Quanti mesi dovremo attendere per i rimborsi dei canoni fognari indebitamente versati?

Sciacca-sversamento-di-liquami

Il M5S di Sciacca si chiede quale sia il “significativo risultato” annunciato con toni trionfalistici dall’assessore Gaetano Cognata dopo aver ottenuto da Girgenti Acque la mappa del sistema fognario cittadino.

I saccensi attendevano questa informazione da oltre 2 anni, esattamente dal 25 marzo 2013, quando il depuratore veniva stato consegnato alla Girgenti Acque, con l’impegno da parte del Comune a individuare le zone non servite attraverso una conferenza di servizi col gestore.

Nel frattempo buona parte dei cittadini ha ingiustamente versato nelle casse del gestore idrico anche canoni di depurazione e fognatura non dovuti. Evidentemente l’Amministrazione nell’acquisire la mappatura del sistema fognario non aveva la stessa fretta che ha avuto nel liberarsi della gestione del depuratore, con tutte le conseguenze anche attuali che ben conosciamo.

Come se tutto questo non bastasse, al danno causato si aggiunge la beffa. Infatti, accertato che la zona di residenza non sia coperta da servizi di depurazione e/o fognatura, per ottenere la decurtazione della voce in bolletta e il rimborso dei canoni già versati ogni cittadino dovrà, in maniera autonoma, segnalarlo alla Girgenti Acque. L’esperienza ci lascia già immaginare con quale solerzia la Girgenti Acque darà seguito a queste richieste, soprattutto in considerazione dell’esborso economico cui dovrà far fronte.

Se, dopo più di 2 anni di attesa, questo è un “significativo risultato” allora non ci resta che suggerire all’assessore Cognata un piccolo ripasso sul significato degli aggettivi. Se invece proprio ci tiene a raggiungere un notevole risultato, si faccia carico, con l’aiuto dell’Amministrazione comunale tutta, di obbligare la Girgenti Acque all’immediata decurtazione dei canoni di fognatura e depurazione non dovuti dalle fatture in emissione e all’immediato rimborso delle somme indebitamente pagate per tutti i cittadini non serviti.

Movimento 5 Stelle Sciacca

Share

Depuratore a Girgenti Acque. Fu vero amore?

Il deputato regionale saccense del Movimento 5 Stelle, Matteo Mangiacavallo, frena l’entusiasmo sugli investimenti nella rete idrica e fognaria della città che sono stati annunciati dal sindaco perché il gestore non è un ente virtuoso e ci sono state già cinque o sei istanze di fallimento presentate nei confronti di Girgenti acque. Con Mangiacavallo facciamo anche il punto su altre questioni che interessano il nostro hinterland.

Fonte: teleradiosciacca.it

Share

Mangiacavallo sulla consegna del depuratore: “Gli investimenti non sono garantiti perchè Girgenti Acque non è un ente virtuoso”

Il deputato regionale saccense, Matteo Mangacavallo, frena l’entusiasmo sugli investimenti nella rete idrica e fognaria della città che sono stati annunciati stamattina dal sindaco e che si ricaveranno dall’affidamento del depuratore alla Girgenti Acque.

L’esponente del Movimento 5 Stelle, prima della sua elezione anche componente de L’AltraSciacca, così dichiara: “Capisco il sindaco quando dice di sentirsi obbligato ad affidare alla Girgenti Acque il depuratore, ma circa gli investimenti che potrebbero ricadere sull’ammodernamento della rete ho più di qualche dubbio perché Girgenti Acque non è un ente virtuoso. Ci sono state già cinque o sei istanze di fallimento presentate nei confronti del gestore che sicuramente ha già dimostrato di non essere efficiente ed efficace“. Intanto, come conferma il deputato grillino all’ARS, si lavora per il disegno di legge che dovrà  razionalizzare il settore puntando alla ri-pubblicizzazione dell’acqua: le commissioni dell’ARS sono impegnate anche in questa attività.

C’era già il contratto con la Conscoop – spiega Mangiacavallo – che prevedeva per tre anni la gestione del depuratore. Credo che tergiversare e attendere i risvolti legislativi sarebbe stata la decisione migliore“.

Share