Il M5S incontra gli operatori dell’ospedale di Sciacca

Domenico Mistretta, candidato sindaco del M5S, in visita presso gli uffici amministrativi dell’ospedale di Sciacca accompagnato dai parlamentari Cappello e Mangiacavallo.

Nel calendario di incontri con la cittadinanza portato avanti in questi giorni dal Movimento 5 Stelle, dopo l’Agorà di ieri con gli abitanti del Villaggio Pescatori, oggi, tappa anche all’ospedale per il candidato sindaco pentastellato, Domenico Mistretta, accompagnato dai deputati regionali Francesco CappelloMatteo Mangiacavallo, oltre che dall’assessore designato, Giuseppe Geraldi.

In visita presso gli uffici amministrativi dell’Ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca, candidati e deputati hanno incontrato gli operatori e l’avvocato Rosanna Dubolino. Il giro è proseguito incontrando la responsabile del Servizio Veterinario, dott.ssa Natalia Sciortino, il dottor Calogero Cirafisi del Centro Alzheimer, la responsabile del Tribunale dei Diritti del Malato, Lilla Piazza, e con un giro nei reparti dove i pentastellati hanno dialogato con medici, infermieri, ausiliari e pazienti.

Il tour a 5 stelle prosegue, oggi pomeriggio, con la visita dei candidati del Movimento in programma anche in Contrada Seniazza mentre si preparano due importanti incontri: il 2 giugno, presso lo stabilimento balneare Aloha, in Contrada San Marco, a partire dalle 11.00, con il portavoce del M5S, Roberto Fico, deputato e presidente della Commissione di Vigilanza Rai, e Vincenzo Santangelo, senatore, per sostenere il candidato sindaco, Domenico Mistretta ed i candidati al Consiglio Comunale alle elezioni amministrative del prossimo 11 giugno e parlare di spiagge, mare, turismo, sport.

L’altro appuntamento in programma vedrà la presenza, nella serata del 4 giugno, del deputato nazionale Alessandro Di Battista, che comizierà in Piazza A. Scandaliato insieme ai candidati del Movimento 5 Stelle.

Share

Ospedale Sciacca, pronto soccorso senza primario. Mangiacavallo (M5S) “Stallo incomprensibile”

Il deputato regionale saccense interviene su avviso interno scaduto da oltre tre mesi: “Chiediamo risposta al direttore generale”.

Era stato pubblicato dall’ASP di Agrigento, in data 22/09/2016,  l’avviso interno per il conferimento incarico di sostituzione, ex art. 18, del primario del Pronto Soccorso di Sciacca, dott. Michele Carlino, andato in pensione. Bando scaduto da oltre tre mesi e al quale hanno manifestato il loro interesse sei dirigenti medici degli Ospedali riuniti di Sciacca e Ribera: Angelo Di Rosa, Gaspare Marinello, Giuseppe Spallino, Ida Oliviero, Umberto Marsala e Vincenzo Bonomo.

Della questione si è interessato il deputato regionale Matteo Mangiacavallo che più volte, in questi mesi, ha interpellato l’ASP di Agrigento per ottenere notizie in merito. Con l’ultima risposta datata 21/11/2016, il direttore generale, dott. Lucio Ficarra, faceva sapere che ai curricula pervenuti, e dunque in fase di valutazione, se n’era aggiunto un settimo, quello del dott. Ignazio Galizia, giunto da Palermo al Pronto Soccorso di Sciacca e addirittura accreditato dalla stampa come primario in pectore. Notizia mai confermata, tant’è che dal 23 settembre tali funzioni vengono svolte dal direttore sanitario Dott. Gaetano Migliazzo.

“La situazione è chiara, chiarissima – afferma Matteo Mangiacavallo – e non capiamo il motivo per cui il direttore generale non abbiamo ancora scelto. O forse si, perché a pensar male, diceva qualcuno, si fa peccato ma spesso ci si azzecca”.

