Sciacca, atti vandalici allo Spazio K – Solidarietà del M5S locale

L’Assemblea permanente del Movimento 5 Stelle di Sciacca denuncia: “Poca attenzione verso la Cultura. L’Amministrazione comunale specchio di questo disinteresse. Prova ne è l’esigua quota della tassa di soggiorno destinata alla Cultura”.

spazio-kappa-sciacca-2

“Vicinanza e solidarietà a Katia Licari per l’ennesimo atto di vandalismo subito nel suo spazio culturale Spazio K. Un atto di vigliaccheria mosso da ignoti che non hanno certamente a cuore la cultura e che probabilmente si rispecchia in quella poca attenzione dimostrata anche dall’Amministrazione comunale che della tassa di soggiorno ha investito sulla cultura appena l’11%”. A dichiararlo sono i componenti dell’Assemblea del Movimento 5 Stelle di Sciacca in riferimento all’atto vandalico subito dallo spazio culturale della concittadina Katia Licari.

“Negli ultimi anni – spiegano gli attivisti M5S – si è assistito inermi al progressivo impoverimento di proposte culturali anche per la mancanza di spazi dedicati cosicché chi fa cultura, o propone eventi culturali, si trova costretto a spostarsi in altre città oppure prova a crearli in spazi privati. Per non tenere conto del degrado urbano del centro storico e sopratutto del luogo scelto da Katia Licari – nel cuore del centro storico – spesso sporco e privato della necessaria vigilanza da parte degli organi competenti. Centri urbani come quello saccense sono stati oggetto di valorizzazione e interesse culturale che hanno stimolato la partecipazione attiva di cittadini e operatori artistici residenti in varie città d’Italia e all’estero, contribuendo, quindi, alla crescita culturale, sociale ed economica della collettività”.

“Riteniamo pertanto che la prossima Amministrazione dovrà essere capace di riportare la Cultura al centro dell’attenzione collettiva, individuando spazi e risorse certe da investire. La Sciacca carnevalecentrica – aggiungono – ha in questi anni mortificato tutti gli operatori culturali rendendo l’offerta monotematica con investimenti sfacciatamente rivolti solo a questa manifestazione. Sarà necessario riequilibrare la divisione delle risorse e diversificare le proposte culturali per ritornare ad essere – concludono i pentastellati – centro di attrazione culturale e turistica”.

Share

“Cambiano continui il proprio lavoro con maggiore grinta, non si lasci intimorire”, la solidarietà del M5S al sindaco di Licata

angelo-cambiano-sindaco-licata

“Solidarietà totale al sindaco di Licata, Angelo Cambiano, sindaco che ha fatto valere la legge con coraggio, disponendo l’abbattimento di alcuni immobili del tutto abusivi”, così l’intero gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’Ars a seguito del gravissimo atto incendiario nella abitazione di Cambiano.

“C’è profonda amarezza per una terra che non vuole assolutamente cambiare, – afferma il deputato dell’Agrigentino Matteo Mangiacavallo – si tratta dell’ennesimo gesto vile ai danni di un sindaco, ormai sempre più “anelli deboli” di questo sistema. Condanniamo con forza atti meschini come quello avvenuto ieri sera e auguriamo al sindaco Cambiano di continuare il proprio lavoro con maggiore grinta, senza lasciarsi intimorire da chi ha fatto dell’antilegge una prassi”.

Share

Reddito di dignità e microcredito. Possiamo dare ossigeno a imprese e famiglie

Trovati 110 milioni in bilancio per garantire un reddito a oltre 20 mila persone. Approvato in Commissione l’emendamento che rimpolpa il fondo prestiti alle aziende

Il gruppo parlamentare del Movimento 5 stelle all’Ars prova a dare una spallata alla crisi con il finanziamento del reddito di dignità e con nuove risorse per il Fondo per il microcredito. I deputati 5 stelle hanno trovato tra le pieghe del bilancio quasi 110 milioni di euro che potrebbero consentire a oltre 20 mila disoccupati, precari e inoccupati di usufruire di un reddito mensile di circa 440 euro al mese, pari all’importo dell’assegno sociale minimo dell’Inps.

