Ribera, ennesima esondazione del fiume Platani. Due settimane fa il M5S aveva chiesto di “costruire urgentemente gli argini”

esondazione-platani-1024x577

Al centro dell’attenzione del M5s all’Ars, in collaborazione con il Meetup Ribera a 5 Stelle, l’ennesima inondazione che ha colpito ieri le campagne dell’Agrigentino, in particolare quelle del riberese, e i suoi aranceti. Alla ribalta della cronaca c’è il fiume Platani ma anche il “cugino” Verdura, che scorre sotto il “famigerato” ponte, dove la viabilità rimane a rischio. Anche questa volta, i torrenti si sono talmente ingrossati che, in più parti, hanno rotto gli argini inondando non solo gli agrumeti ma anche i vigneti, gli uliveti e i pescheti.

“Dispiace dover intervenire ancora, a distanza di sole due settimane, e dover dire “l’avevamo detto” – commenta il deputato Cinquestelle Matteo Mangiacavallo – la situazione è sotto gli occhi di tutti. I terreni agricoli inondati rappresentano il danno più evidente per gli agricoltori e l’economia agrigentina e siciliana”.

“Avevamo chiesto un intervento e lo avevamo detto pubblicamente, presentando un nostro atto parlamentare che chissà quando, e se, soprattutto, otterrà una risposta. E’ un governo, questo, sordo e cieco di fronte alle richieste dei cittadini, soprattutto quelli più bisognosi – continua Mangiacavallo – la situazione è chiara, accade ogni anno, e ogni anno aspettiamo le piogge incrociando le dita. Non si può continuare ad improvvisare ancora. Oltre agli interventi di manutenzione ordinaria occorrerebbe intervenire in maniera straordinaria costruendo vasche di espansione per raccogliere le acque e ridurre il flusso di portata”.

“Sono lavori, questi – conclude Matteo Mangiacavallo – che può svolgere benissimo l’ESA, che ha uomini e mezzi per farlo. Lo avevamo chiesto un anno fa, nel rispetto della Convenzione sottoscritta con l’assessorato ma quest’ultimo, da come ci fa capire dalle risposte, attende le proposte del Genio civile di Agrigento. In questi giorni ci accerteremo se c’è qualcuno che ha ‘dormito’ sopra il Platani e il Verdura e chi è”.

Share

Audizione Ponte Verdura in IV commissione, le rassicurazioni dell’Anas e il commento M5s

foto_ponte_fiume_verdura

Si è svolta ieri mattina in sottocommissione trasporti della IV commissione all’Ars un’audizione alla presenza dei vertici dell’Anas; c’erano anche il governo regionale ed un comitato spontaneo di cittadini riberesi. Oggetto dell’audizione le problematiche afferenti il ponte Verdura e la realizzazione di una nuova arteria sulla SS115 per rendere più sicuro il transito nei pressi dello svincolo per Ribera e verso i comuni limitrofi.

La seduta, richiesta dal deputato regionale M5s Matteo Mangiacavallo, ha puntato l’attenzione sui recenti problemi di “stabilità” del ponte. “L’Anas – riferisce Matteo Mangiacavallo – rassicura sull’elevata attenzione che verrà mantenuta sul ponte Verdura. Hanno precisato che non esistono problemi di stabilità e che i cedimenti del manto stradale sono fisiologici rispetto alla natura dei diversi materiali utilizzati per costruire le due corsie dello stesso ponte”.

“Era necessario questo confronto – aggiunge Mangiacavallo – così da rassicurare i cittadini che sentono ancora vivo l’incubo della chiusura di quel tratto”. “A proposito del nuovo ponte – conclude Mangiacavallo – i lavori saranno appaltati martedì prossimo (10 Febbraio), data in cui saranno aperte le buste, ed inizieranno entro la fine del 2015. Terminata la costruzione del nuovo ponte, l’attuale sarà distrutto per consentire un deflusso migliore del fiume Verdura“.

Share

M5S: la Commissione Ambiente si occupi del crollo del ponte sul fiume Verdura

La questione ponte sul fiume Verdura approdi alla commissione Ambiente”.

I deputati del gruppo parlamentare del Movimento Cinque Stelle dell’ARS chiedono che la faccenda del ponte crollato tra Sciacca ed Agrigento, all’altezza di Ribera, venga inserita all’ordine del giorno dell’audizione della commissione guidata da Giampiero Trizzino, che il prossimo 22 marzo si occuperà della messa in sicurezza della strada statale 624 Sciacca/ Palermo.

La concomitante presenza a tale audizione – dicono i deputati M5S – di numerosi amministratori e tecnici in grado di dare risposte sullo stato dell’arte dei lavori in corso è un’occasione che va colta al volo per favorire una più celere definizione delle opere”.

All’Audizione del 22 – cui saranno presenti il presidente della Regione Crocetta, l’assessore alle Infrastrutture, Bartolotta, i vertici di Anas e delle Province regionali di Agrigento, Palermo e Trapani – i parlamentari regionali del M5S chiedono che sia ammessa pure una delegazione di cittadini appartenenti al comitato “No Ponte, No voto”.

In attesa delle definizione della questione Verdura, per alleviare i disagi degli automobilisti, i parlamentari del gruppo hanno chiesto intanto, con una lettera al presidente Crocetta, l’immediata asfaltatura delle strade alternative di collegamento, le vie Scirinda e Musiti.

Share