SCIACCA, INTERVENTI SULLA COSTA DI SAN MARCO-RENELLA, MARINELLO (M5S): ALTRI DUE PROGETTI PRELIMINARI DEL 2010 INVIATI DAL MINISTERO AL COMUNE E DI CUI NON SI HANNO NOTIZIE

Un’altra nota è stata inviata dal senatore del Movimento 5 Stelle Rino Marinello al sindaco di Sciacca Valenti, questa volta con oggetto “Opere di difesa costiera lungo il litorale San Marco-Renella”. “Altri due progetti preliminari pronti, disposti dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche Sicilia Calabria, Ufficio 4 Opere Marittime Sicilia, inviati al Comune nel lontano 16 settembre 2010, e di cui non si hanno notizie”. Così Marinello che adesso chiede informazioni circa l’esistenza di atti successivi a tale nota del Ministero, adempiti da parte del Comune di Sciacca, e se è comunque intenzione dell’amministrazione attivarsi per porre rimedio alla gravissima erosione costiera che sta colpendo il territorio. Nei giorni scorsi, il senatore Cinquestelle aveva inviato un’altra nota sulla situazione gravissima che riguarda la località di San Giorgio. Anche in quel caso, risulta che nel 2015, precisamente il 22 maggio, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche Sicilia Calabria, l’ufficio 3 – Tecnico e Opere Marittime Sicilia aveva inviato una nota al Comune di Sciacca contenente il progetto preliminare degli interventi in questione. “Ci chiediamo come sia possibile che tali progetti preliminari, fondamentali per intervenire a difesa delle nostre coste, – conclude Marinello –  siano rimasti nel dimenticatoio o chiusi in chissà quale cassetto. La situazione è sempre più drammatica e di particolare importante per la cittadinanza. Bisogna intervenire con urgenza per la difesa della costa, considerato che tutta l’area è soggetta a gravi fenomeni di erosione ormai ripetuti da numerosi anni”.

Share

SCIACCA, INTERVENTI SULLA COSTA DI SAN GIORGIO, MARINELLO (M5S): “CHE FINE HA FATTO IL PROGETTO PRELIMINARE INVIATO NEL 2015 DAL MINISTERO INFRASTRUTTURE?”

“Che fine ha fatto il progetto per interventi di difesa costiera in località San Giorgio nel Comune di Sciacca?”. A chiederlo, attraverso una nota ufficiale indirizzata al sindaco Valenti, è il senatore del Movimento 5 Stelle Rino Marinello.

Nella nota, il senatore spiega di essere venuto a conoscenza che nel 2015, precisamente il 22 maggio, il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche Sicilia Calabria, l’ufficio 3 – Tecnico e Opere Marittime Sicilia aveva inviato una nota al Comune di Sciacca contenente il progetto preliminare degli interventi in questione.

Nel dettaglio, Marinello chiede: “se risultino atti conseguenti successivi a tale nota del Ministero adempiuti da parte del Comune di Sciacca e se comunque è intenzione dell’attuale amministrazione attivarsi per risolvere la problematica”. “Stiamo parlando di un progetto e, quindi, di lavori – continua il parlamentare –  di particolare importanza per la difesa della costa, considerato che tale aria è soggetto a gravi fenomeni di erosione ormai ripetuti da numerosi anni, e quindi, soprattutto, per la cittadinanza”.

“In ultimo, approfittiamo di questa nota stampa per sollecitare l’Amministrazione ad intervenire, quanto prima, sui lavori utili alla riapertura dei bagni pubblici all’interno della Villa comunale Scaturro, chiusi ormai da oltre un mese e mezzo. La situazione è sempre più critica, l’allarme sanitario è evidente e potete vederlo dalle foto scattate nei giorni scorsi. A queste condizioni, daremo proprio un bel biglietto da visita agli stilisti Dolce e Gabbana, che organizzeranno nella cittadina il loro prossimo grande evento di moda e, quindi, a tutti gli ospiti e i turisti che raggiungeranno Sciacca per l’occasione”.

