responsabilità di mettere in atto soluzioni concrete e definitive per uscire dalla grave crisi finanziaria che attanaglia la nostra città.

D’altronde amministrare significa anche, e soprattutto, far quadrare i numeri. Se ciò non accade, se manca la programmazione per una corretta gestione finanziaria della cosa pubblica, si fanno scelte scellerate che non porteranno a nulla di buono. Prima o poi i nodi verranno al pettine e sarà ancora una volta il cittadino onesto a pagarne le conseguenze.

E questo non deve più accadere.

Share

Il M5S Sciacca predispone un modulo per la segnalazione dei disservizi di Girgenti Acque

Dai mezzi di informazione apprendiamo che la Girgenti Acque SpA ha istituito un questionario telefonico per ottenere valutazioni del servizio offerto alla gente. Dopo dieci anni di arroganza e “strafottenza” assolute, forse, era giunta anche l’ora. Non servirebbe alcun questionario se si offrisse un servizio efficiente, efficace ed economico e se l’utenza non venisse sistematicamente bistrattata e maltrattata.

Su sollecitazione dei cittadini il M5S ha creato un format, che oggi presenta, per la segnalazione di tutti i disservizi di cui ogni giorno sono vittime. Gli obiettivi che vogliamo perseguire sono i seguenti:

  • continuare a misurare il grado di malcontento dei cittadini come ormai facciamo da anni;
  • dare uno strumento concreto e semplice da utilizzare per la segnalazione dei disservizi offrendo uno sportello di fatto sempre aperto e a completa disposizione del cittadino;
  • fare in modo che i reclami non vengano persi per strada rimanendo inascoltati; ci occuperemo noi stessi, infatti, di inoltrare tutte le segnalazioni pervenute sia a Girgenti Acque SpA che al Sindaco affinchè tutte le nostre lamentele arrivino a destinazione;
  • raccogliere le prove delle enormi lacune del servizio offerto per arricchire il dossier che il nostro Sindaco ha predisposto per l’ATI.

Il modulo può essere scaricato sin da subito dal nostro sito web dalla pagina “Segnalazioni” al seguente indirizzo: http://www.sciacca5stelle.it/segnalazioni. Qualunque cittadino può compilarlo e consegnarlo presso la nostra sede.

In questa delicata fase di raccolta delle segnalazioni chiediamo il coinvolgimento di tutte le associazioni, dei comitati di quartiere, degli amministratori di condominio e di ogni singolo cittadino.

Riteniamo che con la partecipazione di tutti, dimostrando giornalmente quanto carente risulti il servizio offerto dal gestore, si possa raggiungere l’obiettivo finale di vedere risolto il contratto.

Share

Crisi idrica a Sciacca – Mangiacavallo (M5S): “Valenti chieda la risoluzione del contratto con Girgenti Acque”

E’ crisi idrica a Sciacca. Intere zone lasciate a secco per più di 10 giorni. In determinati casi l’acqua non arriva nemmeno con le autobotti e la popolazione è inferocita. Ecco le dichiarazioni del deputato regionale Matteo Mangiacavallo, da sempre attento alla tematica.

“Le gravi inadempienze del gestore sono diventate gravissime – commenta il pentastellato saccense – e il sindaco fa bene a rivolgersi alla Procura. Al contempo, però, vada all’ATI per chiedere la risoluzione anticipata del contratto perché quanto sta avvenendo a Sciacca è davvero intollerabile”.

“La Procura indaghi anche su ulteriori assunzioni fatte dalla Girgenti Acque in questi ultimi mesi, – conclude Mangiacavallo – giusto in periodo sospetto. Noi faremo la nostra parte chiedendo tutti gli atti necessari. Non vorremmo che il sistema ‘assumificio’, denunciato dall’ex procuratore di Agrigento, il dott. Fonzo, abbia avuto un seguito anche nell’ultima tornata elettorale.”

Share

Rischio incendi: il M5S chiede sinergia tra pubblico e privato per garantire la sicurezza

Gli incendi recentemente verificatisi a Sciacca hanno messo in luce l’estrema sensibilità del nostro territorio al rischio incendi e la mancanza di un’adeguata attenzione al problema.

