Audizione Ponte Verdura in IV commissione, le rassicurazioni dell’Anas e il commento M5s

foto_ponte_fiume_verdura

Si è svolta ieri mattina in sottocommissione trasporti della IV commissione all’Ars un’audizione alla presenza dei vertici dell’Anas; c’erano anche il governo regionale ed un comitato spontaneo di cittadini riberesi. Oggetto dell’audizione le problematiche afferenti il ponte Verdura e la realizzazione di una nuova arteria sulla SS115 per rendere più sicuro il transito nei pressi dello svincolo per Ribera e verso i comuni limitrofi.

La seduta, richiesta dal deputato regionale M5s Matteo Mangiacavallo, ha puntato l’attenzione sui recenti problemi di “stabilità” del ponte. “L’Anas – riferisce Matteo Mangiacavallo – rassicura sull’elevata attenzione che verrà mantenuta sul ponte Verdura. Hanno precisato che non esistono problemi di stabilità e che i cedimenti del manto stradale sono fisiologici rispetto alla natura dei diversi materiali utilizzati per costruire le due corsie dello stesso ponte”.

“Era necessario questo confronto – aggiunge Mangiacavallo – così da rassicurare i cittadini che sentono ancora vivo l’incubo della chiusura di quel tratto”. “A proposito del nuovo ponte – conclude Mangiacavallo – i lavori saranno appaltati martedì prossimo (10 Febbraio), data in cui saranno aperte le buste, ed inizieranno entro la fine del 2015. Terminata la costruzione del nuovo ponte, l’attuale sarà distrutto per consentire un deflusso migliore del fiume Verdura“.

Share

Crollo ponte Verdura – I deputati agrigentini scrivono a Crocetta

I parlamentari regionali Salvatore Cascio, Margherita La Rocca Ruvolo, Matteo Mangiacavallo, Vincenzo Fontana, Salvatore Lo Giudice, Giovanni Panepinto, Calogero Firetto e Michele Cimino hanno scritto la seguente lettera al presidente della Regione Crocetta, mettendo in evidenza i numerosi disservizi e i notevoli disagi originatisi per via dell’interruzione della strada statale 115 a causa del crollo del ponte sul fiume Verdura e chiedendo misure speciali di Protezione Civile a tutela della comunita’.

Share