Strade provinciali disastrate, pioggia di interrogazioni all’Ars targate M5S

L’invito al Ministro Alfano: “Venga a percorrere le strade della sua stessa provincia prima di parlare di Ponte sullo Stretto, in Sicilia mancano le infrastrutture di base”. Così il primo firmatario, il deputato Cinquestelle Mangiacavallo che sta inoltrando tante interrogazioni quante sono le strade al collasso.

strade-provinciali-1

Sono la Sp24 e la Sp26, o la Sp44 e la Sp45, giusto per citarne alcune, le strade interessate dall’azione condotta dal deputato M5S dell’Agrigentino Matteo Mangiacavallo. Il parlamentare Cinquestelle chiede l’intervento urgente del governo regionale e presenta così tante interrogazioni quante sono ad oggi le strade provinciali al collasso.

Mangiacavallo parte con la sua provincia, quella di Agrigento appunto. “Mi sono trovato a percorrere la Sp 24, –afferma il deputato M5S – che collega Cammarata alla SS 189 Palermo-Agrigento, giusto pochi giorni fa. Già un anno fa avevamo segnalato allo stesso governo regionale lo stato disastroso in cui si trovava. Non abbiamo ancora ricevuto risposte”. “Ho avuto modo di constatare che la situazione – aggiunge – è ulteriormente peggiorata e lo stato del manto stradale è in condizioni pessime. Con la collaborazione degli attivisti dei Meetup di San Giovanni Gemini e Cammarata, che hanno realizzato un dossier fotografico, ho deciso di interrogare ancora una volta l’assessore al ramo”.

strade-provinciali-2Trovo assurdo – continua Mangiacavallo – che si continui a parlare di Ponte sullo Stretto quando in Sicilia mancano le infrastrutture di base. Esistono strade ridotte a trazzere e la nostra trazzera che funge da strada. Mentre le arterie principali sono interrotte dalle frane, le strade provinciali dimostrano l’incapacità amministrativa di chi doveva provvedere alla loro manutenzione e se n’è disinteressato per anni“.

Inviterei Alfano, e tutti coloro che vogliono collegare la Sicilia alla Calabria con grandi opere, – conclude il deputato – a percorrere la Sp24 o la Sp26, o la Sp44, o ancora la Sp45, giusto per citarne alcune, che sono tutte della sua provincia, prima di pensare al ponte. Inoltreremo tante interrogazioni quante sono queste strade, giusto per capire quanto tempo deve passare ancora prima di vedere in chi governa l’interesse per le piccole opere, quelle che servono ai cittadini, quelle che sono utili nel quotidiano, quelle che spesso salvano la vita della gente“.

Share