Comunicato stampa del Comitato “Stoppa La Piattaforma”

Si conclude oggi, ultimo giorno di campagna elettorale, l’iniziativa del Comitato “Stoppa La Piatattaforma”, appoggiata anche da Greenpeace, di far firmare ad ogni candidato alla presidenza della Regione Siciliana l’appello contro le trivellazioni nel Mediterraneo.

Ricordiamo che questo appello è già stato sottoscritto da circa 45 sindaci e da 57.000 siciliani e con lo stesso si chiede a gran forza che lo sviluppo nel canale di Sicilia sia legato al turismo e alla pesca nel pieno rispetto dell’Ambiende, il tutto mettendo al bando ogni ipotesi di sfruttamento petrolifero del nostro mare.

Sia il nostro Comitato “Stoppa La Piattaforma” che Greenpeace hanno da settimane preso contatto con gli staff dei candidati alla presidenza della Regione, chiedendo di sottoscrivere l’appello.

Il consenso è stato trasversale, anche se non possiamo ritenerci soddisfatti.

Infatti numerosi sono i candidati alla presidenza che non hanno ritenuto opportuno sottoscrivere l’appello.

I Candidati alla presidenza della Regione che si sono impegnati, sottoscrivendo l’appello, alla salvaguardia del canale di Sicilia e che quindi hanno sposato pubblicamente la campagna di Greenpeace, sono(Ordine Alfabetico):

  • Cancelleri, del Movimento 5 Stelle
  • Crocetta, candidato della coalizione PD-UDC
  • Marano, candidata di SEL e IDV
  • Miccihè, candidato di Grande Sud

Degli altri, purtroppo, nonostante le insistenti richieste, non ci è dato sapere cosa pensino relativamente alla trivellazioni nel Mare Mediterraneo.

In questa singolare campagna elettorale in cui, in linea generale, poco si è saputo relativamente ai programmi dei vari schieramenti, speriamo con questa inizativa di avere fornito agli elettori un elemento utile per la scelta del nostro futuro Presidente.

Cordialmente,

Mario Di Giovanna
Portavoce del Comitato “Stoppa La Piattaforma”

Share

Grillo riempie piazza Magione: “E’ arrivato il momento di cambiare”

Folla per il comizio finale del leader del Movimento 5 Stelle. “Oggi mi trovo in questa piazza importante dove hanno giocato Falcone e Borsellino e dobbiamo ripartire da qui per cambiare le cose”

Ennesimo bagno di folla per Beppe Grillo, che sta concludendo il suo tour elettorale con un affollatissimo comizio a piazza Magione. Dopo un giro nei pressi di via Lincoln, il leader del Movimento 5 Stelle è salito sul palco allestito in piazza Magione e ha attaccato il comizio finale della campagna elettorale a sostegno del candidato alla Presidenza della Regione, Giancarlo Cancelleri.

GUARDA / Lo show in via Lincoln: Foto Video

In piazza Magione Grillo ha nomina subito Falcone e Borsellino, forse per scacciare via l’ombra di quella battuta infelice secondo cui “la mafia non strangola, lo Stato sì” criticata persino dal suo candidato Giancarlo Cancelleri (“Sulla mafia ha sbagliato”, ha detto Cancelleri alla trasmissione radiofonica La Zanzara). “Sono venuto qui sei mesi fa – ha detto Grillo – c’erano tante persone che non si avvicinavano e mi guardavano con diffidenza. Ora forse siete cambiati voi, siete tanti e mi mostrate affetto. Oggi mi trovo in questa piazza importante dove hanno giocato Falcone e Borsellino e dobbiamo ripartire da qui per cambiare le cose”, afferma.

“Sei mesi fa non è cambiato nulla – ha proseguito – e infatti avete eletto a Palermo lo stesso sindaco di vent’anni fa. Io mi sono allenato per sei mesi per attraversare lo Stretto a nuoto e ho impiegato venti minuti meno del traghetto. Ciò dimostra che quando si desidera qualcosa si può ottenere. Il cambiamento è possibile ma deve partire da voi. Bisogna azzerare classe politica perchè è un sistema che è marcio”. “Ognuno di noi deve rischiare qualcosa, Bisogna andare a votare. Se non si vota si fa il gioco di Cuffaro che diceva ‘non andate a votare, tanto noi i voti li abbiamo lo stesso – ha detto ancora Grillo – Cuffaro ci costa 300 euro al giorno in galera, che esca e faccia lavori socialmente utili. Volete cadere in questa trappola? Basta…”.

