Come votare il Movimento 5 Stelle

Cambia la storia! Il 6 e 7 Maggio prossimi vota così:

  • Traccia una croce sul nome di Emma Giannì per sceglierla come Sindaco;
  • Traccia una croce sul simbolo del MoVimento 5 Stelle per dare la tua preferenza alla lista, scrivendo accanto il cognome del Candidato al Consiglio Comunale prescelto (aggiungendo il nome in caso di candidati con lo stesso cognome)

Vi ricordiamo che il voto è disgiunto e che Emma Giannì è candidata anche al Consiglio Comunale

Share

Il Programma Elettorale del Movimento 5 Stelle di Sciacca per le Elezioni Comunali del 6 e 7 maggio 2012

[important]Il programma non è definitivo ma “work in progress”, perchè frutto delle continue proposte e sinergie tra i cittadini. E’ infatti aperto, ciò significa che i contributi esterni da parte dei cittadini sono possibili e soprattutto ricercati! Inviate i vostri contributi direttamente agli indirizzi e-mail info@sciacca5stelle.it e movimento5stellesciacca@gmail.com.[/important]

SCIACCA – Elezioni Comunali 2012

simbolo_movimento5stelle.png

Programma Elettorale
del
MoVimento 5 Stelle Sciacca

PARTECIPAZIONE

Non ci sono politici di mestiere, i cittadini partecipano al governo della città. Incontri con comitati e associazioni. Assemblee di quartiere, per ascoltare, individuare e condividere necessità reali, desideri e possibilità. Verifiche, confronti e individuazione delle priorità e della fattibilità. Redazione di documenti condivisi con i rappresentanti di tutte le parti.

PIANIFICAZIONE

Si condivide un progetto complessivo, si attua per piccoli stralci completamente finanziati. Stesura di bozze di progetto generali e individuazione di interventi per piccoli stralci. Confronto, verifica e osservazioni di tutte le parti sociali con tecnici e facilitatori. Valutazione di sinergie, fattibilità e possibilità. Individuazione delle risorse. Confronto e discussione continua per riplasmare le architetture di governo, economia, socialità, territorio.

RESPONSABILITA’

Informazione trasparente delle istituzioni e controllo dei cittadini, per l’attuazione dei programmi e lo sviluppo dei progetti come da accordi. Processi di controllo con rappresentanti delle parti sociali, per una verifica costante dell’attuazione dei punti condivisi nel piano. Possibilità di correggere e attuare contromisure se le azioni vanno nella direzione contraria o se i mutamenti repentini della società, del territorio e dell’economia richiedono soluzioni e azioni diverse.

Migliorare la vita e l’amministrazione di Sciacca

Si può Fare in 5 punti

star24.png Sovranità Popolare
star24.png Amministrazione, Bilancio e Buon Governo
star24.png Informazione, Salute e Interessi Sociali
star24.png Cultura e Turismo
star24.png Ambiente e Territorio

star24.png Sovranità Popolare

1. Onestà e Limpidezza dei candidati

  • Ogni candidato non deve aver riportato sentenze di condanna in sede penale, anche non definitive, come dimostrato dal certificato penale rilasciato dal Tribunale di Sciacca.
  • Ogni candidato, all’atto della candidatura, non è iscritto ad alcun partito politico e “si impegna a non esserlo” per tutta la durata del mandato elettorale.
  • Ogni candidato si impegna a non ripresentare la propria candidatura per più di due mandati.
  • Ogni candidato si impegna a dimettersi in caso di sfiducia della base nei suoi confronti manifestata tramite opportuna mozione.
  • Ogni candidato al momento della presa di servizio rassegnerà le proprie dimissioni da eventuali altri incarichi di responsabilità all’interno di associazioni ed altre istituzioni in quanto rappresentante di tutta la cittadinanza.
  • Ogni candidato si impegna a dedicare all’incarico il tempo necessario per essere sempre presente con regolarità e svolgere adeguatamente l’impegno assunto nei confronti degli elettori.
  • Ogni candidato si impegna a rendicontare pubblicamente qualsiasi emolumento pubblico avuto per svolgere l’incarico (gettone di presenza, rimborsi spese, etc.).