Partendo dalle segnalazioni di singoli cittadini, il M5s ha cercato di individuare le aree di criticità della città chiedendo la collaborazione dei vari comitati di quartiere. Da queste è stata prodotta una planimetria con indicazione delle aree incolte che necessitano di scerbatura per prevenire il pericolo incendio.

Eppure esiste l’ordinanza sindacale n. 21 del 19/05/2015 che impone ai privati di mantenere le aree incolte di propria pertinenza in stato tale da poter prevenire incendi e garantire lo smaltimento della acque meteoriche. A questa si deve aggiungere la determinazione dirigenziale del 04/05/2017 con la quale sono stati affidati, in via d’urgenza, alla ditta ATI – SEA Servizi Ecologici Ambientali S.r.l., i servizi ambientali e di igiene pubblica nel territorio del comune di Sciacca che, oltre a prevedere un’efficiente gestione dei rifiuti, vedono inclusi i servizi di scerbatura delle aree pubbliche incolte.

A tal proposito, i consiglieri del M5S, Teresa Bilello e Alessandro Curreri , hanno presentato all’Amministrazione comunale un’interrogazione per conoscere se la stessa intenda procedere, nell’interesse della città e dei suoi cittadini, al rispetto dell’ordinanza sindacale del 19/05/2015, quali mezzi e personale l’attuale ditta abbia attualmente impegnato nelle operazioni di scerbatura nelle more di un affidamento d’urgenza e se si voglia procedere ad un’intensificazione del servizio di scerbatura al fine di ridurre il rischio incendio. All’interrogazione è stata allegata la planimetria del nostro territorio con indicate tutte le aree pubbliche e private segnalateci dai comitati di quartiere.

Il M5S ancora una volta affronta il problema individuando nella partecipazione e il coinvolgimento dei cittadini il metodo giusto per risolverli e con l’occasione ringrazia tutti i comitati di quartiere per la fattiva collaborazione.

Si ricorda ancora che il servizio di segnalazione delle aree incolte rimane sempre attivo e disponibile ai cittadini mediante il link seguente: http://www.sciacca5stelle.it/segnala-aree/ .

Share

Sciacca, Via Ghezzi al buio dallo scorso 25 novembre. Facciamo un po’ di luce!

La Via Enrico Ghezzi di Sciacca risulta al buio dal 25 novenbre 2016. Il guasto del servizio di pubblica illuminazione è stato segnalato numerose volte a chi di competenza, ma sino ad oggi il problema risulta irrisolto.

L’Assemblea del Movimento 5 stelle di Sciacca fa proprio il disagio dei cittadini e sollecita l’intervento risolutore dell’Amministrazione comunale.

Il servizio di pubblica illuminazione è stato affidato dall’attuale Amministrazione alla società Gemmo secondo la convenzione Consip “Servizio luce 2”, la quale ha una durata minima di 5 anni che però è stata estesa ad 8 sempre dalla Giunta guidata da Di Paola. Questa convenzione prevede che, a fronte del pagamento di un canone annuale dipendente dal numero di punti luce esistenti in città, la società affidataria si faccia carico del pagamento dei consumi elettrici, dell’aggiornamento dell’impianto alla tecnologia LED e della manutenzione preventiva, ordinaria e straordinaria. E’ pertanto evidente che ogni qualvolta un intero quartiere della città non risulta illuminato si arreca un grave disagio ai cittadini in termini di comfort e di sicurezza, mentre la società che gestisce il servizio beneficia di un inopportuno guadagno legato ai minori consumi elettrici.

Per evitare questo circolo vizioso a discapito degli utenti, il contratto stipulato con la Gemmo impone tempi strettissimi di intervento legati alla gravità del disservizio, tempi che vanno dall’immediatezza della soluzione, nel caso in cui ci sia pericolo per le persone, ai 3/15 giorni nel caso in cui ci sia un’interruzione del servizio in 3 o più corpi illuminanti. Inoltre, per ogni ritardo nel ripristino del servizio rispetto ai tempi previsti dal capitolato, si applicano penali salatissime che vanno dai 50 ai 100 Euro per ogni ora accumulata e che possono essere applicate a discrezione dell’Amministrazione.

