Imu agricola. Piattaforma al Ministero e all’Assessorato Regionale all’Agricoltura.

Associazioni di categoria, Soat e amministratori comunali di Ribera, Sciacca, Menfi e Bivona stileranno un documento per tentare di essere inclusi nelle zone svantaggiate esonerate dal pagamento dell’Imu agricola. Lo ha stabilito l’apposito tavolo tecnico convocato ieri mattina, venerdì 31 gennaio, dall’assessore comunale di Ribera Giuseppina Spataro.

La piattaforma, già nella prossima settimana, su iniziativa del senatore Giuseppe Ruvolo, sarà portata all’attenzione del Ministero delle Politiche Agricole, mentre martedì 11 febbraio arriverà in Commissione Agricoltura all’Ars grazie al deputato Matteo Mangiacavallo.

La questione è stata già valutata dai funzionari della Regione Siciliana nel corso dell’incontro all’Assessorato Regionale il 24 gennaio scorso. “Siamo stati rassicurati dal fatto che per il prossimo Piano di Sviluppo Rurale non ci saranno restrizioni per i nostri Comuni – spiega l’assessore riberese Spataro – e dall’avvio di una nuova ricognizione del Ministero per allargare il perimetro delle zone svantaggiate”.

Share

Imu agricola, domani audizione in Commissione. Mangiacavallo: “Ci sono buoni margini per i 4 comuni esclusi dell’agrigentino”

Assente giustificato, per via della Finanziaria, al tavolo tecnico istituito a Ribera lo scorso 13 gennaio, il deputato regionale del M5S Matteo Mangiacavallo aveva promesso un interessamento immediato nella battaglia contro l’Imu agricola che, in provincia di Agrigento, viene pagata in 4 paesi non inseriti tra le aree montane o svantaggiate: Menfi, Sciacca, Bivona e Ribera. In data odierna ha chiesto e ottenuto l’integrazione dell’ordine del giorno della seduta della III commissione parlamentare legislativa all’ARS di domani, mercoledì 29 gennaio 2014, con l’audizione dell’ass. Dario Cartabellotta sul tema delle zone agricole svantaggiate.

Quello di cominciare a discuterne parallelamente anche in terza commissione è un primo passo necessario, considerato l’importante ruolo assegnato al Governo regionale in ambito di ri-perimetrazione delle zone agricole svantaggiate. Ho partecipato all’incontro tra istituzioni locali e sindacati, lo scorso venerdì 24, presso l’Assessorato Regionale all’Agricoltura. Ci sono buoni margini per l’inserimento dei 4 comuni dell’agrigentino che allo stato attuale risultano esclusi – sostiene Matteo Mangiacavallo – ma bisogna fare un buon lavoro sinergico tra tutte le forze politiche, principalmente all’interno del tavolo tecnico che si riunirà nuovamente il prossimo 31 gennaio a Ribera. Nella seduta di commissione in programma domani chiederò l’audizione nel breve periodo del tavolo tecnico provinciale convocato dall’assessore riberese Giuseppina Spataro.

Share

Guadagniamo terreno, giorno dopo giorno

Ieri sera (29 maggio 2013, ndr) in una via della Vittoria colma di cittadini menfitani, insieme ai nostri portavoce all’ARS abbiamo riassunto i punti principali del nostro programma: rifiuti zero (meno tasse, più lavoro), indipendenza energetica, acqua pubblica, codice etico amministrativo, e “menfi city sharing” (il nostro progetto di sviluppo turistico per Menfi).

Questi e altri punti sono stati scritti da noi e da altri cittadini menfitani, con la collaborazione tecnica dei nostri portavoce all’ARS, alcuni dei quali ieri sera sono intervenuti per spiegare come stanno cambiando la Sicilia, e come si sta cercando di cambiare anche l’Italia, nonostante il messaggio che fanno passare i mass media sia di gran lunga lontano dalla verità.

