Intimidazione a Venturino, condanna del gruppo M5S all’Ars e del M5S Sicilia

Il gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle all’Ars e il Movimento Cinque Stelle Sicilia condannano il deprecabile e vile gesto di cui è stato oggetto l’onorevole Antonio Venturino.

“Episodi del genere – affermano i deputati – non appartengono in alcun modo alla dialettica politica, specie a quella del Movimento, da sempre improntata al confronto di idee e alla non violenza. All’onorevole Venturino va la piena solidarietà del gruppo e dell’intero Movimento Sicilia”.

Movimento 5 Stelle Sicilia

Share

Cappello in Aula a Venturino: “Si dimetta, abbia un sussulto di dignità”

“Lei non rappresenta più il M5S, né questo Parlamento. Presidente, abbia un sussulto di dignità, si dimetta”.

Il Movimento 5 Stelle ha chiesto ufficialmente in Aula a Venturino di dimettersi dalla carica di Vicepresidente dell’Ars. E lo ha fatto a muso duro nell’occasione il cui il vicepresidente, in occasione dell’assenza del presidente Ardizzone, ha presieduto per la prima volta i lavori di Sala d’Ercole dopo il divorzio dal Movimento.

“Se lei siede oggi su quello scranno – ha detto a Venturino il deputato M5S Francesco Cappello – lo deve ad un simbolo e al concorso di 14 voti che quella sera le hanno consentito di diventare vicepresidente dell’Assemblea. Passando al gruppo misto ha dimostrato di non rappresentare più né il Movimento Cinque Stelle, né questo Parlamento. Si dimetta, dando ragione a tutti coloro che l’hanno eletta per un preciso programma ed un preciso impegno politico”.

“Noi – ha commentato il deputato M5S Salvatore Siragusa – preferiamo parlare in Aula. Le comparsate in tv non ci interessano, le lasciamo volentieri a chi, evidentemente, è più abituato agli spettacoli che alla politica”.

Share

Le ultime parole di Venturino

“Non abbiamo neanche fatto in tempo a dirlo che veniamo a sapere che questa sera Venturino sarà ospite di Santoro. Ormai lo schema è lo stesso, i fuoriusciti hanno l’esigenza di apparire subito nei salotti televisivi per giustificare le loro “buone” azioni. Nemmeno il tempo di smaltire questa “rottura” che è già in volo su un aereo diretto a Roma. Cosa racconterà? Che è stato cacciato per avere delle idee politiche diverse dalle nostre? Ma chi sta nel Movimento sa bene che noi facciamo tesoro del confronto. La verità è che non è stato coerente con l’impegno preso con i cittadini. Perchè non gli chiedete che fine hanno fatto i circa 20.000 euro di marzo e aprile che si è trattenuto? Per fortuna ci consoliamo con il seguente video che ricorda la sua coerenza.” Giancarlo Cancelleri

Fonte: beppegrillo.it

Share