(25 ottobre 2012)

Fonte: palermo.repubblica.it

Share

Il MoVimento 5 Stelle trionfa nelle piazza di Gela

IL M5S CONQUISTA GELA: GRANDE FOLLA ED ENTUSIASMO

24 ottobre 2012

di Giancarlo Costa

Questa la certezza di Beppe Grillo, giunto in quel sud del sud che è Gela, dove davanti a circa 3 mila persone ha parlato di una Sicilia già diversa,capace di cambiare, libera dal voto di scambio “perché sono finiti i piccioli”.

L’energia del comico sul palco è impressionante. La folla si emoziona, sorride, applaude, a qualcuno vengono perfino le lacrime. Grillo parla di acqua pubblica ed energia pulita, della speculazione finanziaria e di banche pubbliche. Racconta dell’ Ecuador di Correa e dell’ Islanda che rifiuta il debito, in una narrazione veloce e barbarica, globale e superficiale, piena e insieme digeribile.

E’ in questo linguaggio, prima ancora che nelle proposte di riduzione degli stipendi o nel moto 1 vale 1, la forza del Movimento 5 Stelle.

Mentre si allarga la frattura fra la politica dei partiti e la realtà quotidiana degli italiani, Grillo sente la necessità di valorizzare un’identità collettiva. Parla alle coscienze, dice alle persone: potete essere parte di qualcosa di più grande.

“io sono solo un aggregatore, uno che richiama gente: la rivoluzione la fate voi”

Se i leader dei partiti tradizionali sembrano insistere nel vantare le proprie qualità, aggiornando al 2.0 le logiche del berlusconismo, Grillo gioca a smontare la sua figura: “io non ho la soluzione dei problemi” “, “io non posso dirvi come gestire l’acqua..dovete farlo voi” “io non lo so…” “dovete cambiare voi”.

Vedo così anziani sventolare le bandiere del Movimento, e centinaia di persone in coda per firmare contro Muos di Niscemi.

Restano ovviamente i mille dubbi sulla verità di questa operazione, sull’organizzazione interna del Movimento e sue reali finalità, sui limiti e le potenzialità di un fenomeno nuovo e complesso.

Fatto sta che anche ieri, nella difficile piazza di Gela, l’alchimia è riuscita.

Per comprenderne la portata, ho portato con me un conoscente gelese: ha 30 anni, è disoccupato, non ha mai votato se non nell’interesse di un posto di lavoro, non legge i giornali, non sa cos’è lo spread e, cosa importante, sa poco o nulla di Grillo.

A queste elezioni, non vota nessuno “perché tanto…” . Abbiamo visto il comizio distanti, io sotto il palco, lui fra la gente. Alla fine chiedo cosa pensa del Movimento 5 Stelle.

“lo voto Grillo, mi batte il cuore”. Resto incredulo mentre mi chiede informazioni su “ questa Cristina de Kirchner” e sulla Francia di Hollande. E capisco che Grillo fra vaffanculo e battute divertenti offre quella spiegazione comprensibile del reale, semplificata o demagogica che la si voglia, che nessuno altro politico sa offrire.

Il comico genovese ha compreso che internet ha democraticizzato l’ambizione del sapere.

Offrendo informazioni sul mondo, Grillo consegna al suo pubblico una diversa percezione di centralità. Sfuggendo alle logiche locali, fa di ogni piazza di paese un non-luogo universale, un McDonald della partecipazione civile dove riacquistare, o consumare, una dose di consapevolezza civica.

In omaggio, alle persone, viene consegnata l’emozione di un sentimento di centralità, o se vogliamo, un palcoscenico di speranza. Sentirsi al centro di qualcosa, avere voce in un Italia politica chiusa nel privilegio e nella sua autoreferenzialità. Da qui nasce l’emozione. La rete è il mezzo. L’ epica è : Siamo Noi contro la Casta, e vinceremo.

Fertilizzata dalla crisi economica e nel vuoto sconfinato lasciato dalla politica tradizionale, la presa del messaggio è micidiale.

Grillo diffonde una coscienza diversa, solida chissà per quanto, “ ma in alternativa a questo” dice il comico “ c’è solo la violenza”.