2. Democrazia Partecipata

  • Incontri pubblici periodici tra amministratori, cittadini, comitati di quartiere, associazioni, movimenti per ascoltare, individuare bisogni reali e condividere scelte e soluzioni sull’amministrazione della città, ma anche per attingere idee e proposte. Istituzione di laboratori di urbanistica partecipata.
  • I cittadini partecipano e contemporaneamente acquisiscono competenze non solo sul funzionamento dell’amministrazione comunale, ma anche su come dibattere, deliberare e mobilitare risorse per raggiungere gli obiettivi.

3. Referendum senza Quorum e vincolanti

  • Il referendum usato come strumento per aumentare la partecipazione ed evitare il potere discrezionale di chi governa.

4. Bilancio Partecipato

  • Ogni quartiere di Sciacca, attraverso pubblici incontri con cadenza annuale, sarà invitato a precisare i propri bisogni per contribuire a stabilire le priorità negli investimenti comunali e nell’attribuzione dei fondi in vari settori (ambiente, educazione, salute, etc.).
  • In modo complementare, sempre con lo stesso scopo, saranno ascoltate tutte le categorie professionali o lavorative (sindacati, imprenditori, commercianti, studenti, etc.).

5. Chiarezza e Trasparenza

  • Trasparenza totale del bilancio e delle spese comunali, permettendo di conoscere come vengono spesi i soldi dei cittadini fino all’ultima fattura.
  • L’amministrazione avvierà un processo partecipato per qualsiasi proposta o decisione che per la realizzazione superi il tempo del mandato, o per qualsiasi scelta che può influire sul benessere e la salute dei cittadini.
  • I lavori del Consiglio Comunale e delle Commissioni consiliari, oltre che pubblici, possono essere filmati, registrati, trasmessi in diretta streaming via internet e radiofonicamente creando anche un archivio al fine di permettere la loro facile visione e libera consultazione nei tempi successivi. I lavori delle Commissioni saranno resi pubblici con la modifica del vigente Statuto Comunale secondo il quale le sedute delle Commissioni non sono pubbliche.

6. Informazione semplice e corretta

  • Uso di termini chiari e comprensibili a tutti.
  • Il bilancio sarà reso comprensibile a tutti i cittadini.
  • Facilitazione dell’accesso agli atti e ai dati di bilancio.

star24.png Amministrazione, Bilancio e Buon Governo

1. Organigramma degli Uffici e delle Responsabilità degli Amministratori comunali

  • Comunicare e informare i cittadini circa le responsabilità e le competenze di tutte le cariche comunali.
  • Sapere cosa chiedere e a chi chiedere.
  • Riassetto organizzativo del personale e delle professionalità del Comune al fine migliorare l’efficienza.
  • Corsi di formazione per i dipendenti. Più efficienza e snellimento delle pratiche.
  • Premi al personale comunale sulla base di indici oggettivi basati esclusivamente sull’effettivo espletamento delle mansioni affidate. Tali indici saranno oggetto di aggiornamento annuale. Più qualità, meno quantità, più controllo.
  • Valutazione del personale bi-direzionale: dirigenti che valutano gli impiegati e impiegati che valutano i dirigenti.

2. Razionalizzazione e Rigore

  • Censimento degli immobili e terreni di proprietà comunali per la razionalizzazione delle risorse; eventuale vendita degli immobili di proprietà comunale condizionata all’obbligo di ristrutturazione sostenibile entro 2 anni dall’acquisto.
  • Revisione e adeguamento di tutti i contratti (affitti, cooperative, parcheggi, illuminazione pubblica, etc.).
  • Installazione di software open source come LINUX / GNU GPL in tutte le scuole, gli uffici e le strutture comunali ottenendo un significativo risparmio sulle licenze di utilizzo.. Utilizzo della suite tipo OpenOffice in tutti gli uffici comunali.

3. E-Government

  • In 5 anni introdurre la possibilità di avere documenti e quant’altro di competenza comunale via Internet, meno carta, meno spostamenti, meno inquinamento. Ogni quartiere avrà un centro di formazione e aiuto.
  • Effettiva fruibilità dell’Albo Pretorio online: pubblicazione di tutti gli atti, le delibere, le determine, i provvedimenti adottati dall’amministrazione comunale.
  • Punti di informazione pubblica interattivi (totem informativi).
  • Trasparenza assoluta nelle gare con apertura anche sotto la soglia dei 40.000€ secondo il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Maggiore risparmio per il comune e più progetti finanziabili.

