LA MAGGIORANZA BOCCIA LA PROPOSTA M5S SULL’IMPOSTA DI SOGGIORNO: PREFERITO IL NULLA ALLA “TRASPARENZA” E ALLA “PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA” DEI CITTADINI

Era in discussione ieri, in Consiglio Comunale, la mozione di indirizzo presentata dal M5S di Sciacca, prima firmataria Teresa Bilello, per garantire “trasparenza” e “partecipazione democratica” alla gestione dell’imposta di soggiorno. La nostra proposta, infatti, avrebbe impegnato l’amministrazione a rendicontare bimestralmente le singole voci di spesa in un’apposita sezione del sito web del Comune e a coinvolgere gli operatori turistici, che versano tale imposta, dando loro la possibilità di decidere su come destinare una quota pari al 25% di quanto incassato dal Comune nell’anno precedente. I Cittadini, infine, avrebbero potuto scegliere democraticamente le proposte migliori.

Parliamo però al CONDIZIONALE PASSATO perché alla maggioranza che sostiene la sindaca Valenti la nostra proposta non è piaciuta, sia perché, forse, proveniva dal M5S, sia perché, evidentemente, preferisce l’attuale gestione, poco trasparente e poco democratica. Appellandosi all’assenza della sindaca in Consiglio Comunale o alla parola “metodo farraginoso” di cui comprendiamo il senso ma non l’applicazione, i prodi consiglieri di una maggioranza, da cui traspare esclusivamente l’arroganza di chi pensa di detenere il potere, HANNO BOCCIATO la nostra mozione, ovvero la proposta avanzata dai cittadini saccensi (soprattutto di quelli che contribuiscono ad incassare l’imposta per conto del Comune) di partecipare attivamente alle scelte che condizionano il Turismo nella nostra città. E lo hanno fatto senza avere una proposta alternativa.

Sindaca assente ed assessore al Turismo assente, indice di come tale voce sia stata posta finora all’attenzione di un governo cittadino evanescente, impalbabile, inesistente e, più che mai, disattento e insensibile alle istanze provenienti dai cittadini e dal territorio. Governo pronto a spendere 10.000 euro per una “vasca di pattinaggio” ma incapace di programmare e guardare al futuro di questa città. FUTURO con grandi incognite, senza progetti e senza visione a breve e lungo termine. Ma anche PASSATO, mai così in basso come gli ultimi due anni. E PRESENTE per una città abbandonata, sotto gli occhi di tutti.

Alla faccia di chi sbandiera ogni giorno alle minoranze e alle opposizioni l’invito alla collaborazione, riempendosi la bocca di parole come concertazione, condivisione, disponibilità e confronto, ieri hanno tolto l’ultimo brandello di maschera che gli era rimasto, quello dell’ipocrisia.

In attesa di vedergliela rimettere, di fronte alla sfiducia dei cittadini e guardando il nulla che questa amministrazione sta lasciando alla città, che la fortuna ci salvi dalla loro confusione e dalla loro improvvisazione

Share