Dietro di lui, ci sono poi i veri candidati all’ Ars del Movimento. Hanno facce di bravi ragazzi, sognanti e prive di arroganza, così diverse da quelle dei soliti noti. Sono sul palco, emozionati e un po’ smarriti, a parlare di idee e buoni propositi, mentre le televisioni inseguono istericamente Grillo ai bordi del palco.

E quando al mio amico chiedo,” ma candidato quale voti?” lui risponde “Grillo”, a conferma di tutto e del contrario di tutto.

Fonte: siciliainformazioni.it

Share

La giunta prenda esempio dai paesi vicini e sia ridotto anche lo stipendio dei dirigenti comunali

Matteo Mangiacavallo, candidato all’ARS nel Collegio di Agrigento per il MoVimento 5 Stelle

E’ chiaro a tutti quanti che ci troviamo in una situazione particolarmente critica cui siamo arrivati dopo decenni di malgoverno, di malapolitica, di malcostume e di cattiva amministrazione, così come è chiaro a tutti quanti che adesso i nodi sono venuti al pettine. Dobbiamo cominciare a rendere conto prima a noi stessi e poi alla Comunità Europea su come intendiamo ripianare i debiti e spendere i soldi pubblici, e dobbiamo farlo adesso. Per questo motivo l’attenzione dei cittadini verso chi li amministra sarà sempre maggiore e gli amministratori dovranno evitare di fare passi falsi. In un periodo in cui si continuano a richiedere crescenti sacrifici alla gente e la continua riduzione dei trasferimenti non consente di dare seguito neanche alle esigenze primarie delle città, gli amministratori, oltre a far bene il loro lavoro, dovrebbero dare anche un segno tangibile di responsabilità e solidarietà nei confronti dei cittadini.

L’Amministrazione saccense, a causa delle disastrose condizioni delle casse comunali, ha dimezzato i buoni pasto dei dipendenti del Comune per poi chiedere, con un ulteriore sacrificio, di rinunciarvi del tutto. Per tale motivo chiediamo alla Giunta comunale, che ricordiamo, ad onor del vero, unitamente ai consiglieri comunali, percepisce già un’indennità ridotta del 30% per via dello sforamento del patto di stabilità del 2011 (d.lgs. 6/9/2011, n. 149), di prendere esempio dagli Amministratori dei comuni a noi vicini e ridurre ulteriormente le proprie indennità. Chiediamo inoltre che sia presa in considerazione la riduzione degli stipendi dei dirigenti comunali, certamente non esenti da responsabilità per lo stato in cui versa oggi il Comune. Siamo certi che le azioni da noi richieste, qualora intraprese, non risolveranno i problemi economici dell’ente ma saranno interpretate dai Saccensi tutti come un segnale della vicinanza delle Istituzioni.

Matteo Mangiacavallo, candidato all’ARS nel Collegio di Agrigento

MoVimento 5 Stelle

Share

Siciliani nel mondo, ascoltatemi!

Siciliani nel mondo, ovunque voi siate, a Toronto in Canada, a Little Italy a New York, ad Alice Spring al centro del deserto australiano o nelle mille terre del Sud America, ascoltatemi. Io ho bisogno del vostro aiuto, la Sicilia ha bisogno del vostro aiuto e anche l’Italia, che spesso vi è stata matrigna e vi ha costretto a lasciare la vostra isola, ha bisogno di voi. Potete fare molto, cambiare tutto perché, almeno una una volta nella Storia, tutto cambi veramente. I treni del vero cambiamento passano poche volte nella vita, uno di questi rarissimi treni sta percorrendo in questi giorni la Sicilia, da Messina a Palermo, da Termini Imerese a Cefalù. Lo vedi, il passaggio del treno, negli sguardi dei ragazzi siciliani che credono finalmente nella possibilità di creare sviluppo e ricchezza nella loro isola senza dover emigrare, lo vedi nel pianto di alcuni vecchi che mi hanno abbracciato come se fossi un loro figlio e nelle piazze piene all’inverosimile in cui si è accesa una speranza di buon governo, di futuro e di libertà dai ricatti dei capibastone. Ovunque voi siate telefonate a casa, inviate una mail, fate informazione presso i vostri amici e parenti in Sicilia. La libertà di informazione in Italia è agli ultimi posti nel mondo, al 61esimo posto dopo Haiti, Samoa, Guyana. Le televisioni e i giornali sono strumenti di propaganda dei partiti e delle lobby. Sono l’ultima barriera di una classe politica predatoria e vorace che ha prodotto i Cuffaro e i Lombardo. Collegatevi alla Rete, che in Sicilia è quasi inesistente, guardate le dirette su Ustream e su Youtube, ascoltate i ragazzi del MoVimento 5 Stelle e il loro portavoce Giancarlo Cancelleri, leggete il programma e poi chiamate i vostri conoscenti e spiegate che il loro voto alle prossime elezioni regionali del 28 ottobre è importante sia per loro che per voi, perché domani potrete scegliere se ritornare dalle vostre nuove patrie nell’isola di luce al centro del Mediterranneo che avete lasciato. Quanti siete nel mondo? Milioni, decine di milioni? Il vostro potere è enorme. Il vostro passaparola deve sentirsi fino ai due poli. Un fragore mai sentito prima. Se cambia la Sicilia, cambia l’Italia. E poi, forse, anche l’Europa. Non lasciate soli i vostri ragazzi.