4. Anagrafe degli eletti e Pubblicazione degli Atti e delle Informazioni sul Portale del Comune

  • Verifica delle competenze con curricula pubblicati e verifiche ogni 2 anni.
  • Il portale del Comune deve offrire informazione su tutte le attività della pubblica amministrazione.

5. Pochi ma Buoni

  • Riduzione cospicua delle indennità di carica spettanti a sindaco e assessori con destinazione delle risorse risparmiate a interventi di finalità sociali.
  • Riduzione degli assessori al numero minimo, incompatibilità di doppia carica, chi amministra non partecipa ai consigli di amministrazione delle partecipate.
  • Perdita del diritto al gettone di presenza per tutti quei consiglieri che non hanno partecipato alla discussione ed alla votazione di almeno il 75% degli argomenti iscritti all’ordine del giorno per il consiglio comunale.
  • Laddove possibile, riduzione delle cariche dirigenziali cercando di diminuire la spesa corrente.

star24.png Informazione, Salute e Interessi Sociali

1. Informazione e Formazione

  • Fare sapere a tutti con i mezzi adeguati stato delle cose, possibilità, richieste e progetti.
  • Corsi di educazione civica per scuole, adulti e anziani. Nelle aree dove il senso civico è più alto, l’economia prospera e l’amministrazione è più efficiente.

2. Salute

  • Informazione su tutto ciò che mette a rischio la salute del cittadino.
  • Informazione sin dalle scuole elementari su alimentazione, utilizzo mezzi pubblici.
  • Stipula convenzioni con il presidio ospedaliero “Giovanni Paolo II” per l’utilizzo di prodotti della filiera corta nelle mense dell’ospedale.
  • Liste di attese pubbliche e online, sempre nel rispetto della normativa della privacy.
  • Promozione di convenzioni con i taxi per tariffe agevolate da/per l’ospedale.
  • Promozione di convenzioni con i B&B per pernottamenti a tariffa agevolata per chi assiste un parente/amico.
  • Un maggiore rigido controllo periodico dell’acqua erogata nelle abitazioni. Acqua pubblica certificata e monitoraggio dell’acqua di falda e dei pozzi di captazione, con pubblicazione mensile dei risultati sul sito del Comune.
  • Realizzazione di un canile intercomunale.
  • Realizzazione di bagni pubblici a pagamento in diverse zone della città (Piazza A. Scandaliato, San Michele, Porto, etc.).

3. Disabilità

  • Agevolazioni comunali a coloro che debbano ristrutturare le abitazioni per accogliere i propri cari in difficoltà deambulatoria.
  • Abbattimento delle barriere architettoniche ostacolanti.
  • Agevolazione delle salite e discese dalla rampe di accesso per il trasporto pubblico.
  • Adeguamento dei mezzi pubblici per le necessità delle persone disabili.
  • Contrasto al “parcheggio selvaggio” e predisposizione di accessi privilegiati e percorsi facilitati agli utilizzatori di carrozzella.
  • Verifica delle autorizzazioni per i disabili e individuazione degli abusivi.

4. Interessi Sociali

  • Indirizzare verso la creazione di cooperative sociali di assistenza e aiuto tutte le risorse pubbliche in eccesso con particolare attenzione all’assistenza degli anziani, ai malati di malattie croniche importanti e ai malati psichici.

5. Spazi e Opportunità per Giovani

  • Istituzione di un database comunale con i curricula suddivisi per settore di competenza.
  • Spazi per giovani per musica, arte e sport.
  • Riqualificazione della pista di pattinaggio della Perriera.
  • Illuminazione del percorso podistico di Contrada Sovareto.
  • Programmazione di eventi sportivi, anche a valenza nazionale, negli impianti comunali.
  • Promozione di iniziative con le scuole primarie per la diffusione della cultura dello sport quale strumento per un corretto stile di vita.
  • Riproposizione della consulta giovanile.

6. Pubblico sì, ma Privato

  • Agevolazioni in termini economici e/o concessione all’uso di beni comunali a privati e associazioni che si distinguono per progetti con finalità sociali per il pubblico e che presentino progetti in grado di autosostenersi dando lavoro e decoro alla città.