Share

PORTO DI SCIACCA, LE MIE PRESSIONI SULLA REGIONE SICILIA. URGENTE E NECESSARIO IL DRAGAGGIO DEI FONDALI

“I fondali del porto di Sciacca aspettano da più di trent’anni di essere dragati, una situazione che mette a rischio la sicurezza degli operatori portuali e della pesca, nonché degli stessi cittadini”. Così, il senatore del Movimento 5 Stelle Rino Marinello, attraverso una missiva ufficiale, chiede all’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone e ai dirigenti preposti del medesimo assessorato, quindi del Servizio 8, di: “intervenire per l’escavazione dei fondali, alla luce dei lavori già previsti destinati a favore delle infrastrutture portuali nel porto di Sciacca, ed in particolare i lavori di realizzazione della banchina nord di collegamento tra la banchina San Pietro e la banchina di ponente”. Nella nota, indirizzata per conoscenza anche al sindaco del comune nell’Agrigentino e alle due società cooperative, Mutua Assistenza tra i Pescatori e l’arl Madonna del Soccorso, si chiede anche se in effetti siano già stati previsti interventi, relativamente all’annoso problema dell’escavazione del porto.“Giova ricordare – conclude Marinello, sempre all’interno della stessa missiva – che la flotta peschereccia di Sciacca è come numero di imbarcazioni la seconda della Sicilia dopo Mazara del Vallo e la terza d’Italia. I lavori già previsti erano assolutamente necessari, ma non possiamo permettere che i fondali restino nelle condizioni attuali”.

Share

M5S Sciacca: “Emergenza rifiuti, diciamo ciò che gli altri non dicono”

Sull’emergenza rifiuti abbiamo letto e ascoltato di tutto. Abbiamo assistito anche a vari “rimpalli” di responsabilità che sembrano studiati ad arte per confondere i cittadini. Abbiamo letto le dichiarazioni del vice presidente della SRR dalle quali sembra trasparire che l’emergenza è “quasi” normale amministrazione visto che, a suo dire, tutti hanno assolto i loro compiti con la responsabilità e il modo di agire del “buon padre di famiglia”.

Ma 15 giorni trascorsi con i rifiuti a casa non possono essere il prodotto di una normale gestione della discarica. Non prendiamo in giro la gente. Il continuo ammasso dei rifiuti per strada nelle zone più disparate della città non può essere il risultato di una normale gestione della raccolta. Non prendiamo in giro la gente. Continuare ad aumentare la TARI nonostante la percentuale di differenziata sia cresciuta notevolmente non può essere la conseguenza di una normale azione amministrativa.

Qualcuno ci deve spiegare perché la discarica si è riempita così velocemente, perché non sono stati avvisati i Comuni per tempo o, qualora siano stati avvisati, perché non sono stati presi immediati provvedimenti. Qualcuno ci deve spiegare come si è arrivati allo stato di emergenza in cui ci troviamo.

Eppure durante la riunione svoltasi a Palermo in data 15 maggio sono emersi dei fatti che chiariscono quasi definitivamente che la gestione della discarica di Sciacca in tutti questi anni non è stata affatto efficiente.

A fine marzo viene eletto il nuovo CDA della SOGEIR Impianti. Il nuovo CDA si accorge che la capienza attesa di 15000 mc in realtà è pari a 0. Le cause? Tra le tante una: la discarica di Saraceno-Salinella ha un indice di compattazione dei rifiuti pari a 0,5 t/mc. A dirlo, durante la riunione, l’Ing. Giuseppe Pollicino consulente regionale in ambito rifiuti. L’indice di compattazione è un parametro che evidenzia il rendimento della discarica e quindi la sua efficienza. Un coefficiente bassissimo rispetto alle altre discariche che hanno valori del coefficiente di compressione prossimi a 1 e basso anche rispetto a quanto definito dalle linee guida regionali che prevedono indici compresi tra 0,8 e 1 t/mc. In parole povere: i nostri rifiuti non sono stati “schiacciati” a dovere. Se fossero stati compressi nella maniera prevista dalle indicazioni regionali oggi la nostra discarica avrebbe potuto contenere quasi il doppio dei rifiuti. Come si sarebbe potuto risolvere il problema? Semplicemente acquistando un compattatore più pesante rispetto a quello che la SOGEIR Impianti ha in dotazione.