Alla luce delle precedenti considerazioni l’Assemblea M5S Stelle di Sciacca chiede anche all’Amministrazione comunale:

  • le motivazioni per cui il servizio di pubblica illuminazione nella via Ghezzi è assente dal 25 novembre dell’anno scorso;
  • se per il grave disservizio nella Via Ghezzi sono maturate le condizioni per l’applicazione delle penali e se le stesse sono state chieste al gestore del servizio;
  • quali sono le motivazioni per cui ha deciso di estendere la durata del contratto da 5 a 8 anni;
  • se per gli altri guasti nel servizio di pubblica illuminazione sono stati rispettati i tempi di intervento e se sono mai state chieste le penali al gestore del servizio;
  • quali sono gli investimenti previsti dal contratto per il miglioramento della pubblica illuminazione e se questi sono stati regolarmente effettuati;
  • se ha avuto accesso al registro dei punti illuminanti di Sciacca, come previsto dal contratto, e se è mai stata fatta una verifica sulla loro reale esistenza e funzionamento.

Assemblea M5S Sciacca

Share

Sciacca, segnalazioni dei Cittadini per l’Amministrazione comunale

​Alcuni membri dell’Assemblea del Movimento 5 stelle di Sciacca si sono recati sabato mattina presso il mercato di San Michele per confrontarsi con i Cittadini. Durante la svolgimento dell’iniziativa sono state raccolte alcune segnalazioni che giriamo all’Amministrazione comunale.

In particolare i Cittadini lamentano:

  • lo stato di degrado in cui versa da tempo la Via Empedocle;
  • l’assenza di illuminazione della Via Tresca dal mese di Novembre 2015;
  • la presenza di possibile acqua inquinata nella zona di San Marco e della Perriera, o comunque nei quartieri serviti dai pozzi Grattavoli.

L’ultima delle tre segnalazioni, se confermata, merita un’attenzione particolare sia perché occorre emanare avviso pubblico onde evitare che tale acqua venga usata dai cittadini come potabile sia per intimare al gestore un’immediata soluzione del problema.

Certi di un sollecito riscontro, l’Assemblea ringrazia anticipatamente l’Amministrazione a nome dei Cittadini che ci hanno inoltrato le segnalazioni.

Assemblea M5S Sciacca

Share

Di nuovo uno sversamento in zona Stazzone

sversamento-stazzone-20161006-6

Attraverso delle foto un nostro attivista ci segnala la presenza di sversamenti anomali nella vecchia foce del Cansalamone, allo Stazzone. Con la nuova rete fognaria, che convoglia gli scarichi della città al depuratore, ciò non dovrebbe accadere. I liquidi copiosi che giungono a mare emanano un olezzo di salamoia, indicando la probabile provenienza da un’attività ittico-conserviera. Ci chiediamo se siamo di fronte a uno sversamento abusivo, a un problema alla rete fognaria o a un problema dell’impianto di depurazione, consegnato da anni nelle mani “esperte” di Girgenti Acque. Certamente qualcosa non sta funzionando come dovrebbe.

Siamo fiduciosi che le autorità competenti possano far luce su quanto accade.

Assemblea M5S Sciacca

Share

Il vero quesito del Referendum costituzionale #iodicono

iovotono-referendum-costituzionale

di Nicola Morra

Il quesito proposto da Renzi per il referendum dice: “Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?

Una scheda vergognosamente faziosa, mistificatoria e incompleta.

Quindi l’ho riscritta io. Una scheda ONESTA che mette i cittadini davanti alla verità, nella condizione migliore di poter scegliere dovrebbe recitare: “Approvate il testo della legge costituzionale concernente “l’elezione dei senatori ad opera dei segretari dei partiti anziché dei cittadini, la concessione dell’immunità per consiglieri regionali e sindaci che faranno un doppio lavoro, il mantenimento dei costi sostanziali del senato, l’accentramento di competenze regionali, ma solo per le 15 regioni ordinarie, la triplicazione (da 50mila a 150mila) del numero di firme per le leggi di iniziativa popolare”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n.88 del 15 aprile 2016?”

Condividiamola, facciamola girare. Servirà a contrastare la propaganda che Renzi vuole fare perfino nella cabina elettorale! #IoVotoNo

Fonte: ilblogdellestelle.it

Share