7. Comunicazione, Informatica e Connettività

  • Diritto di accesso alla rete gratuito per ogni cittadino. Introduzione dei ripetitori Wimax per l’accesso mobile e diffuso alla Rete.
  • Potenziamento del sistema Wi-Fi all’interno degli uffici comunali.
  • “Cassetta delle buone idee” dedicata a tutte le iniziative suggerite dalla popolazione.
  • Forum permanente sulla consultazione popolare.

star24.png Cultura e Turismo

1. Incentivazione del Territorio

  • Comunicazione e marketing sull’eccezionale posizione logistica del nostro territorio.
  • Valorizzazione ed ottimizzazione delle risorse economiche, naturali ed umane già disponibili.
  • Promozione delle peculiarità del territorio come ceramica, corallo, enogastronomia, etc. attraverso la creazione di feste e sagre.
  • Incentivazione e agevolazione delle produzioni artigianali locali.
  • Organizzazione del festival della ceramica di Sciacca attraverso il coinvolgimento di numerosi consorzi di ceramisti presenti sul territorio. Il centro cittadino si trasformerà in una vetrina di esposizione della ceramica arricchita da eventi ecologici, artistici ed enogastronomici.
  • Sciacca salotto del turismo. Fiera del turismo siciliano con i maggiori tour operator ed agenzie di viaggi di tutta la Sicilia ospitati in città per innovare il mercato turistico siciliano e fornire nell’ambito dell’evento indicazioni utili per sviluppare vecchi e nuovi contatti di lavoro.
  • Parametri di valutazione sugli esiti delle iniziative ed attività per merito.

2. Organizzazione Ricettività Turistica

  • Attivazione del punto d’informazione turistica (PIT) in zona Porta Bagni.
  • Utilizzo di un portale web per la gestione di prenotazioni di qualsiasi servizio turistico e/o strutture ricettive presenti sul territorio attraverso il PIT.
  • Il PIT è anche il punto di partenza per itinerari turistici guidati nel centro storico.
  • Creazione della nuova figura professionale di “guida turistica comunale”, che svolge la sua attività solo all’interno del territorio cittadino e può essere ricoperta dopo il superamento di un esame in materia di storia, arte e cultura saccense.
  • Potenziamento delle competenze linguistiche per dipendenti pubblici con funzioni di front-office.

3. Interventi per una città sostenibile

  • Radicale trasformazione della viabilità e regolamentazione del traffico.
  • Recupero e valorizzazione dei monumenti e dei siti di interesse storico-culturale.
  • Riqualificazione dell’arenile.
  • Avvio della procedura comunitaria per il riconoscimento della Denominazione “Sciacca” per le produzioni locali.
  • Creazione di un “super” Assessorato allo Sviluppo Economico Integrato accorpando l’Assessorato al Turismo, l’Assessorato alla Cultura e l’Assessorato all’Ambiente e Territorio. Concentrazione ed ottimizzazione delle strategie di sviluppo.
  • Programmazione di un mercatino dell’invenduto e/o del baratto ogni prima domenica del mese all’interno del Palazzo Comunale.

4. Gestione e Spazi della Cultura

  • Verifica, monitoraggio, predisposizione logistica, rilevazioni statistiche, censimenti, riqualificazione, cooperazione soggetti interessati alla presentazione e realizzazione di progetti utili alla cultura cittadina, supporto iniziative. Censimento siti culturali.
  • Concorso d’idee per il coinvolgimento dei gruppi e delle compagnie teatrali della nostra città al fine di determinare al meglio l’utilizzo e lo sfruttamento degli spazi esistenti e quelli, come il Teatro popolare Samonà, che dovrebbero essere utilizzati a breve.
  • Creazione di eventi culturali in collaborazione con associazioni e club al fine di creare le condizioni per veicolare la cultura e le tradizioni del nostro territorio come ulteriore biglietto da visita per promuovere il turismo culturale.

5. Salvaguardia del Bacino Idrotermale e delle Terme di Sciacca.

  • Il MoVimento 5 Stelle inizierà una campagna volta alla riproposizione dell’originario “azionariato popolare”, per cui i Saccensi diventeranno proprietari del bene più prezioso del loro territorio e ne affideranno il governo a soggetti altamente qualificati selezionati attraverso procedure ad evidenza pubblica internazionali.
  • Creazione di un network relazionale con gli altri complessi termali del Mediterraneo al fine di diversificare l’offerta rendendola complementare.

