Imposta di soggiorno: il M5S chiede all’Amministrazione come intende spenderla e quale sia la sua “vision” della città

Con l’approssimarsi della terza scadenza per il versamento dell’imposta di soggiorno, prevista per ottobre, il M5S intende riaprire il dibattito su un tema di capitale importanza per la città che è stato al centro, più di altri, della recente campagna elettorale a Sciacca e sul quale anche l’attuale amministrazione si è più volte espressa: l’imposta di soggiorno.

Premesso che per legge lo scopo del gettito derivante dall’imposta di soggiorno è quello di “finanziare interventi a sostegno delle strutture ricettive, interventi di manutenzione, fruizione di beni culturali ed ambientali nonché dei relativi servizi pubblici locali” è d’obbligo evidenziare che, nell’ultimo bilancio, rispetto al gettito totale dell’imposta, pari a 656.000 euro, 302.000 euro ossia una quota pari al 46% del totale, sono stati impegnati soltanto nel finanziamento del Carnevale trascurando tanti, tantissimi, aspetti degni di attenzione, connessi al turismo.

Il M5S ha più volte manifestato di essere assolutamente favorevole alla realizzazione di un evento come il Carnevale di Sciacca ma la manifestazione, tuttavia, non può gravare per tali importi sulle casse comunali specialmente se si considera che 302.000 euro è la solo parte di costo gravante sull’imposta di soggiorno mentre l’evento nel suo complesso ha avuto un costo addirittura superiore, di circa 377.000 euro.

A fronte di ciò il bilancio previsionale 2017 dell’imposta di soggiorno, redatto in base al rendiconto del 2016, destina alla cultura appena 5.000 euro e solo 2.000 euro alle manifestazioni sportive mentre restano fuori tutta una serie di servizi connessi al turismo, al decoro ed alla fruibilità della città, del suo patrimonio artistico-monumentale e ceramico che sono assolutamente imprescindibili per una città che voglia definirsi turistica o comunque ambire ad esserlo.

Ci chiediamo quindi quale sia la vision dell’amministrazione Valenti su questo fronte: operare in continuità con il passato oppure imboccare la strada del cambiamento, attraverso una pianificazione diversificata, lungimirante e partecipata del gettito dell’imposta, rispettando quanto detto in campagna elettorale? Quale è la politica di sviluppo turistico che questa amministrazione vuole portare avanti? Che ruolo e che peso avrà il Carnevale nell’impegno di spesa di questa imposta, cruciale per lo sviluppo economico della città?

Inoltre, poiché la scelta della destinazione di spesa dell’imposta è condizionata per legge alla concertazione ed alla consultazione delle “associazioni maggiormente rappresentative dei titolari delle strutture ricettive”, ci chiediamo se l’amministrazione Valenti abbia provveduto a convocare ed ascoltare gli operatori del settore e in che modo intenda gestire nel tempo il dialogo con gli stessi.

Con la conversione in legge del decreto 24 aprile 2017 n. 50, l’imposta di soggiorno è stata inoltre esclusa dal novero dei tributi sottoposti al blocco degli aumenti. Ci chiediamo, dal momento che questa amministrazione ha reso noto di voler aumentare la tariffa, se abbia sul punto raccolto i pareri degli operatori di settore.

Ci pare appena il caso di ricordare, infine, che gli interventi finanziabili con il gettito dell’imposta di soggiorno vanno previsti nel bilancio di previsione del Comune in materia di turismo e che dunque ne seguono le sorti e i tempi.

 

Share