“Abbiamo fatto presente all’ASP – continua il deputato saccense – che non esiste un settimo candidato. L’ultimo arrivato non ha partecipato all’avviso interno e non è un medico già in servizio. Motivo per il quale la scelta deve ricadere tra i sei dirigenti che hanno manifestato interesse a ricoprire quel ruolo e che ad oggi vedono mortificata la loro legittima aspettativa”.

“Purtroppo siamo alle solite – conclude Mangiacavallo – anche se siamo sicuri che la nomina arriverà presto, pur se in ritardo, e su base meritocratica. E’ un obiettivo del Movimento 5 Stelle, far sì che non prevalgano scelte parentocratiche o partitocratiche, a partire proprio dalle nomine dei direttori generali delle ASP”.

Share

Nuova rete ospedaliera siciliana: cònzala comu voi, sempri cucuzza è!

Foto prelevata dal sito del Corriere di Sciacca (http://www.corrieredisciacca.it/default.asp?id=39864)
Foto prelevata dal sito del Corriere di Sciacca (http://www.corrieredisciacca.it/default.asp?id=39864)

Leggendo la nota congiunta di PD e Sciacca Democratica non possiamo che prendere atto dell’incapacità manifesta della vecchia politica di chiamare le cose con il loro nome. Nascondersi dietro ai giochi di parole, alla denominazione “documento metodologico”, per opportunismo politico o per conclamata miopia, significa negare l’evidenza dei fatti.

Verba volant, scripta manent. I fatti ci dicono chiaramente quali sono le intenzioni del Presidente Crocetta e del suo braccio operativo Assessore Gucciardi e sono riportati nero su bianco. Le rassicurazioni verbali restano “aria fritta” dinanzi a un documento che “metodologicamente” relega l’ospedale di Sciacca a struttura di base. Nel frattempo si mantengono come spoke la struttura di Agrigento, città di Angelino Alfano, la struttura di Salemi (10.794 abitanti), città natale del caro Assessore alla Sanità, la struttura di Gela, del Presidente Crocetta, affiancata a quella di Mazzarino (12.145 abitanti) e di Niscemi (27.558 abitanti).

La verità è che la gestione della Sanità in Sicilia è ormai legata a interessi politici che nulla hanno a che vedere con le reali esigenze dei territori e soprattutto dei cittadini.

Accusare Matteo Mangiacavallo e il M5S di sciacallaggio politico è un tentativo maldestro e, come testimoniato dall’azione del deputato in questi anni, privo di alcun fondamento.

Allora lasciamo che, insieme a tutte le forze politiche che oggi sono maggioranza di governo alla Regione, il PD e Sciacca Democratica continuino, come loro stessi hanno sostenuto qualche giorno fa, a “lavorare in silenzio”, così non li sentirà nessuno, e “a fari spenti”, così continueranno a non vedere alcunché, aspettando che la bozza diventi definitiva e che sia poi sottoposta a sindacati e sindaci per mera presa d’atto.

Noi riteniamo invece che la cittadinanza vada informata da subito e che questo possa contribuire a una mobilitazione generale a difesa della sanità saccense.

Assemblea M5S Sciacca

Share

Rete ospedaliera siciliana, bozza o non bozza, è comunque arrivata a Roma!

tabella-ospedali-base-sciacca-nuova-rete-ospedaliera

Tra smentite e rassicurazioni dell’assessore regionale alla Sanità Gucciardi, è confermata l’esistenza di una bozza di rete ospedaliera strutturata in base a linee guida che lo stesso assessore aveva inviato a Roma lo scorso 29 Luglio. In quel documento, disponibile nella versione integrale a questo link, si conferma un “declassamento” del Giovanni Paolo II, che viene inquadrato come ospedale di base rispetto al San Giovanni Di Dio, ed iscritto a DEA di secondo livello.

Tutto ciò suona male, come affermato dal deputato regionale del M5S all’ARS Matteo Mangiacavallo nei giorni scorsi, saremo rassicurati solo da un’altra carta che mette nero su bianco il fatto che Sciacca sia posta sullo stesso piano di Agrigento e il Giovanni Paolo II sia inteso come Spoke.

