Sicilia in ginocchio, gli autotrasportatori sempre più disperati: “Per colpa dell’assenza di infrastrutture perdiamo 300 euro al giorno per ogni mezzo”

La viabilità al collasso provoca danni incalcolabili all’economia di questa regione, i nostri prodotti diventano poco competitivi sui mercati nazionali ed internazionali. Il M5S all’Ars ha incontrato le sigle dell’Autotrasporto siciliano: “Faremo luce sulle inadempienze. Stiamo predisponendo richieste di accesso agli atti, interrogazioni parlamentari e soprattutto accogliamo le proposte delle sigle al fine di portare avanti nuove metodologie di trasporto”.

autotrasportatori

“Siamo quasi giunti ad un punto di non ritorno, la Sicilia rischia di essere esclusa dai mercati nazionali ed internazionali, agroalimentari e non solo”. Lo dice il capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars Giorgio Ciaccio, subito dopo aver incontrato le sigle dell’Autotrasporto siciliano che compongono la Consulta regionale. All’incontro che si è tenuto ieri mattina nei locali del gruppo parlamentare M5S all’Ars hanno partecipato diversi rappresentanti delle sigle di autotrasportatori, e, appunto, i deputati regionali Cinquestelle Giorgio Ciaccio e Matteo Mangiacavallo.

Gli autotrasportatori hanno evidenziato i problemi derivanti dalla gravissima situazione in cui versa la viabilità siciliana e con essa il trasporto merci su gomma. Dal tavolo sono emerse le criticità del settore e le gravi inadempienze dell’attuale governo e di quelli che lo hanno preceduto. “Il comparto e la filiera delle esportazioni vivono una crisi di non facile soluzione – continua Ciaccio – e a pagarne lo scotto è soprattutto l’agricoltura, con un aumento significativo dei costi dei prodotti sui mercati internazionali, resi poco competitivi”. “La situazione drammatica delle strade ed autostrade siciliane – aggiunge l’attivista Cinquestelle Giuseppe Sicilia, anche lui presente all’incontro –  è sotto gli occhi di tutti. Ogni ditta perde mediamente 300 euro al giorno per ogni mezzo”.

Il Movimento 5 Stelle si impegna sin da subito a predisporre tutti i passaggi necessari a gettare luce sulle inadempienze. “Stiamo già predisponendo le richieste di accesso agli atti, – conclude il deputato saccense Matteo Mangiacavallo – interrogazioni parlamentari e, soprattutto, collaboreremo con tutte le sigle dell’Autotrasporto siciliano al fine di portare avanti nuove metodologie di trasporto che possano rendere competitivo il mercato siciliano”. Le idee messe sul tavolo vanno dal potenziamento della viabilità primaria e secondaria, degli interporti, mai avvenuto o fatto alla solita vecchia maniera inconcludente, alla realizzazione fattiva delle autostrade del mare e a un riassetto degli organi rappresentativi del comparto.

Share