Ogni giorno a Menfi giriamo casa per casa, quartiere per quartiere. E ogni giorno prendiamo coscienza della voglia che hanno i cittadini di rinnovare la classe politica del nostro comune.

Ogni giorno guadagniamo terreno. Gli altri inciuciano, litigano e vivono in una tregua pacifica di facciata, come se fossero già d’accordo, nascondendosi nei loro circoli e nelle loro sezioni (la politica del recinto). Noi invece stiamo tra la gente e con la gente, e soprattutto, alla luce del sole, cerchiamo in tutti i modi di presentare, non persone (gli altri sono sempre gli stessi), ma idee e progetti.

I nostri prossimi appuntamenti:

  • venerdì 31 maggio, ore 22:00 – COMIZIO IN VIA DELLA VITTORIA
  • sabato 1 giugno, dalle ore 20:00 – FESTA “MENFI IN MOVIMENTO” (aperta al pubblico)
  • mercoledì 5 giugno, ore 21:00 – BEPPE GRILLO IN PIAZZA VITTORIO EMANUELE
  • venerdì 7 giugno – COMIZIO DI CHIUSURA CAMPAGNA ELETTORALE IN VIA DELLA VITTORIA

Ci vediamo in consiglio comunale. Sarà un piacere.

Fonte: menfi5stelle.it

Share

Gli appuntamenti elettorali del M5S in provincia di Agrigento previsti per questo weekend

Sabato 1 e domenica 2 giugno 2013 sono previsti una serie di eventi elettorali nella provincia di Agrigento. Questo l’elenco degli appuntamenti:

Sabato 1 giugno a Menfi, dalle 20:00 alle 24:00

20:00 – 24:00, Menfi in MoVimento (degustazione prodotti a km 0, mostra fotografica, musica dal vivo, intervento portavoce).

Parteciperanno all’evento elettorale i nostri portavoce all’ARS, Matteo Mangiacavallo, e alla Camera, Riccardo Nuti.

Domenica 2 giugno

12:00 – 13:00, evento elettorale Grotte

13:00 – 17:30, pranzo e giro turistico con attivisti e simpatizzanti di Grotte

18:20 – 19:00, evento elettorale Palma di Montechiaro

20:00 – 21:00, evento elettorale Ravanusa

Parteciperanno agli eventi elettorali i nostri portavoce all’ARS, Matteo Mangiacavallo, e al Senato, Nunzia Catalfo, Ornella Bertorotta e Mario Giarrusso.

Share

Interrogazione di M. Mangiacavallo sulla gestione rifiuti e creazione isola ecologica nei porti di Sciacca e Porto Palo di Menfi

Il cittadino a 5 stelle all’ARS Matteo Mangiacavallo, accogliendo le istanze del Meetup Sciacca 5 Stelle, ha presentato un’interrogazione scritta all’Assemblea Regionale sull’affidamento del servizio di gestione dei rifiuti e l’istituzione di un’isola ecologica per i porti di Sciacca e Porto Palo di Menfi.

La questione, già sollevata dal M5S in occasione della campagna per le amministrative di Sciacca dello scorso mese di Maggio, è stata approfondita in questi mesi. Ne è emersa un’inadempienza da parte della Regione Sicilia che, nonostante le prescrizioni normative, non ha ancora provveduto all’esecuzione dell’iter istruttorio per l’affidamento, mediante gara d’appalto a evidenza pubblica, dei servizi suddetti.

Nel frattempo la non corretta gestione dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico e la mancata istituzione di un’isola ecologica portuale hanno favorito la comparsa di “discariche abusive” (contenenti, tra l’altro, rifiuti pericolosi) che, seppur condannate e perseguite ai sensi di legge dal locale Ufficio Circondariale Marittimo, determinano l’inevitabile degrado igienico-sanitario delle strutture portuali.

Si auspica che l’interrogazione possa porre fine a questa emergenza ambientale che riguarda sia il porto di Sciacca che Porto Palo di Menfi.