Vogliamo davvero credere che si sia accorti di questo solamente un mese fa? Non prendiamo in giro la gente. Di chi è la responsabilità di tutto ciò? Decidete voi, ma tenete presente che la SOGEIR Impianti è una società pubblica con un CdA a nomina politica (e non del M5S), i cui soci sono i Comuni del comprensorio e Sciacca ne detiene il 28%.

Infine vogliamo sottolineare che è doveroso far luce sulla natura e qualità dei fanghi depurati, circa 3 mila tonnellate, fatti entrare, come dice il gestore, per poter smaltire il percolato in assenza di liquidità causata dai Comuni debitori.

Share

M5S SCIACCA – PRESSING SUL COMMISSARIO ROLLE PER LA GARA PER IL SECONDO MODULO DEL DEPURATORE E PER IL COMPLETAMENTO DELLA RETE FOGNARIA

Depuratore di Sciacca

Il secondo modulo del depuratore e il completamento della rete fognaria sono due opere fondamentali per la tutela del mare e della salute di tutti i cittadini saccensi nonché per lo sviluppo turistico di Sciacca.

“Non è infatti ancora pensabile che parte della città versi liquami nel nostro mare a pochi metri dalle nostre spiagge e il M5S si sta impegnando al massimo su questo fronte monitorando lo stato di avanzamento di questi due progetti da diversi mesi”, afferma Teresa Bilello.

Vogliamo ricordare che, oltre all’assurdità, nel 2019, di non  avere ancora un sistema fognario e di depurazione in grado di servire l’intera città, molti cittadini pagano una quota di depurazione esosa ma che non è sufficiente a garantire la balneabilità di un’enorme zona costiera saccense.

Il deputato regionale del M5S, Matteo Mangiacavallo, ha scritto al commissario Rolle per conoscere i tempi e sollecitare un iter che va avanti troppo lentamente.

“Il commissario aveva dichiarato che a fine del 2018 sarebbe già stata bandita la gara, così a gennaio ho voluto chiedere notizie in merito  ricevendo risposta alcuni giorni addietro” , è quanto dichiara Mangiacavallo. “Ho avuto rassicurazioni sullo stato di avanzamento dell’iter, che nonostante i ritardi va comunque avanti. E’ stata infatti completata l’attività di adeguamento dei progetti dei depuratori di Agrigento-Favara e Sciacca alla normativa vigente. Questi progetti sono stati già consegnati per la verifica preventiva propedeutica alla validazione da parte del RUP e alla gara che si prevede di bandire entro il mese di maggio per iniziare i lavori a dicembre,  possibilmente terminandoli prima dei 2 anni attualmente previsti.”

“Su questo tema il nostro impegno è massimo” – conclude Teresa Bilello – “Il mare pulito è il primo requisito che una città come Sciacca deve avere. Pertanto non ci fermeremo qua e con l’aiuto del nostro portavoce all’ARS Mateo Mangiacavallo seguiremo con attenzione la vicenda presso tutte le autorità preposte.”

Share

ALLUVIONI SICILIA, ACCOLTO ODG DEL SENATORE MARINELLO (M5S)

L’ORDINE DEL GIORNO IMPEGNA IL GOVERNO A PREVEDERE FONDI PER LA RICOSTRUZIONE DEI TERRITORI DANNEGGIATI DALL’ALLUVIONE DEL 3 NOVEMBRE

“È stato accolto il mio Ordine del Giorno che impegna il Governo a prevedere, anche in prossimi provvedimenti, i fondi necessari per la ricostruzione dei territori danneggiati dall’alluvione”. Lo dice il senatore del Movimento 5 Stelle Rino Marinello. “Nella notte del 3 novembre scorso – continua il senatore Cinquestelle – una pesante ondata di maltempo, la ricordiamo ancora tutti, si è abbattuta sulla Sicilia, in particolar modo sulle zone nord e sud-occidentali dell’isola, colpendo le aree della provincia di Palermo e della mia provincia, quella di Agrigento. Il maltempo di quelle ore ha causato dodici vittime, un disperso, oltre che una serie di inondazioni e numerosi danni ancora non quantificabili”.

“Dobbiamo fronteggiare la situazione d’emergenza verificatasi in Sicilia – conclude Marinello – e scongiurare con urgenza l’ulteriore paralisi dei trasporti, delle attività produttive e garantire ai residenti la ripresa della quotidianità”.