Sul fronte imprese, invece, è arrivato in commissione Attività produttive il via libera all’emendamento che dirotta i 3 milioni previsti per la comunicazione istituzionale al Fondo per il microcredito, inserito in Finanziaria per volontà del M5S e che già può contare su circa 350 mila euro, derivanti dalla restituzione di gran parte dello stipendio fatta da inizio legislatura dai parlamentari M5S.

La partita si sposta ora in Commissione Bilancio, prima, e in Aula poi, anche se i parlamentari del Movimento si dicono fiduciosi per un positivo esito della battaglia.

“Non pensiamo – afferma Giorgio Ciaccio, componente della commissione Bilancio – che qualcuno possa essere sordo alle richieste che arrivano giornalmente dalla società. Bisogna pensare anche agli ultimi, che purtroppo, oggi sono tantissimi. Anche loro devono avere mezzi minimi di sostentamento”.

I fondi per il reddito di dignità verrebbero reperiti con l’abrogazione di articoli già presenti in Finanziaria per per i cantieri scuola, per il reddito minimo di inserimento, dal rastrellamento di parecchie delle indennità accessorie previste per la Giunta regionale (spese per comunicazione, viaggi e consulenze) e per parecchi dirigenti di vario livello. Sette milioni arriverebbero anche dal taglio proposto ( in netto contrasto con le direttive del governo, che ha previsto un incremento degli organici) delle sedi di rappresentanza delle sedi di Roma e Bruxelles. Quest’ultimo taglio, da solo, potrebbe garantire un reddito mensile a oltre 1300 persone.

I beneficiari dell’assegno di dignità sarebbero disoccupati, inoccupati, precari che percepiscono un reddito che non determina la perdita dello status di disoccupati e lavoratori in aspettativa non retribuita per gravi e documentate ragioni familiari. Per accedere al fondo sono previsti la residenza in Sicilia da almeno 12 mesi, l’iscrizione alle liste di collocamento, un reddito imponibile pari od inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale determinato dall’Inps e non avere maturato i requisti per la pensione.

Share

I deputati M5S all’ARS: “Lavori in corso a Niscemi. Intervengano subito le autorità competenti”

I deputati del Movimento 5 Stelle all’ARS chiedono l’intervento urgente delle autorità competenti perché  facciano rispettare il provvedimento di revoca delle autorizzazioni alla realizzazione del Muos di Niscemi, firmato recentemente dalla Regione.

Gli abitanti  del luogo ci hanno riferito – dicono i deputati – che i lavori di installazione delle parabole sono in corso. Un fatto intollerabile ed inaudito, che calpesta ogni forma di rispetto delle istituzioni e viola pesantemente la legge. Chiediamo a viva voce a chi di dovere di intervenire immediatamente per ripristinare la legalità e bloccare immediatamente la realizzazione dell’opera”.

I deputati 5 stelle ribadiscono, intanto, la piena solidarietà ai cittadini di Niscemi e ai comitati  perennemente in lotta per difendere il fondamentale diritto alla salute dei cittadini.

Share

I deputati M5S all’Ars al sit-in per Di Matteo

Ciaccio: “si assegni a noi la presidenza della commissione antimafia dell’Ars”

Alcuni deputati del movimento 5 stelle erano presenti al sit-in di solidarietà al magistrato Nino Di Matteo.

“Ci sono – afferma il deputato Giorgio Ciaccio – analogie allarmanti tra quanto sta accadendo oggi e quanto è accaduto nel ’92, con le stragi di Capaci e via d’Amelio. Anche oggi ci sono poteri forti – non solo mafiosi – che cercano nuovi equilibri. Anche stavolta, più o meno volontariamente, le istituzioni stanno isolando i magistrati che compiono il loro dovere attraverso indagini e processi che mirano a far luce su eventi tragici che hanno segnato la storia italiana. Per questa ragione, come cittadini e come rappresentanti delle istituzioni, abbiamo il dovere di proteggere e sostenere il lavoro di magistrati come Di Matteo. Non vogliamo più martiri da commemorare, i servitori dello Stato bisogna difenderli in vita”.