Beppe Grillo

Share

M5S Sicilia – Come votare

SI VOTERA’ SOLO DOMENICA 28 OTTOBRE DALLE H 8.00 ALLE H 22.00

Per votare il MoVimento 5 Stelle Sicilia metti una “X” sui simboli del MoVimento e scrivi il cognome di un candidato deputato della provincia in cui voti.

La scheda è unica ed è gialla:  guarda il fac-simile della scheda elettorale (esempio provincia di Palermo)

Domande frequenti

Cosa succede se non indico il nome di un candidato?

Se non indichi il nome del candidato e metti soltanto la “X” sul simbolo, il voto verrà dato comunque alla lista.

Cosa succede se segno solo il simbolo a sinistra (lista)?

Se segni solo il simbolo di sinistra, per “effetto trascinamento”, il voto verrà dato anche al Candidato Presidente associato alla Lista.

Cosa succede se segno solo il simbolo a destra (presidente)?

Se segni solo il simbolo a destra, il voto verrà dato solo al candidato Presidente, per questo motivo è importante apporre la “X” su entrambi i simboli.

Share

La galleria di foto dell’evento Musica a Stelle

La serata musicale è stata organizzata dal Movimento 5 Stelle di Sciacca presso il Murphy’S Pub lo scorso 6 ottobre 2012 con la partecipazione di:

  • Vinylika & SK,
  • Ezio Bongiovì,
  • Angelo Torregrossa,
  • Alessandro Mucaria
  • Mauro Cottone con Eleonora Tabbì.

E’ra presente il candidato alla Presidenza della Regione Sicilia per il Movimento 5 Stelle Giancarlo Cancelleri e i candidati all’ARS di Sciacca Emma Giannì e Matteo Mangiacavallo.

[nggallery id=15]

Share

Hanno rubato i sogni ai ragazzi

I giovani sono scesi in piazza in tutta Italia, anche in Sicilia. La “politica”, come al solito, dice di essere pronta al dialogo ma intanto manda i poliziotti in assetto anti sommossa per prevenire incidenti. Certo, ovunque nelle grandi manifestazioni ci sono teste calde, ma la strategia che l’antipolitica che ci governa sta attuando è chiara: invece di parlare dei problemi dei giovani, causati da questa casta di finti politici, parla dei problemi che i giovani causano protestando. Ovviamente per loro il problema siamo noi che protestiamo, mi sembra ovvio!

Ladri di futuro e ladri di sogni, non solo ladri di soldi: questi sono i “politici”, coloro che stanno derubando noi e i nostri ragazzi. Cosa chiedono infatti i giovani in tutta Italia? Potere sognare un futuro diverso, fatto di possibilità non di paure. Perché i giovani, e non solo i giovani, sono certi che se la casta che abbiamo al potere continuerà a stare al potere nessuno avrà un futuro, tranne i ladri di futuro. Ecco perché il MoVimento Cinque Stelle sta dalla parte dei giovani.

Certo, magari qualcuno potrà pensare che questi giovani siano soltanto degli esagitati che non capiscono quanto di buono sta facendo l’attuale governo: allora, invece di parlare dei giovani, parliamo di oltre 120 economisti francesi che il 2 ottobre, tramite il giornale Le Monde, hanno presentato un appello (in italiano) contro il Fiscal compact, la legge marziale finanziaria voluta da Bruxelles (non ratificata dal Regno Unito…). Invece di punire i ladri Bruxelles punisce i poveri.