Testo dell’interrogazione

L’interrogazione è anche visibile sulla pagina personale del cittadino a 5 stelle Matteo Mangiacavallo ospitata sul sito dell’ARS e accessibile tramite questo link.

Share

La carica dei 15 grillini (armati di webcam)

NELLA REGIONE SICILIA ECCO CHI SONO I DEPUTATI ELETTI DAL MOVIMENTO

Gli emigranti ritornati Ci sono artisti, ingegneri e una ragazza che voleva aprire un campeggio

Beppe Grillo durante un comizio in Sicilia (Reuters/Massimo Barbanera)
Beppe Grillo durante un comizio in Sicilia (Reuters/Massimo Barbanera)

PALERMO – Altro che «zitelle acide», come ironizza il capopattuglia di Beppe Grillo, il geometra-deputato Giancarlo Cancelleri. Eccole tutte giovani, sorrisi solari, scarpe da ginnastica, giacche sagomate sui jeans, semplici e determinate, le sei stelle siciliane pronte con gli altri nove eletti del Movimento 5 Stelle a varcare la soglia di un santuario del potere come Palazzo dei Normanni.
La rivoluzione scattata con la nuotata del lider maximo ha i riccioli dorati di Claudia La Rocca, il caschetto biondo di Valentina Palmeri, il taglio sbarazzino di Angela Foti, la serenità di Valentina Zafarana, ma anche l’estro di un artista tornato da Londra come Antonio Venturino, autorizzato, assicura, da Dario Fo alla traduzione sicula del «Mistero buffo», e ancora il talento di un ingegnere elettronico come Sergio Troisi, rientrato pure lui da Londra dove collabora all’installazione di treni-navetta negli aeroporti di tutto il mondo anche dalla sua casa di Trapani, «potenza di Internet».

A molti professionisti della politica sembreranno dei marziani piazzati fra i banchi di Sala d’Ercole, ma sono loro, piaccia o non piaccia, la novità di queste elezioni che segnano un prima e un dopo, turbando il sonno della Regione col parlamento più antico del mondo.
E si capisce parlando con Claudia La Rocca che, a 31 anni, arrivata da Bagheria, si danna di aver piantato Samanta e Giampiero, gli amici del cuore, per le pratiche sull’eco-camping: «Tutti e tre senza lavoro, per non partire, per non abbandonare la nostra Sicilia, stavamo per impiantare un campeggio, credendo nel turismo, puntando sul nostro territorio, la città di Guttuso e Buttitta, di Tornatore e Dacia Maraini…». E ora si tormenta perché le resta poco tempo. «Ma non abbandono. Anche perché quello è il mio futuro». E Palazzo dei Normanni? «Mica posso fare politica per tutta la vita. Passeranno cinque anni, ma poi io torno al mio campeggio, se riusciamo a farlo partire». Diploma allo Scientifico, un anno a Lettere, poi il lavoro in una finanziaria, quindi segretaria e sempre precaria «anche 8 ore al giorno per 300 euro al mese», Claudia si considera di passaggio dal «santuario» dei Normanni: «Vorrei solo fare sentire il fiato sul collo degli altri deputati. Noi con lo stipendio ridotto a 2.500 euro e le webcam in mano, terminali di una rete per portare i cittadini dentro il Palazzo mostrando cosa succede. Chissà che non serva a tutti, per evitare intrallazzi».
Auspicio condiviso da Valentina Palmeri, 36 anni, roccaforte ad Alcamo, laurea in Scienze naturali, un ingrosso per pasticcerie in famiglia, leader di uno dei 61 «gruppi» del pianeta Grillo in Sicilia: «Venti attivisti, cento iscritti al ”meetup”, tutti giovani, da 25 a 40 anni, studenti, avvocati, professionisti e due neodisoccupati, due contrattisti del Comune non riconfermati…».