“La Sicilia – prosegue Ciaccio – ha dimostrato con queste elezioni di desiderare un cambiamento radicale. Non so se mi sono sfuggite, ma mi spiace di non aver letto nessuna dichiarazione a sostegno di Di Matteo. C’è stato in merito un assordante silenzio”.

“E’ un obbligo morale e personale stare accanto alle persone che si battono quotidianamente per difendere la nostra democrazia”,  afferma Antonio Venturino, deputato M5S e vicepresidente vicario dell’Ars.  “Credo sia assolutamente necessario far sentire le istituzioni vicine al pm di Matteo. I balordi autori del gesto ledono in realtà la libertà di tutti i cittadini”.

I deputati  M5S,  intanto, reclamano a gran voce la presidenza della Commissione Antimafia dell’Ars, per la quale si dovrebbe votare a breve scadenza.

“Pensiamo – sostiene Ciaccio – di essere i più titolati per questo. Siamo stufi dei soliti fuoriclasse delle retorica, presenti solo nelle commemorazioni, ma assenti quando c’è da operare in concreto”.

Share

L’AltraSpesa, la colletta alimentare dei saccensi per i saccensi – Sciacca, 23 marzo 2013

Il MeetUp Sciacca 5 Stelle collabora all’iniziativa dell’associazione di promozione sociale L’AltraSciacca denominata “L’AltraSpesa – La colletta alimentare dei saccensi per i saccensi“.

La raccolta di beni alimentari, che sarà realizzata anche con la collaborazione del Movimento Giovanile Freedom della Parrocchia del Carmine, della Comunità Gesù Ama (Rinnovamento Carismatico Cattolico), del Gruppo Sciacca 2 AGESCI, del Comitato di quartiere di C.da Perriera “A. Ritacco” e della Sezione di Sciacca di Cittadinanz@ttiva, è organizzata per Il prossimo sabato, 23 marzo 2013.

I supermercati che aderiscono all’iniziativa sono:

  • ARD DISCOUNT, Via A. De Gasperi 257, Sciacca;
  • EUROSPAR, Via Giovanni XXIII, Sciacca;
  • IL CENTESIMO, Via Lido Esperanto 1, Sciacca;
  • CITTÀ MERCATO SISA S3, Via Verona, Sciacca;
  • QUI CONVIENE Supermercati, Via Allende, Sciacca;
  • QUI CONVIENE Supermercati, Via Lioni 60, Sciacca.

Ricordiamo che la peculiarità dell’ iniziativa è la consegna diretta e porta a porta da parte degli organizzatori, fatto che rassicura sull’integrale distribuzione dei beni raccolti a famiglie che ne hanno veramente necessità.

Vi invitiamo a recarvi numerosi presso i supermercati sopra elencati e a dare il vostro piccolo contributo, acquistando alimenti a lunga conservazione che potrete consegnare ai volontari presenti presso le uscite.

Vi auguriamo una buona “altra” spesa!

Share

Donazione alla mensa del Sacro Cuore

Il MeetUp Sciacca 5 Stelle ha proposto e coordinato un’iniziativa nelle scuole a favore della mensa del Sacro Cuore rispondendo a una richiesta di aiuto da parte della mensa che, con grande sacrificio, deve assicurare 70 pasti al giorno a persone bisognose. E’ stata pertanto effettuata una raccolta di piatti, bicchieri, posate di plastica e di fondi per l’acquisto di bombole di gas da donare alla mensa.

Il MeetUp Sciacca 5 Stelle e la Chiesa del Sacro Cuore ringraziano le scuole che hanno effettuato la raccolta: l’Istituto Comprensivo M. Rossi, grazie all’impegno del preside Luigi Abbene e dell’insegnante Anna Maria Montalbano; il 4° Circolo Dante Alighieri, grazie all’impegno del preside Piero Siggia e della collaboratrice Marianna Schifani.

Chiunque volesse effettuare una donazione di stoviglie di plastica, bombole di gas e qualunque altra cosa ritenesse opportuna per questo servizio di solidarietà può recarsi alla Chiesa del Sacro Cuore e rivolgersi a Mimmo Corona, responsabile della mensa.

MeetUp Sciacca 5 Stelle

Share