6. Il Carnevale di Sciacca

  • Il Carnevale dovrà essere gestito interamente da privati e deve autofinanziarsi. Il Comune deve garantire solo il suo corretto svolgimento, la sicurezza e le infrastrutture.
  • Per consentire il migliore sfruttamento dell’evento da parte dei commercianti saccensi saranno avvantaggiati coloro i quali hanno domicilio fiscale a Sciacca.
  • Saranno destinati stand per le attività fisicamente lontane dall’evento per dare a tutti un’opportunità di guadagno.
  • La manifestazione sarà ripetuta durante il periodo estivo per permettere ai turisti di poter godere delle sue peculiarità. In tal modo il sempre egregio lavoro delle nostre maestranze sarà utilizzato due volte massimizzando i ricavi.

star24.png Ambiente e Territorio

1. Identità Territoriale e Urbanistica

  • Stop al consumo di territorio.
  • No a nuove zone di espansione.
  • Riqualificazione e ripopolamento del centro storico con una serie di direttive (uso materiali locali), premialità ed incentivi (sconti sui tributi su chi ristruttura secondo le linee programmatiche).
  • Salvaguardia aree tipiche e spiagge esistenti e naturali.
  • Creazione di una cintura di aree verdi e servizi attorno alla città, parcheggi inclusi.
  • Sviluppo di reti di piste ciclabili protette estese a tutta l’area urbana ed extra urbana.
  • Chiusura del centro storico con contestuale incentivo all’uso di bicicletta e bus navetta.
  • Riqualificazione della Villa Comunale: creazione di un salotto verde per accogliere i turisti che arrivano a Sciacca.
  • Promozione per recupero e valorizzazione dell’antico Porto di Sciacca.
  • Riduzione del pagamento degli oneri di concessione edilizia in funzione del grado di efficientamento energetico ottenuto per interventi su edifici esistenti.
  • Punteruolo rosso: monitoraggio capillare delle nostre palme (pubbliche e private) al fine di agire tempestivamente contro l’insediamento incontrollato del coleottero, per cercare di evitare di compromettere oltremodo il patrimonio palmizio già ridotto considerevolmente.

2. Acqua

  • Insistere affinché sia rispettato l’esito referendario contro la privatizzazione e la mercificazione dell’acqua bene comune.
  • Sorvegliare attentamente l’operato del gestore del SII e chiedere l’immediata scissione del contratto alla prima occasione utile.
  • Promozione del consumo dell’acqua del rubinetto a casa, negli uffici, nelle scuole, etc..
  • Campagne di informazione e sensibilizzazione sul risparmio idrico incentivando l’uso dei regolatori di flusso.
  • Ripristino, ove possibile, delle fontane pubbliche e maggiore diffusione delle fontane pubbliche con relativa mappatura sul sito del Comune.
  • Seria politica di riduzione degli sprechi nella rete di distribuzione.
  • Messa in funzione dell’impianto di depurazione delle acque fognarie cittadine e piano fognature.
  • Riutilizzo delle acque depurate per usi agricoli.

3. Energia

  • Creazione del PEAC, Piano Energetico Ambientale Comunale, con zonizzazione del territorio.
  • No ai megaimpianti eolici e fotovoltaici.
  • Corretta applicazione dei tributi locali (es. IMU) per i grandi impianti di produzione energia elettrica.
  • Istallazione di impianti di acqua calda sanitaria ad energia solare, laddove possibile, in tutti gli edifici della pubblica amministrazione.
  • Lotta agli sprechi di energia elettrica attraverso la sostituzione delle lampade ad incandescenza con lampade a LED o a basso consumo energetico.
  • Installazione di pali autoalimentati per l’illuminazione pubblica.
  • Timer per lo spegnimento delle luci o la riduzione del flusso luminoso durante le ore notturne e nei giorni festivi. Sensori di passaggio per l’accensione delle luci.
  • Certificazione ambientale EMAS del Comune.

