SCIACCA, SEGNALETICA ORIZZONTALE IN VIA OVIDIO: URGE INTERVENTO

Alcuni nostri concittadini hanno segnalato un problema all’Assemblea permanente del M5S di Sciacca che vogliamo girare immediatamente al Sindaco, avv. Fabrizio di Paola, affinché si possa trovare una celere soluzione.

Sciacca, Via Ovidio 7
Sciacca, Via Ovidio

Si tratta dei residenti della Via Ovidio che hanno voluto evidenziarci le difficoltà, soprattutto per chi tra loro è più avanti con l’età, di attraversare la strada a causa dell’assenza di strisce pedonali, in particolare nelle ore in cui insiste un maggior traffico veicolare. Ci hanno precisato che l’anno scorso avevano sollevato il problema all’Urp del Comune di Sciacca, ma non hanno avuto più alcun riscontro.

Siamo andati a verificare e, come segnalatoci, ai bordi della carreggiata, all’altezza dei numeri civici 7 e 11, esistono due tracce ormai quasi impercettibili di attraversamenti pedonali che di fatto non possono essere ritenuti tali.

Andrebbe pertanto rifatta la segnaletica orizzontale al fine di garantire maggiore sicurezza per tutti coloro, in particolar modo bambini e anziani, residenti e non, che si trovano ad attraversare la Via Ovidio.

Siamo certi che l’Amministrazione comunale vorrà provvedere tempestivamente

Share

San Giovanni Gemini e Cammarata a rischio isolamento. L’interrogazione del M5s

In pessime condizioni le strade provinciali n.24 e n.26 che collegano i due comuni alla statale 189. L’interrogazione del M5s, primo firmatario Matteo Mangiacavallo: “Entrambe le strade sono soggette ad importanti movimenti franosi, a continui smottamenti e cedimenti. Chiediamo un intervento tempestivo”.

matteo_mangiacavallo

Ancora in pessime condizioni le strade provinciali dell’agrigentino, la n. 24 e la n.26, che collegano i comuni limitrofi di San Giovanni Gemini e Cammarata alla statale 189 (Pa- Ag), nonché alla scalo ferroviario di Cammarata”. Così il deputato del Movimento 5 Stelle Matteo Mangiacavallo interroga il governo e l’assessorato Infrastrutture e mobilità, affinché venga sollecitato urgentemente l’intervento del commissario della ex provincia. “Entrambe le strade – afferma Mangiacavallo – sono soggette ad importanti movimenti franosi, a continui smottamenti e cedimenti; e tali condizioni determinano un concreto e continuo pericolo per i cittadini nonché il rischio effettivo di isolare i due Comuni”. “Ovviamente – aggiunge – per tale situazione, ad oggi, non è stato posto in essere alcun intervento strutturale che possa eliminare tali criticità”.

Nello stesso atto parlamentare, il deputato saccense denuncia la mancata realizzazione di due importanti progetti strutturali; uno dei quali approvato addirittura nel lontano 1998, con determina presidenziale n.1067, e che prevedeva lavori di ammodernamento della strada provinciale 26. ”Il progetto si arenò circa dieci anni fa, – continua il deputato Cinquestelle – perso dietro lungaggini burocratiche; infatti, a distanza di diversi anni, quando finalmente venne nominato il gruppo di progettazione, quest’ultimo non fu capace di provvedere all’adeguamento del progetto nei tempi dovuti”.

Chiediamo dunque un intervento tempestivo – conclude Mangiacavallo – ritenendo necessario un sistema di investimenti utile a riqualificare, riorganizzare e potenziare il sistema viario della Sicilia ed in particolar modo quello della provincia di Agrigento ormai a brandelli”.

Share