Con buona pace di chi a Sciacca, riparandosi dietro bandiere dei partiti come NCD e PD, continua a giocare fingendosi oppositore quando nella realtà sostiene Crocetta. A costoro, che si pongono finti oppositori, verrebbe da chiedere se hanno veramente compreso quanto tali scelte stiano facendo veramente male alla nostra città.

Assemblea permanente del M5S di Sciacca

Share

Sanità, Mangiacavallo (M5S): “Gli ospedali riuniti di Sciacca e Ribera diventino Spoke, solo allora le parole diventeranno fatti”

Il parlamentare saccense interviene a margine di un incontro con l’assessore Gucciardi.

Matteo-Mangiacavallo-M5S

Se davvero si vuole affermare che i nostri ospedali non saranno depotenziati o addirittura potenziati, ci presentino una bozza nella quale Sciacca e Ribera vengano inquadrati come Spoke al pari di Agrigento o siano parte di uno stesso Spoke con Agrigento, cosi come è stato fatto con Trapani e Salemi o con Gela, Mazzarino e Niscemi. Solo allora saremo cittadini tranquilli e prenderemo atto che nessuno vuole toglierci nulla o sta cercando di prenderci in giro”. Questa la proposta del capogruppo all’Ars del Movimento 5 Stelle Matteo Mangiacavallo a margine dell’incontro avvenuto ieri in sala giunta del Comune di Ribera alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità Baldo Gucciardi e al quale hanno preso parte anche i sindaci del comprensorio e i rappresentanti politici locali.

In questi giorni continuiamo a sentirne di tutti i colori – continua Mangiacavallo – finanche le rassicurazioni degli esponenti di Sicilia Democratica e del PD di Sciacca che, dopo aver parlato con l’assessore, tranquillizzano i nostri concittadini sulle sorti del Giovanni Paolo II”. “La realtà dei fatti, invece, – aggiunge il deputato Cinquestelle – è che l’assessore, e lo ha fatto anche ieri, ci ha voluto rassicurare che non esiste alcuna rete ospedaliera, che si tratta soltanto di una bozza e che niente è stato ancora deciso. Ciò che però dimenticano tutti è che questa bozza esiste e che su questa bozza è stato scritto che Sciacca diventa ospedale di base mentre Agrigento viene promosso a DEA di secondo livello, ovvero uno Spoke”. “Dall’idea partorita tra assessorato e direzione generale, – conclude il capogruppo M5S – in definitiva e nonostante le distanze dei nostri Comuni dall’ex capoluogo di provincia, Sciacca e Ribera offrirebbero prestazioni di livello inferiore rispetto ad Agrigento. E questo è un dato inconfutabile, visto che se ne parla anche in un documento ricevuto a Roma dalla Regione Siciliana“.

In ultimo, Mangiacavallo ribadisce che “non si può più attendere l’approvazione della rete ospedaliera per avviare le procedure concorsuali e le assunzioni. Abbiamo chiesto di procedere immediatamente coi bandi e colmare le carenze croniche di personale delle nostre strutture sanitarie per le UO della rete delle emergenze urgenze. Si può fare e si deve fare. Troppe parole in questo campo, adesso vogliamo i fatti”.

Share

Mangiacavallo: «All’ospedale di Sciacca non è cambiato nulla»

mangiacavallo-ospedale-di-sciacca

Ospedale di Sciacca, nulla di nuovo rispetto alle rassicurazioni fornite dall’assessore regionale alla salute Baldo Gucciardi il 29 aprile scorso. Lo denuncia oggi il parlamentare del Movimento 5 Stelle Matteo Mangiacavallo in riferimento ai concorsi per le nuove assunzioni ancora bloccati ed alle diverse criticità che erano state evidenziate per il Giovanni Paolo II.