4. Rifiuti Zero

  • Predisposizione della raccolta porta a porta e della raccolta differenziata per le attività commerciali, soprattutto per bar, pub e ristoranti con l’ausilio di innovativi veicoli automatizzati elettrici.
  • Raccolta differenziata in tutte le realtà scolastiche presenti nel territorio saccense, dagli asili nido alle scuole superiori.
  • Promozione della raccolta dell’umido per tutte le filiere commerciali, coinvolgendo i ristoratori e tutto il comparto dell’ortofrutta.
  • Promuovere il compostaggio domestico.
  • No inceneritori e discariche.
  • Controllo del volantinaggio selvaggio e addebito dei costi di smaltimento dello stesso alle aziende promotrici.
  • Controllo e bonifica delle discariche abusive sul territorio comunale.
  • Pubblicazione del regolamento TARSU, campagna informativa sulle modalità di calcolo e controllo sulla corretta applicazione.

5. Agricoltura e Pesca

  • Progetto “Campagna aperta”: realtà agricole comunali, anche comunali, (accessibilità, servizi per gli ospiti, proposte didattiche, colture biologiche e tipiche) aperte a gruppi scolastici, famiglie, turisti, singoli consumatori, per promuovere attività di educazione alimentare e agro-ambientale, riscoprendo e valorizzando il patrimonio rurale di Sciacca.
  • Privilegiare le produzioni km zero, sostenere i mercati del contadino e predisporre una eguale iniziativa nel settore della pesca con l’innovativo mercato del pescatore mediante la creazione di adeguati spazi fisici per i mercati e connessi servizi di sostegno.
  • Realizzazione di un mattatoio intercomunale nella zona di sviluppo industriale.
  • Realizzazione e messa in funzione del mercato ittico mediante reperimento di fondi pubblici. Il mercato ittico deve essere anche un’attrattiva turistica.
  • Realizzazione di un’isola ecologica dell’area portuale.
  • Destinazione dei diritti derivanti dalle attività mercatali ad opere o interventi a beneficio del settore agricolo e ittico.
  • Recupero e continuità di tradizioni agricole e marinare.

6. Verde pubblico

  • Cura del verde (ville, villette, giardini, parchi, spazi pubblici e privati).
  • Valorizzazione e manutenzione di aree verdi pubbliche al fine di un miglioramento qualitativo ed estetico delle stesse attraverso sponsor privati che in esse potranno promuovere nel modo più consono la propria attività. Le aree oggetto degli accordi di sponsorizzazione manterranno la funzione ad uso pubblico in base alle destinazioni previste dagli strumenti urbanistici.
  • Obbligo da parte dei privati di rendere gli spazi verdi di loro proprietà puliti e decorosamente accettabili.
  • Creazione di aree verdi in prossimità di nuove costruzioni edilizie.
  • Realizzazione di nuovi parchi giochi per bambini in ogni quartiere della città.

7. Mobilità e Trasporto pubblico

  • Potenziamento della rete di trasporto pubblico urbano con graduale dismissione dei bus tradizionali e incremento numero di mezzi ecologici di piccola dimensione.
  • Riassetto totale delle corse, intervallate da un limite massimo di 10-15 minuti l’uno dall’altro e con un allargamento orario che va dalle 5 del mattino alle 24, per poi essere ulteriormente potenziato nei mesi estivi.
  • Infrastrutture di fermata urbana di ultima generazione, fornite di pannelli fotovoltaici, con meccanismi per l’accesso semplificato ai portatori di handicap e protette da eventi atmosferici, con informazioni chiare e dettagliate sugli orari e sulle tratte.
  • Forte incentivo del trasporto pubblico, abbinando Bike Sharing, Car Sharing, Car Pooling, più la nostra classica bicicletta, consentiranno di rendere a misura di bambino la nostra città, quindi più vivibile, sicura e godibile per tutti, oltre che apprezzabile a livello turistico.
  • Realizzazione di postazioni attrezzate con bici nel centro storico, nella zona della marina e in prossimità dei siti ad interesse turistico.
  • Chiusura del centro storico in determinati periodi dell’anno previa concertazione con gli operatori del settore commerciale.
  • Istituzione del servizio di rimozione forzata delle auto in sosta vietata; acquisto di apposite ganasce per ostacolare il fenomeno della sosta selvaggia.
  • Realizzazione stazione dei pullman per il collegamento extraurbano e relativa area di parcheggio di scambio adiacente con punto informazioni, punto ristoro, bagno pubblico. Collegamento funzionale ed efficiente con il resto della città.
  • Controllo e ripristino di tutti gli accessi al mare.
  • Controllo e miglioramento della viabilità rurale.

Scarica il Programma del M5S Sciacca

Share