M5S SCIACCA: “IMPOSTA DI SOGGIORNO E ATTIVITÀ TURISTICHE. QUALE PROGRAMMAZIONE?”

Ci troviamo puntuali di fronte all’appuntamento con la stagione estiva e ci chiediamo come la nostra città si stia preparando ad affrontarla visto che non ci risultano in corso interventi programmatici destinati alla gestione di tutte le più note emergenze e necessità  legate al turismo.

Procediamo con ordine.

Siamo ai primi di maggio, ed in barba ad ogni decantata logica di programmazione amministrativa, osserviamo anzitutto che non si è ancora riunita la Commissione sull’Imposta di Soggiorno che, per legge, in base all’art. 14, co. 4 del relativo regolamento, deve riunirsi prima dell’approvazione del bilancio di previsione.

Tale commissione, che dovrebbe includere anche i rappresentanti delle associazioni di categoria, ha il compito di individuare le priorità alle quali destinare il gettito dell’imposta di soggiorno che ha lo scopo di “finanziare interventi in materia di turismo, manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e ambientali locali e dei relativi servizi pubblici locali”.

Partendo dalla constatazione di  fatto che gli introiti dell’imposta di soggiorno ammontano, per il 2018, a circa 1 milione di euro e che a Sciacca esordisce già in questi giorni la stagione turistica, riteniamo che vada fatta una pianificazione attenta, oculata e intelligente delle spese da finanziarie alla luce di alcune ataviche priorità che anche quest’anno rischiano di creare problemi a cittadini e turisti oltre ad un inevitabile danno di immagine.

Vogliamo ricordarne alcune:

  • è necessario provvedere immediatamente alla pulizia della città, con scerbatura e manutenzione in particolare con riferimento agli accessi al mare che in questi giorni si presentano sporchi e degradati;
  • occorre predisporre un servizio di bus navetta che colleghi le aree ricettive della città con le spiagge, il centro storico e le principali emergenze monumentali, delle quali, neanche a dirlo, va garantita l’apertura destinando delle risorse ad un apposito piano;
  • occorre valorizzare ed implementare i percorsi turistici urbani che le strutture ricettive possano proporre ai turisti per organizzare il loro intrattenimento in città, alla scoperta della stessa, ed evitando il loro girovagare disorganizzato ed alla ricerca di “cose da vedere” che poi, spesso, si trovano chiuse o inaccessibili;
  • occorre prevedere alcuni interventi specifici per garantire l’apertura e fruibilità del Museo del Carnevale alla Perriera e del relativo parco giochi che, come ormai ci siamo abituati a constatare, sono aperti ad intermittenza pur costituendo uno dei pochi punti di socialità e cultura della zona.
  • da più parti, specie dai quartieri periferici della città, ci giungono lamentele da parte dei titolari di B&B, circa la scarsa illuminazione delle strade la cui percorrenza di notte, specie per i turisti che si muovono a piedi, diventa poco sicura;
  • occorre pensare ad un palinsesto di animazione della città sfruttando le risorse locali e non dimenticando che non si può programmare un calendario che interessi sostanzialmente metà del mese di luglio e il mese di agosto perché, a Sciacca, la stagione turistica parte proprio in questi giorni e gli eventi da mettere in cartellone devono puntare anche a destagionalizzare il turismo quindi a prolungarsi oltre il mese di agosto
  • è avvertita più che mai la necessità di garantire una città pulita e libera dai rifiuti che specialmente nella stagione estiva sono un vero flagello. C’è il timore che un’emergenza rifiuti mal gestita, in piena estate, possa cagionare alla città, già enormemente provata dalla vicenda dei randagi di Muciare, un ulteriore danno d’immagine che proprio non possiamo permetterci.

Ci chiediamo infine quale spazio abbia, per questa amministrazione, la  cultura partendo dalla promozione della ceramica fino ad arrivare alla valorizzazione del patrimonio artigianale, storico, religioso e monumentale, ricordando che da più parti è stato suggerito al sindaco di destinare parte delle risorse risparmiate con la fuoriuscita del comune dal CUPA proprio alla cultura.

È indispensabile dunque sapere quando l’amministrazione comunale intenda convocare la commissione per l’imposta di soggiorno e, soprattutto, come intende destinare il milione di euro, circa, del gettito dell’imposta stessa.