I vecchi “politici” siciliani parlano di questo? Parlano del fatto che loro non sono altro che i galoppini dei partiti che hanno rubato sogni e futuro ai nostri ragazzi? No, loro continuano a raccontare favole per fare in modo che la gente non si svegli, perché più noi dormiamo più loro rubano. C’è solo un modo per dire basta ai ladri di soldi, sogni e futuro: il 28 ottobre noi siciliani possiamo farlo.

Claudia La Rocca

Candidata all’Ars

M5S – Palermo

Fonte: sicilia5stelle.it

[warning]Per finanziare la campagna elettorale del MoVimento 5 Stelle Sicilia
http://www.kapipal.com/def8bb27c4874c55b3c9b47d87b8a8f6[/warning]

Share

Musica a 5 Stelle a Sciacca, presso il Murphy’S Pub, sabato 6 Ottobre alle 22:00

Serata musicale organizzata dal Movimento 5 Stelle di Sciacca presso il Murphy’S Pub alle ore 22:00 con la partecipazione di:

  • Vinylika & SK,
  • Ezio Bongiovì,
  • Angelo Torregrossa,
  • Alessandro Mucaria
  • Mauro Cottone con Eleonora Tabbì.

Sarà presente il candidato alla Presidenza della Regione Sicilia per il Movimento 5 Stelle Giancarlo Cancelleri e i candidati all’ARS della circoscrizione di Agrigento Emma GiannìGiuseppe ZagarrioGiovanni Di CaroMatteo MangiacavalloClaudia La RoccaEmanuele Dalli Cardillo.

Share

Le tappe del Tour Elettorale 2012 di Beppe Grillo in Sicilia – MoVimento 5 Stelle

17 giorni di tour e 35 comuni da raggiungere. Inizierà mercoledì 10 ottobre alle ore 10, con la traversata a nuoto dello Stretto di Messina, la campagna elettorale di Beppe Grillo a sostegno del candidato alla Presidenza della Regione del MoVimento 5 Stelle, Giancarlo Cancelleri, per la competizione del 28 ottobre prossimo.

Il comico genovese raggiungerà, “correndo come Forrest Gump”, le nove province della Sicilia.

Grillo, Cancelleri e i candidati all’ARS, raggiungeranno i luoghi simbolo dello spreco e della bellezza siciliana deturpati dalla mala-politica: siti archeologici, centri di turismo e paesaggi sfigurati da “cattedrali nel deserto” (industrie petrolchimiche, aeroporti mai utilizzati e luoghi invasi dall’inquinamento ambientale), che potrebbero fare da volano per l’economia siciliana.

Grillo e Cancelleri faranno passeggiate e comizi e si confronteranno con gli elettori della regione.

Queste le tappe del Tour Sicilia 2012 di Beppe Grillo in visita nella nostra isola dal 10 al 26 Ottobre 2012.

Wednesday, October 10 2012

  • Messina

Thursday, October 11, 2012

  • Lipari ME
  • Barcellona Pozzo di Gotto ME

Friday, October 12, 2012

  • Misterbianco CT
  • Acireale CT
  • Giardini-Naxos ME

Saturday, October 13, 2012

  • Etna
  • Paternò CT
  • Caltagirone CT

Sunday, October 14, 2012

  • Vittoria RG
  • Ragusa

Monday, October 15, 2012

  • Modica RG
  • Siracusa

Tuesday, October 16, 2012

  • Avola SR
  • Augusta SR

Wednesday, October 17, 2012

  • Piazza Armerina EN
  • Mazzarino CL

Thursday, October 18, 2012

  • Mussomeli CL
  • Agrigento

Friday, October 19, 2012

  • Canicatti’ AG
  • Sciacca AG

Saturday, October 20, 2012

  • Mazara del Vallo TP
  • Marsala TP
  • Trapani

Sunday, October 21, 2012

  • Carini PA
  • Alcamo TP
  • Bagheria PA

Monday, October 22, 2012

  • Termini Imerese PA
  • Cefalù PA
  • Enna

Tuesday, October 23, 2012

  • Niscemi CL
  • Gela CL

Wednesday, October 24, 2012

  • Catania

Thursday, October 25, 2012

  • Palermo

Friday, October 26, 2012

  • Caltanissetta

[warning]Per finanziare la campagna elettorale del MoVimento 5 Stelle Sicilia
http://www.kapipal.com/def8bb27c4874c55b3c9b47d87b8a8f6[/warning]

Share