***L’ODG (ordine del giorno) è un atto di indirizzo: un documento che ha carattere accessorio rispetto ad un altro testo – normalmente un disegno di legge – su cui l’Assemblea o una Commissione è chiamata a deliberare. 
In questo caso l’ordine del giorno tende a circoscrivere o precisare il significato della deliberazione principale, impegnando politicamente il Governo sul modo in cui essa vada interpretata o si debba procedere alla sua applicazione

Share

RIFIUTI SPECIALI AL PORTO DI SCIACCA, MARINELLO (M5S): SUBITO UNA SOLUZIONE, GIA’ IN CONTATTO CON UNA DITTA PER IL RICICLAGGIO

OGGI L’INCONTRO VOLUTO DAL COMANDANTE DELLA CAPITANERIA DI PORTO GIANNONE, CON GLI ARMATORI DELLA MARINERIA, I PESCATORI E I PARLAMENTARI M5S MARINELLO E MANGIACAVALLO

Si è tenuto questa mattina un confronto presso il porto di Sciacca per cercare una soluzione urgente al grave problema di conferimento dei rifiuti speciali che al momento insistono sull’area portuale nel comune dell’Agrigentino. “Tra i temi affrontati, – dice il senatore del Movimento 5 Stelle Rino Marinello, presente all’incontro voluto dal tenente di vascello Giuseppe Claudio Giannone, da tre mesi alla guida del presidio militare marittimo saccense – l’isola ecologica chiusa, lo smaltimento dei rifiuti prodotti dall’attività di pesca, il rispetto della misura delle reti e la pulizia complessiva del porto”. 

All’incontro erano presenti anche il deputato regionale Matteo Mangiacavallo e gli operatori della pasca. “Insieme a questi ultimi, – dice Marinello – si chiede di rendere funzionante l’isola ecologica perdepositare il materiale inquinante raccolto e utilizzato durante le battute di pesca”. “Una vera emergenza ambientale – continua il senatore 5 Stelle – per la quale bisogna trovare soluzioni urgenti, non possono bastare le raccolte tra volontari come quelle alle quali ho partecipato anche poche domeniche fa; c’è bisogno di azioni durature e coordinate”. 

“Tutti i soggetti interessati – conclude il parlamentare ecologista del Movimento – devono attivare una collaborazione costante a favore del nostro territorio, anche noi portavoce del Movimento 5 Stelle ci stiamo attivando perché si risolva prima possibile questo problema. Intanto, ho già preso contatti con una ditta di Iseo che ricicla reti di nylon che confermano la possibilità di riciclare una parte dei materiali utilizzati nelle reti da pesca, principalmente nylon, poliestere, polietilene e polipropilene”. Gli incontri andranno avanti nelle prossime settimane e tante sono le proposte che interessano l’area del porto di Sciacca, prossimi sviluppi saranno comunicati tempestivamente.

Share

Trivellazioni off-shore. Il senatore Marinello (M5S): Difendiamo il Canale di Sicilia dall’ennesimo scempio ambientale, ripercussioni anche su turismo e pesca

“Bisogna scongiurare il pericolo di nuove trivellazioni nei nostri mari, il Canale di Sicilia deve essere difeso dall’ennesimo scempio ambientale. I pilastri della nostra economia devono restare la pesca e il turismo, mentre petrolio e perforazioni dei nostri fondali, e tutte quelle attività che vanno contro il nostro Ambiente e la Salute dei cittadini, non possono più essere tollerati”, lo dice il senatore del Movimento 5 Stelle Rino Marinello che intende portare il caso direttamente dentro il Senato.

“La paventata possibilità di trivellazione petrolifera nell’area di mare del Canale di Sicilia ed in particolare nella zona compresa tra Sciacca e Pantelleria, denominato ‘Campo petrolifero Nilde’ – continua Marinello – preoccupa moltissimo associazioni ambientali e gli stessi cittadini che, a ragione, temono per le conseguenze devastanti sull’ecosistema marino e per la la salute della popolazione. Sono molti anni che permane questa grave minaccia ambientale e nessun Governo ha mai fatto nulla per salvaguardare il Canale di Sicilia, è arrivato il momento di dire basta”.