Il parlamentare saccense punta i riflettori oggi sulla situazione relativa al reparto di medicina trasfusionale del presidio ospedaliero saccense e lo fa analizzando i dati che era stati richiesti alla direzione generale e attraverso una comparazione con le analoghe strutture degli ospedali di Agrigento e Canicattì.

L’attività dell’unità di medicina trasfusionale di Sciacca è più complessa e con un carico di lavoro molto più consistente rispetto alle altre strutture agrigentine che, però, dispongono di maggiore personale medico in servizio.

E’ all’assessore regionale alla salute che Matteo Mangiacavallo chiede di intervenire presso la direzione generale dell’ASP di Agrigento per incrementare il personale in servizio al reparto di medicina trasfusionale di Sciacca.

Intanto sono arrivati i voti per i manager della sanità siciliana, sulla base dalla valutazione dell’agenzia ministeriale per i servizi sanitari regionali. Tutti promossi, ma c’è chi ha ottenuto il podio. E’ il caso del direttore generale dell’ASP di Agrigento Salvatore Lucio Ficarra che si è classificato al secondo posto.

Fonte: rmk.italiabit.net

Share

DUE VISITE ALL’OSPEDALE DI SCIACCA NELLA PROSSIMA SETTIMANA. IN CORSO OPERAZIONI DI PULIZIA E SCERBATURA

Francesco Cappello (M5S): “Se una visita può essere utile anche a questo, ne annunceremo una settimana”.

Francesco-Cappello-M5s

La settimana prossima ci saranno due visite all’Ospedale di Sciacca. L’assessore regionale Baldo Gucciardi sarà preceduto da Francesco Cappello, deputato all’ARS per il M5S e membro della VI Commissione Legislativa “Sanità”, che ha annunciato una visita ispettiva per martedì 27 Aprile. Alcuni cittadini attenti avrebbero notato e segnalato operazioni di pulizia e scerbatura straordinarie.

“Non sappiamo se queste voci siano attendibili – commenta Francesco Cappello – ma immaginando la scena ci viene da sorridere. Di fatto accade sempre così, si mette in ordine tutto quando si attendono ospiti. E l’ospedale attende l’assessore per la prossima settimana.

Se annunciare una visita ispettiva può servire anche o solo a questo, ne annunceremo una a settimana, sia a Sciacca che in ogni ospedale della nostra Sicilia”.

Share

ENNESIMO RINVIO DELL’INCONTRO CON L’ASSESSORE GUCCIARDI PER L’OSPEDALE DI SCIACCA – MANGIACAVALLO (M5S): “VENUTO MENO IL RISPETTO PER LE ISTITUZIONI”

matteo-mangiacavallo-m5s

Doveva svolgersi oggi in Assessorato regionale alla salute un incontro istituzionale tra i sindaci del comprensorio saccense, la deputazione interessata e il comitato cittadino Sanità in merito alle problematiche dell’Ospedale di Sciacca.

Nella giornata di ieri, l’assessore Baldo Gucciardi ha fatto però annullare tutti gli appuntamenti programmati nella giornata odierna, e con essi anche questo confronto, richiesto più volte negli ultimi mesi. Si tratta del terzo incontro annullato negli ultimi trenta giorni e dell’ennesimo rinvio che al deputato regionale del M5S Matteo Mangiacavallo non è andato giù.

“Anche in presenza di motivazioni valide per questa nuova disdetta – dichiara Mangiacavallo – viene davvero dura cercare altre evidenze per certificare lo scarso interesse di questo governo regionale verso la città di Sciacca e e il suo territorio. Con l’era Crocetta hanno toccato il fondo della cattiva amministrazione della cosa politica e con le vertenze Terme e Ospedale di Sciacca, lo stanno finanche raschiando. Il rispetto per i cittadini è venuto meno da sempre, adesso sta venendo a mancare anche quello verso le Istituzioni”.