Alla luce anche delle notizie degli ultimi giorni, riteniamo opportuno che l’amministrazione comunichi quali somme in particolare saranno destinate al “carnevale estivo” che, voci di corridoio, preannunciano piuttosto costoso per le casse comunali.

Chiaramente quelle sopra elencate sono alcune delle necessità sulle quali si potrebbe intervenire con un sensato utilizzo dell’imposta di soggiorno ma non esauriscono la lista. Il M5S ritiene che sia arrivato il momento di mettere a frutto questo strumento con una trasparente e programmata utilizzazione delle sue risorse, rispetto alla quale auspichiamo risposte concrete.

Share

Imposta di soggiorno: il M5S chiede all’Amministrazione come intende spenderla e quale sia la sua “vision” della città

Con l’approssimarsi della terza scadenza per il versamento dell’imposta di soggiorno, prevista per ottobre, il M5S intende riaprire il dibattito su un tema di capitale importanza per la città che è stato al centro, più di altri, della recente campagna elettorale a Sciacca e sul quale anche l’attuale amministrazione si è più volte espressa: l’imposta di soggiorno.

Premesso che per legge lo scopo del gettito derivante dall’imposta di soggiorno è quello di “finanziare interventi a sostegno delle strutture ricettive, interventi di manutenzione, fruizione di beni culturali ed ambientali nonché dei relativi servizi pubblici locali” è d’obbligo evidenziare che, nell’ultimo bilancio, rispetto al gettito totale dell’imposta, pari a 656.000 euro, 302.000 euro ossia una quota pari al 46% del totale, sono stati impegnati soltanto nel finanziamento del Carnevale trascurando tanti, tantissimi, aspetti degni di attenzione, connessi al turismo.

Il M5S ha più volte manifestato di essere assolutamente favorevole alla realizzazione di un evento come il Carnevale di Sciacca ma la manifestazione, tuttavia, non può gravare per tali importi sulle casse comunali specialmente se si considera che 302.000 euro è la solo parte di costo gravante sull’imposta di soggiorno mentre l’evento nel suo complesso ha avuto un costo addirittura superiore, di circa 377.000 euro.

A fronte di ciò il bilancio previsionale 2017 dell’imposta di soggiorno, redatto in base al rendiconto del 2016, destina alla cultura appena 5.000 euro e solo 2.000 euro alle manifestazioni sportive mentre restano fuori tutta una serie di servizi connessi al turismo, al decoro ed alla fruibilità della città, del suo patrimonio artistico-monumentale e ceramico che sono assolutamente imprescindibili per una città che voglia definirsi turistica o comunque ambire ad esserlo.

Ci chiediamo quindi quale sia la vision dell’amministrazione Valenti su questo fronte: operare in continuità con il passato oppure imboccare la strada del cambiamento, attraverso una pianificazione diversificata, lungimirante e partecipata del gettito dell’imposta, rispettando quanto detto in campagna elettorale? Quale è la politica di sviluppo turistico che questa amministrazione vuole portare avanti? Che ruolo e che peso avrà il Carnevale nell’impegno di spesa di questa imposta, cruciale per lo sviluppo economico della città?

Inoltre, poiché la scelta della destinazione di spesa dell’imposta è condizionata per legge alla concertazione ed alla consultazione delle “associazioni maggiormente rappresentative dei titolari delle strutture ricettive”, ci chiediamo se l’amministrazione Valenti abbia provveduto a convocare ed ascoltare gli operatori del settore e in che modo intenda gestire nel tempo il dialogo con gli stessi.

Con la conversione in legge del decreto 24 aprile 2017 n. 50, l’imposta di soggiorno è stata inoltre esclusa dal novero dei tributi sottoposti al blocco degli aumenti. Ci chiediamo, dal momento che questa amministrazione ha reso noto di voler aumentare la tariffa, se abbia sul punto raccolto i pareri degli operatori di settore.

Ci pare appena il caso di ricordare, infine, che gli interventi finanziabili con il gettito dell’imposta di soggiorno vanno previsti nel bilancio di previsione del Comune in materia di turismo e che dunque ne seguono le sorti e i tempi.

 

Share