La trazzera è servita – #TrazzEraOra – #M5S – #Sicilia

Inaugurata la scorciatoia di Caltavuturo finanziata dal Movimento 5 stelle con le indennità mensili. Permetterà di aggirare la A19. “Certo, ci saranno limitazioni, ma farà risparmiare un sacco di tempo”.

#TrazzEraOra - La Regia Trazzera che unisce la Sicilia - Via dell'Onesta' - #M5s  (8)

E’ stata inaugurata oggi, per essere aperta al traffico domani, la scorciatoia di Caltavuturo (Palermo) che servirà a bypassare l’interruzione della A19, dopo la chiusura di un tratto dell’autostrada a causa del cedimento di due piloni all’altezza di Scillato.

La trazzera è stata finanziata con 300 mila euro devoluti dai deputati regionali del Movimento 5 stelle, che hanno utilizzato le indennità rifiutate mensilmente. Alla cerimonia, in un clima di festa con canti e cibo, parlamentari siciliani e nazionali, attivisti del M5s, i sindaci dei comuni del circondario e semplici cittadini.

“Da Guinness dei primati, o quasi, i tempi per la realizzazione: 50 giorni dall’annuncio, 37 dall’avvio della prima ruspa”, spiegano i grillini. “A un mese dall’avvio dei lavori, l’opera, finanziata con i soldi che mensilmente restituiscono i deputati del Movimento 5 stelle è quindi una realtà e farà tirare un grandissimo sospiro di sollievo alle decine di migliaia di automobilisti che con enorme fatica sono costretti ad inerpicarsi sulle montagne di Polizzi per passare dalla Sicilia orientale a quelle occidentale e viceversa”.

L’arteria finanziata dal Movimento è la sistemazione di una regia trazzera, riportata in vita da due imprese del luogo nei giorni immediatamente successivi al crollo del ponte. Il tratto è lungo circa un chilometro e largo cinque metri e mette in comunicazione la statale 643 con la provinciale 24, che a loro volta immettono agli svincoli di Scillato e Tremonzelli. La scorciatoia è stata realizzata in calcestruzzo, con canali di gronda e guardrail ed un impianto semaforico (il primo nella storia di Caltavuturo) posto a ridosso della trazzera, dove la circolazione avverrà a senso unico alternato.

“Certo – dicono i deputati -, ci saranno delle limitazioni, come il limite di velocità a 20 chilometri orari e l’inibizione alla circolazione ai mezzi pesanti, superiori alla tre tonnellate e mezzo. Da qui a dire che potranno circolare solo trattori e mezzi agricoli, come ha voluto far credere qualcuno, ce ne corre. Questa strada è nettamente più agevole, e meno pericolosa di quella per Polizzi, che attualmente percorre chi si sposta da Palermo verso Catania e viceversa. Non è certo la soluzione definitiva al problema dell’autostrada, questo ci teniamo a sottolinearlo, ma sarà certamente una valvola di sfogo, considerato che consentirà agli automobilisti di risparmiare chilometri e tempi di percorrenza (si prevedono almeno 40 minuti in meno rispetto al giro di Polizzi)”.

Fonte: lasiciliaweb.it

GALLERIA DI FOTO PRELEVATE DA FACEBOOK

Share