“Non ho alcuna intenzione di sollecitare nuovi incontri o elemosinare risposte e nuovi appuntamenti – continua Matteo Mangiacavallo – per il rispetto che la nostra città deve ormai esigere, l’assessore alla Salute venga a Sciacca come ha promesso diversi mesi fa. Che sia chi lo sostiene, il PD e gli altri partiti che governano insieme a Crocetta questo governo fallimentare per il popolo siciliano, a sollecitare la sua visita. Io sarò a fianco dei cittadini e del Comitato per ogni azione di protesta dura e forte e continuerò a far viaggiare le carte a livello istituzionale”.

“Se il Comitato, circa un mese fa, si chiedeva “Chi sta affossando l’Ospedale” – conclude il deputato saccense – adesso, oltre a nomi e cognomi, ha pure le schiere di partiti e politici che reggono le fila di un governo regionale che tanto male stanno facendo a Sciacca, alla Sicilia, ai cittadini di questa Terra e a tutti i beni comuni”.

Share

Sciacca. Sospensione servizio ambulatoriale di ematologia, Mangiacavallo (M5S) invia una nota al direttore generale Ficarra

Ospedale-di-Sciacca

In merito alla sospensione del servizio ambulatoriale di Ematologia interviene il Deputato Matteo Mangiacavallo.

Con una nota inviata al direttore generale Ficarra, il deputato cinquestelle chiede quali iniziative la direzione generale intenda assumere al fine di superare le criticità relative all’ambulatorio di ematologia. “Già dal 10 febbraio – osserva Mangiacavallo – l’ambulatorio di Ematologia dell’Unità Operativa di Medicina Trasfusionale e Banca del Sangue Cordonale dell’Ospedale “Giovanni Palolo II” di Sciacca ha interrotto il servizio in favore dei pazienti. Detta circostanza, come è facile immaginare, sta destando grande preoccupazione e generando, soprattutto, enormi disagi per i numerosi cittadini che usufruivano del servizio”.

Le criticità, come di consueto, derivano dalla carenza di organico; l’ambulatorio, infatti, a fronte di un organico previsto di 6 dirigenti medici, oltre il direttore, dal settembre 2015, sviluppa l’attività dell’intera Unità operativa con l’ausilio di soli tre dirigenti medici, più il direttore di reparto.

“L’interruzione del servizio ambulatoriale – conclude Mangiacavallo -, come era inevitabile, sta generando un notevole aggravio di costi e di tempo per gli utenti poiché quest’ultimi si vedono dirottati verso l’ambulatorio di Ematologia dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento e tutto questo, aggiungendosi alle già innumerevoli criticità dell’ospedale saccense, appare oltremodo inaccettabile”.

Share

Ancora sospesi gli interventi all’ospedale di Sciacca, Mangiacavallo (M5S): “Forte aggravio dei costi e disagi enormi per la cittadinanza”

Il parlamentare Cinquestelle chiede l’intervento urgente dell’assessore alla Salute.

ospedale_sciacca_giovanni-paolo-II

“La sospensione degli interventi all’Ospedale di Sciacca comporta un notevolissimo aggravio di costi”, così il deputato del M5S Matteo Mangiacavallo che oggi, ad una settimana dallo stop alle operazioni chirurgiche programmate, accende nuovamente i riflettori sulla vicenda e presenta un’interrogazione parlamentare rivolta all’assessore regionale alla Salute. Si tiene conto del fatto che le diverse specializzazioni chirurgiche, in mancanza di medici anestesisti, non possono svolgere la loro attività; inoltre, vanno calcolati i costi della mobilità esterna di numerosi pazienti.

“Come se non bastasse, con il perdurare della sospensione – continua Mangiacavallo – si allungano i tempi di attesa per i pazienti e viene alterato irrimediabilmente il dato statico relativo all’attività dell’intero presidio“. Nel dettaglio, nell’atto ispettivo vengono contestate “fortissime criticità in tutto il presidio ospedaliero, sia in ordine al personale medico che paramedico, nonché in relazione alla dotazione strumentale”. “E a pagarne le conseguenze, ovviamente, – conclude il parlamentare Cinquestelle – sono i cittadini che vedono negato il diritto primario alla salute”.

Share