[nggallery id=”17″]

È lo stesso quadro che pure Venturino l’artista fa di Enna, la città dove, tornato da Londra, insegnando recitazione, s’è ritrovato a 47 anni davanti a diciotto giovani impegnati già prima dell’estate a cliccare con Grillo e preparare le amministrative del prossimo anno: «Mi sono offerto per aiutarli. ”Se c’è bisogno di me…”». A un tratto tutto precipita, Lombardo si dimette da governatore, scatta l’allarme elezioni e il «maestro» viene colto di sorpresa: «Mi chiesero loro di provare a candidarmi. Dovettero insistere. Per me era solo una testimonianza. E ho cominciato a credere che davvero ero stato eletto solo lunedì pomeriggio, con un sms di un’amica ai seggi che diceva “Bum, bum, bum”». Si danna pure lui, al telefono con i ragazzi di un liceo di Caltanissetta: «Forse quest’anno salta il corso su Agamennone e Aristofane…».

Chissà, forse dovrà mollare il suo lavoro anche Matteo Mangiacavallo, 40 anni e due bimbi piccoli, attivista a Sciacca del Forum per il «movimento acqua bene comune». Un cervellone di cui dovrà fare a meno la ditta che si occupa di assistenza informatica presso gli uffici giudiziari nel Sud Italia. Con lui da dieci anni impegnato sui pc dei tribunali di Caltanissetta, Sciacca, Marsala e Agrigento: «Dati sensibili e segreti. Lavoriamo sotto giuramento».

E che dire di Troisi, l’ingegnere dei treni-navetta della «Bombardier» di Pittsburgh che lavora per Heathrow e tanti altri aeroporti da Trapani, come prima da Londra si occupava dei grillini siciliani: «Notti insonni. Magia di Internet». Una vita lavorativa cominciata alla StMicroelectronics di Catania, poi a Roma, all’Alitalia: «Mollai prima che fallisse. Capii che non c’erano speranze. E volai a Londra per dieci anni. Tornato poi per questa avventura». Ma con un curriculum che, come altri della pattuglia, stona con quelli del Palazzo. Non uno stage come portaborse.

Felice Cavallaro, 31 ottobre 2012

Fonte: corriere.it (articolo e foto)

Share

M5S prima forza politica a Menfi

Siamo la prima forza politica a Menfi! Con 1096 voti al nostro candidato presidente Cancelleri, il Movimento 5 Stelle si pone davanti a tutti, nonostante la presenza di ben 5 candidati locali. In termini di voti di lista, 758 voti, ci attestiamo al secondo posto, subito dopo l’MPA, trascinata dal buon risultato di Saverio Ardizzone, il più votato fra i candidati menfitani all’ARS.

Una vittoria per i cittadini menfitani a 5 stelle, e una vittora per Matteo Mangiacavallo, neoeletto deputato regionale, con 2997 voti di prederenza nel collegio di Agrigento, di cui 231 presi a Menfi.
Un ragazzo per bene, una persona semplice e competente. Un cittadino volenteroso e capace, che insieme a quel gruppo di pazzi scatenati rappresentati dai ragazzi del meetup Sciacca 5 Stelle, è riuscito nell’impresa di farsi strada fra i volponi della politica per entrare all’ARS. Anche Menfi ha dato il suo piccolo, grande, contributo, sia in termini di vicinanza, di stima, e di entusiasmo, sia in termini di preferenze. Questa grande vittoria di Matteo e di tutti i cittadini del Movimento 5 Stelle è frutto di un impegno e di un entusiasmo senza precedenti. Di un’organizzazione perfetta, di un amore estremo per la propria terra e di un attaccamento morboso alla propria gente. Ma soprattutto, è frutto di una collaborazione Sciacca-Menfi che forse non si era mai vista. Il meetup di Menfi è orgoglioso di aver contribuito alla causa del Movimento 5 Stelle, ed è felice di essere rappresentato da una persona straordinaria come Matteo Mangiacavallo.

