Il microcredito è legge, esulta ll Movimento 5 Stelle

Il fondo destinato alle microimprese potrà contare su un milione e mezzo di euro, cui va aggiunto un ulteriore milione messo a disposizione dai deputati stellati

Il microcredito è legge. E’ stato approvato l’emendamento alla legge di stabilità, presentato dai deputati del Movimento 5 Stelle che istituisce un fondo destinato a finanziare le microimprese.

Uno dei principali cavalli di battaglia del Movimento ha tagliato finalmente il traguardo.

Anche se – afferma soddisfatto il portavoce Salvatore Siragusa – per noi è un punto di partenza e non d’arrivo. Abbiamo in cantiere altri progetti che mirano a dare un calcio alla crisi e respiro alle aziende”.

Il fondo avrà una dotazione di partenza non indifferente: un milione e mezzo di euro per il 2013, cui va aggiunta la somma versata volontariamente ogni mese dai deputati 5 Stelle, che a fine anno dovrebbe ammontare a circa un milione di euro.

La filosofia che ha ispirato la nostra Finanziaria – spiega il portavoce Francesco Cappello – è stata animata da una doppia azione, che da un lato mirava a reperire le risorse, vedi gli emendamenti sulle cave, le acque e sulle royalties petrolifere, e dall’altro a trovare gli strumenti per aiutare le imprese. Il microcredito è uno di questi. Speriamo che altre forze politiche trovino il modo di contribuire a farlo crescere, visto che fino ad oggi nessuno ha mandato il benché minimo segno in tal senso”.

La palla passa ora al governo, che dovrà emanare il decreto attuativo che consentirà alle imprese di usufruire dei prestiti.

Gli importi finanziabili, comunque, non potranno superare i 20.000 euro.

Share

Dopo il Restitution Day, l’operazione trasparenza del M5S Sicilia

Dopo l’evento pubblico del Restitution Day il MoVimento 5 Stelle Sicilia compie un ulteriore passo avanti verso il rinnovamento delle istituzioni, portando a termine un’altra promessa fatta durante la campagna elettorale. Da oggi, infatti, i cittadini potranno accedere alla nuova sezione Trasparenza del sito sicilia5stelle.it, sotto la voce Trattamento economico, in cui verranno caricate mensilmente le buste paga dei deputati e le copie dei bonifici delle somme restituite all’ARS.

Ogni 4 mesi verrà inoltre pubblicato il rendiconto delle spese per l’esercizio del mandato parlamentare e annualmente il bilancio del relativo Gruppo Parlamentare “Movimento 5 Stelle”.

Cittadini 5 Stelle all’ARS hanno rinunciato a monte all’indennità di trasporto su gomma (voce non obbligatoria), che prevede un ammontare forfettario annuo di:

  • € 3.323,00 per i deputati residenti a Palermo
  • € 6.646,50 per i deputati residenti entro 100km da Palermo
  • € 7.989,50 per i deputati residenti a più di 100km da Palermo

I Cittadini 5 Stelle all’’ARS percepiranno solo € 2.500 netti dalla loro indennità (oltre novemila euro lorde) e tratterranno dalla Diaria (€ 3.500 mensili – per ogni assenza vengono detratti € 224,90) solo i rimborsi puntuali, ovvero dietro presentazione di relativa documentazione (es. trasporto, affitto, eventuali trasferte).

Le somme restanti saranno restituite fin da subito tramite bonifico all’Assemblea Regionale, con l’impegno di destinare le stesse ad un apposito capitolo di bilancio vincolato, in favore di un “fondo per il microcredito a sostegno delle microimprese, come definite al comma 3 art. 2 dell’allegato 1 del Regolamento (CE) n. 800/2008, della Regione Siciliana esistenti o di nuova costituzione da destinare ad interventi finanziari per l’avvio dell’attività o per ammodernamento del ciclo produttivo”. Qualora, non dovesse essere possibile quest’azione, sarà nostra premura consultarci con i cittadini attivi per valutare insieme il modo migliore per utilizzarle e gestirle. È nostra cura ed interesse che questi soldi vengano restituiti in un modo o nell’altro ai cittadini.

Fonte: sicilia5stelle.it

Share