Assemblea M5S Sciacca, lettera aperta alla Città e all’Amministrazione circa le criticità del Borgo dello Stazzone

“Al Borgo dello Stazzone un mare di problemi irrisolti”

Borgo-dello-stazzone-1

L’Assemblea del Movimento 5 Stelle di Sciacca, alla presenza del deputato regionale Matteo Mangiacavallo, nell’ambito di un progetto attraverso il quale si intendono incontrare i residenti dei quartieri saccensi per raccogliere problematiche, istanze e soluzioni, si è recata ieri sera presso il borgo dello Stazzone.

Borgo-dello-stazzone-2I numerosi intervenuti hanno manifestato le seguenti criticità e hanno illustrato le possibili soluzioni:

  • esistono, innanzitutto, problemi di viabilità derivanti dal grande afflusso di auto in determinati periodi dell’anno e soprattutto in determinati orari; a tal proposito, andrebbero concordate con l’amministrazione comunale, misure sufficienti a regolamentare il traffico, anche attraverso la chiusura di porzioni di strada e l’istituzione di una ZTL; per evitare, poi, l’accesso alle zone riservate ai soli autorizzati bisognerebbe prevedere l’installazione di dissuasori o di un cancello elettronico (che i residenti sono disposti ad autofinanziare) per rendere l’area interdetta al traffico anche in assenza di controlli;
  • sono presenti scarichi fognari a mare nel tratto che va dal Borgo dello Stazzone alla località Foggia e non tutti i residenti, nonostante il pagamento del contributo relativo, sembrerebbero aver goduto dell’allaccio alla condotta principale e relativo innesto al depuratore;
  • occorrerebbe effettuare la scerbatura dell’intera zona, con particolare attenzione alla parte terminale del Borgo (oltre l’ex casello) che risulta quasi abbandonato; la statua collocata a Novembre e i suoi dintorni, sono coperti di erbacce;
  • sarebbe necessario provvedere all’installazione di telecamere per il controllo della zona e adeguare al contempo gli impianti di illuminazione in modo che agiscano da deterrente contro atti vandalici e tossicodipendenti; tali fenomeni, denunciati dai residenti, si verificano in particolare modo nell’area maggiormente al buio nei pressi dell’ex casello ed oltre;
  • bisognerebbe delimitare la zona dei parcheggi con la realizzazione di strisce che consentirebbero maggiore ordine nella sistemazione delle auto in sosta;
  • sarebbe utile dotare la zona di adeguati collegamenti con i mezzi pubblici al centro storico e consentire al servizio navetta di giungere fino al Borgo, soprattutto nei periodi con afflusso più intenso di gente;
  • andrebbe ripristinato il parco giochi, punto di ritrovo per i residenti e i saccensi nonché uno dei pochi punto di svago per i bambini;
  • andrebbero migliorati gli accessi al mare e realizzata una passerella per disabili;
  • bisognerebbe effettuare la pulizia delle spiagge con mezzi meccanici, resa difficoltosa da porzioni di spiaggia ridotte da privati;
  • – occorrerebbe provvedere al completamento del progetto che prevedeva l’apertura della via isola Ferdinanda, punto di fuga necessario alla viabilità dell’intera zona;
  • andrebbero sistemati i davanzali sul mare su cui insistono le vecchie sbarre di ferro in buona parte divelte e arrugginite, dunque pericolose soprattutto per i bambini;
  • tutta la zona, anche dopo la riqualificazione, risulta poco illuminata; occorrerebbe affiancare all’attuale impianto di illuminazione qualcosa di più adeguato all’intera estensione del borgo, soprattutto nella parte terminale fino all’ex casello e oltre.

Per quanto sopra elencato, cosa intende fare, ha già pensato di fare, ha già fatto l’amministrazione comunale? Ad essa giriamo la domanda.

In chiusura, oltre alle problematiche segnalate dai residenti dello stazione, l’Assemblea ha raccolto anche un’istanza aggiuntiva che intendiamo inoltrare all’amministrazione.

Si è verificata in questi giorni una circostanza che andrebbe attenzionata. Per l’assenza di adeguata segnaletica stradale all’inizio della discesa che dalle Terme arriva fino al porto, un autobus di grosse dimensioni si è avventurato, rimanendo bloccato alla fine della strada. Questo è stato poi fatto risalire.

Onde evitare il ripetersi di questa situazione, occorrerebbe collocare un divieto di accesso per BUS all’inizio della strada, all’incrocio con la via Agatocle.

Certi di un sollecito riscontro, l’Assemblea ringrazia l’Amministrazione a nome dei residenti del Borgo dello Stazzone.

Share