“Farò tutto il possibile – conclude il senatore 5 Stelle – per difendere i nostri mari e le nostre coste, bisogna scongiurare il rischio di concessioni connesse allo sfruttamento petrolifero. Infine, è indispensabile informare la popolazione relativamente allo stato dei fatti, all’insegna della doverosa trasparenza che deve caratterizzare il rapporto tra pubblica amministrazione e cittadinanza”.

Share

Domenica anche a Sciacca l’evento “Alberi per il futuro”, il senatore Marinello: La forestazione urbana è indispensabile per combattere l’inquinamento e i cambiamenti climatici

“Crediamo fortemente che la forestazione urbana sia una delle misure principali di mitigazione necessarie per combattere l’inquinamento e i cambiamenti climatici”. Lo dice il senatore del Movimento 5 Stelle Rino Marinello che ha deciso di donare parte del suo stipendio a favore dell’iniziativa che si terrà a Sciacca e in altri comuni d’Italia, domenica 18 novembre, dalle ore 10.30, e realizzata anche grazie al prezioso contributo logistico del Movimento 5 Stelle di Sciacca.

“Si tratta di un’azione civica senza bandiere politiche o simboli politici perché gli alberi, come l’aria, sono di tutti, – continua Marinello – e prevede la messa a dimora di nuove piante in aree incolte. Nel nostro comune valorizzeremo un sito di proprietà comunale, oggi incolto e abbandonato, ubicato nella contrada Ferraro e adiacente alla via Arciprete Giuseppe Vento, mediante la piantumazione di alberi, piante e arbusti autoctoni. Nel dettaglio: ginestre, pittosporo, palma nana, falso pepe, alberi di Giuda, olivastro e bignonie”.

“Alberi per il futuro” si inserisce nell’ambito della “Giornata Nazionale degli Alberi” che si celebra ogni 21 novembre. Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha già dato il proprio sostegno politico a questa iniziativa di volontariato ambientale aperta a tutti.

“Tale intervento, – dicono in coro dal Movimento 5 Stelle di Sciacca – intende dare al nostro territorio e a coloro che vivono quei luoghi un ambiente decoroso, caratterizzato da spazi verdi e da una migliore qualità dell’aria.

A supportare l’iniziativa anche le associazioni “Con i Piedi per Terra”, “Ritrovarsi” e il Comitato del quartiere Ferraro, con il patrocinio non oneroso del Comune di Sciacca e della Regione Siciliana.

L’appuntamento è per DOMENICA 18 NOVEMBRE alle ORE 10:30.

Share

Festa dell’Albero a Sciacca il prossimo 18 novembre

“ALBERI PER IL FUTURO – Chi pianta un albero mette radici nel futuro”

Il 18 Novembre anche Sciacca aderirà all’evento nazionale denominato “Festa dell’Albero”, un’iniziativa che ha l’intento di promuovere le politiche di riduzione delle emissioni, la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all’albero e la vivibilità degli insediamenti urbani.

La Festa dell’Albero si inserisce nell’ambito della “Giornata Nazionale degli Alberi” che si celebra ogni 21 novembre, così come riconosciuto dal Ministero dell’Ambiente con legge n.10 del 14 gennaio 2013.

Nell’ambito di tale iniziativa sarà valorizzato un sito di proprietà comunale, oggi incolto e abbandonato, ubicato nella contrada Ferraro e adiacente alla via Arciprete Giuseppe Vento, mediante la piantumazione di alberi, piante e la creazione di un percorso olfattivo.

Nello specifico l’evento prevede la piantumazione delle seguenti essenze: arancio amaro, pittosporo, ginestra, falso pepe, alloro, mirto, olivastro, e altre specie autoctone .

L’obiettivo è quello di provvedere a una sistemazione a verde dell’area a fine di riqualificarla, nelle more di una definitiva sistemazione coerente con le previsioni di piano e compatibilmente con gli investimenti disponibili.

Tale intervento intende dare al nostro territorio e a coloro che vivono quei luoghi un ambiente decoroso, caratterizzato da spazi verdi e da una migliore qualità dell’aria.

Il Movimento 5 Stelle di Sciacca organizzerà tale giornata con il supporto dell’associazione con i “Piedi per Terra”, dell’associazione culturale “>>>ritrovarsi”, del locale comitato di quartiere e con il patrocinio del Comune di Sciacca.

Share