Questa volta il presidente napolitano (volutamente minuscolo) il boom lo deve per forza sentire. Il M5S è stato il primo partito in Sicilia, con quasi il 14,87% dei voti di lista. Giancarlo Cancelleri è stato il terzo candidato a presidente più votato, con il 18,17% dei consensi. Abbiamo conquistato 15 seggi all’ARS, così ripartiti:
– AG: Matteo Mangiacavallo;
– CL: Giancarlo Cancelleri;
– CT: Angela FotiGianina CiancioFrancesco Cappello;
– EN: Antonio Venturino;
– ME: Valentina Zafarana;
– PA: Claudia La RoccaSalvatore SiragusaGiorgio CiaccioGiampiero Trizzino;
– RG: Vanessa Ferreri;
– SR: Stefano Zito;
– TP: Valentina PalmeriSergio Troisi.

Ragazzi e ragazze (ben 6!) straordinari, che rivoluzioneranno il modo di fare politica in regione. Cittadini normali, umili, giovani e competenti, che insieme a tutti i cittadini attivi del Movimento 5 Stelle hanno fatto una campagna elettorale su scala regionale con 30mila euro, senza avere un euro di finanziamento pubblico.
La legge elettorale regionale purtroppo assegna una maggioranza esigua al neoeletto Crocetta, e ciò predispone al rischio di inciuci politici che sono la causa della regressione economico-politica a cui abbiamo assistito in questi ultimi decenni in Sicilia. Ma stavolta ci saranno i nostri portavoce consiglieri a fare la guardia.

Fonte: menfi5stelle.it

Share

Inizia la Campagna elettorale del Movimento 5 stelle Menfi. Aperta la sede.

Presente il candidato saccense al consiglio regionale Matteo Mangiacavallo

Sabato 29 settembre è iniziata a Menfi ufficialmente la Campagna elettorale per le Elezioni Regionali con un Banchetto presso il Mercato, e successivamente è stata presentata la sede elettorale. Nonostante il Movimento 5 Stelle di Menfi, abbia il fulcro organizzativo in rete (www.menfi5stelle.it), di fronte all’esigenza di diffondere le proprie idee e le proprie proposte anche nei confronti di chi non ha internet, ha inaugurato la sua sede elettorale in via della vittoria a Menfi (di fianco alla Birreria Italia), sede messa a disposizione dell’Associazione Menfi Vive per un mese, e a titolo completamente gratuito.

Matteo Mangiacavallo (a sinistra) e Giancarlo Cancelleri (a destra)

Scrive il movimento nel suo comunicato stampa:

In questi giorni di campagna elettorale, il nostro nuovo locale in pieno centro storico sarà a disposizione di chiunque voglia avvicinarsi al nostro mondo politico, anche soltanto per chiedere informazioni.

Ad inaugurarla sabato 29 settembre, insieme a tutto il Meetup Menfi 5 Stelle c’è stato anche il Meetup Sciacca a 5 Stelle, arrivato a Menfi per svolgere un banchetto informativo al mercato, con la finalità di promuovere le iniziative e il programma del M5S, e per far conoscere alla nostra gente uno dei candidati al consiglio regionale per il M5S, Matteo Mangiacavallo, giovane tecnico informatico di Sciacca (nella foto insieme al candidato alla presidenza della regione per il M5S, Giancarlo Cancelleri).

“Sono rimasto ben impressionato dalla gente di Menfi” – dice Mangiacavallo – “che è una cittadina che non finisce mai di stupirmi. Anche lì come nel resto delle realtà del belicino c’è molta delusione e disillusione verso i partiti e indignazione per gli esagerati costi della politica. Noi del Movimento 5 Stelle siamo benvoluti e la nostra rivoluzione sta per iniziare!”

