“Girgenti Acque mente sapendo di mentire”, il deputato M5s Matteo Mangiacavallo risponde alla società che gestisce il servizio idrico nell’Agrigentino

MM12R - pianta organica Girgenti acque

In merito alla questione sollevata dal deputato regionale M5S Matteo Mangiacavallo sul diniego da parte di Girgenti Acque di fornire l’elenco del proprio personale, ed a seguito della risposta dell’Ente gestore che manifesterebbe “ampia disponibilità a tutte le richieste formulate dall’onorevole Mangiacavallo”, questa la replica del parlamentare saccense all’Ars: “Prendendo atto della risposta di Girgenti Acque alla mia denuncia pubblica mi sono subito chiesto se fossi io ad avere problemi di comprendonio o se l’azienda, a mezzo stampa, mentiva sapendo di mentire. Ho contattato il legale del gestore del servizio idrico citato nella nota che mi ha confermato, anche a voce, quanto mi avevano scritto in precedenza (e che consegno alle testate giornalistiche in allegato al presente comunicato), ovvero che non sono disponibili a fornirmi l’elenco del personale. Si tratta dell’ennesima caduta di stile da parte della Girgenti Acque che attraverso un comunicato ambiguo cerca di mescolare le carte della menzogna di fronte all’evidenza dei fatti. Come già anticipato nel mio precedente intervento, il loro diniego non fermerà nè la mia azione nè quella del mio gruppo parlamentare di fronte alla necessaria acquisizione di atti necessari allo svolgimento dell’esercizio delle nostre funzioni politico ispettive“.

Share

Scandalo commissioni consiliari ad Agrigento, M5S: “I consiglieri comunali non cerchino giustificazioni e si confrontino coi cittadini”

matteo-mangiacavallo-m5s

E’ stata una richiesta di accesso agli atti promossa dal deputato regionale M5S Matteo Mangiacavallo, per conto del Meetup di Agrigento, ad accendere i riflettori sulle 1.133 riunioni di Commissioni convocate nel comune siciliano in un solo anno, dal primo gennaio al 15 dicembre 2014. Tre incontri al giorno, sabati, domeniche e festività incluse. Numeri che hanno destato scalpore, soprattutto se confrontati a quelli registrati nel Comune di Trento, dove le commissioni, nel medesimo arco temporale, sono state riunite solo 109 volte.

Pubblicizzare queste informazioni ha subito suscitato le ire dei consiglieri interessati che si sono esibiti in goffi tentativi di giustificare quello che agli occhi di tutti appare come un evidente scandalo. L’ultimo intervento, in ordine di tempo, è del consigliere Gerlando Gibilaro che invita il parlamentare regionale Mangiacavallo ad un confronto pubblico. Questa la risposta del deputato 5 Stelle:

Non capisco per quale motivo il consigliere Gibilaro si senta chiamato in causa e cerchi di difendersi pubblicamente da accuse che non gli sono state mai rivolte. Sembra dar ragione ad un famoso detto”. “Col gruppo M5s – aggiunge il parlamentare saccense – ci siamo limitati a verificare il numero delle commissioni convocate nel 2014 ad Agrigento e, per vederci ancor più chiaro, abbiamo chiesto di avere copia dei verbali delle sedute”.

Sono aperto a qualunque confronto – conclude il deputato, che ha inoltre richiesto anche il totale dei rimborsi erogati dal Comune ai propri consiglieri – ma non è a me che il consigliere Gibilaro deve rendere conto; i suoi interlocutori sono i cittadini agrigentini, con loro deve confrontarsi e a loro deve relazionare il suo operato e quello della sua commissione”.

Share