Prossimamente a Menfi arriveranno anche gli altri candidati della circoscrizione di Agrigento per il M5S. Emma Giannì, altra candidata di Sciacca, conosciuta per la sua candidatura a sindaco con la quale il M5S ha fatto un’ottima figura alle scorse amministrative, che hanno visto fra l’altro Matteo Mangiacavallo essere fra i candidati consiglieri più votati in assoluto.

Giovanni Di Caro, ingegnere informatico di Favara, Giuseppe Zagarrio, impiegato di Ravanusa, Emanuele Dalli Cardillo, avvocato di Porto Empedocle, e Claudia La Rocca, originaria di Bagheria che vive a Palermo e si occupa di turismo sostenibile.

Insieme a loro avremo anche il piacere di avere il candidato presidente alla regione per il M5S, Giancarlo Cancelleri, un geometra 37enne di Caltanissetta, volto storico del M5S siciliano. Nei prossimi giorni ve li faremo conoscere uno ad uno. Ognuno di loro vale uno, e se verrà eletto si farà portavoce non di se’ stesso, ma del nostro programma elettorale.

Il Movimento 5 Stelle si spende per un ricambio radicale dell’attuale classe politica, di cui fanno parte da tanto tempo almeno 4 dei 5 candidati locali di Menfi, e soprattutto vuole rivoluzionare il modo di fare politica, eliminando i privilegi e le carriere, lottando contro le solite candidature di servizio che sono utili non alla cittadinanza, ma soltanto ad un sistema malato che cerca di salvarsi a spese dei Cittadini. Votare il paesano oggi non serve più, perché non è mai riuscito e mai riuscirà a fare gli interessi dei menfitani, perché dovrà prima fare gli interessi della casta.

Fonte: belicenews.it

Share

Menfi, nasce il Meetup degli amici di Beppe Grillo

COMUNICATO STAMPA

Si è costituito a Menfi il Meetup “Menfi 5 stelle” formato da un gruppo di giovani che si ispira al Movimento 5 Stelle.

“Meet Up vuol dire “incontrarsi”, ed è quello che abbiamo intenzione di fare, nella nostra cittadina, nel nostro territorio, ovunque. Un incontro virtuale, reso possibile da un grosso portale online, il meetup appunto, uno spazio web tutto nostro, ma che è possibile condividere con chiunque, sfruttando tutta la potenza di internet, che consente scambi di informazioni fra più persone nelle varie parti del pianeta, in un tempo istantaneo.

Per conoscersi, scambiare opinioni su vari temi, come politica, economia, ambiente,  turismo, salute, cultura. Per mettere in risalto eventuali problematiche, analizzandole e discutendole, al fine di trovare le soluzioni migliori.
Il MeetUp di Menfi è aperto a tutti coloro che vogliono partecipare alla vita sociale e politica della nostra città, oltrepassando le tradizionali vie di comunicazione mediatica, ed intraprendendo un rapporto diretto fra cittadini. Con la finalità di dare alla nostra comunità uno strumento innovativo che mira a quell’obbiettivo che dovrebbe essere il principale di qualsiasi associazione, movimento, partito politico: MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLA VITA nel nostro territorio, attraverso la creazione di opportunità di sviluppo concrete e la lotta al malcostume della politica clientelare che frena ogni tentativo di miglioramento.
I principi fondamentali a cui ci ispiriamo sono la legalità, la trasparenza, la partecipazione, il rispetto per l’ambiente, la giustizia sociale.
Il MeetUp vuole essere, in ultima analisi, una sorta di laboratorio di idee e progetti condivisi, che saranno la base per la formazione, a Menfi, del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo.

Chiunque potrà unirsi a noi al sito meetup.com/menfi-5-stelle

L’iscrizione è libera e gratuita.”

Per il Meetup di Menfi

Barbera Renzo
Barbera Marcella
Buscemi Mauro  
Corso Giuseppe
Costa Silvio Maria
Gulli Giuseppe

CONTATTI:
menfi5stelle@gmail.com
3495822217
3391764695
3471181764

Share