Il MoVimento 5 Stelle rifiuta i rimborsi elettorali

Il MoVimento 5 Stelle rifiuta i rimborsi elettorali.

Una campagna elettorale senza finanziamenti statali è possibile.

E se si tolgono i soldi dalla politica, questa smette di essere un motivo per fare carriera e diventa soltanto passione.

RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO FUTURO

Il MoVimento 5 Stelle (M5S) è costituito da cittadini informati e attivi.

Nasce dalla consapevolezza che i partiti tradizionali – con una struttura gerarchica e verticistica – non sono in grado di rappresentare la volontà degli elettori.

Nel M5S ognuno vale uno, non ci sono gerarchie al suo interno. I candidati eletti sono semplici portavoce dei loro elettori. In questo modo i cittadini diventano finalmente parte attiva della società. denunciandone i problemi e soprattutto proponendo soluzioni efficaci e condivise.

Puoi consultare il programma del MoVimento 5 Stelle all’indirizzo:

www.sicilia5stelle.it/il-programma/

Share

Metti una sera a Trapani

Ieri sera a Trapani non c’era nessuno in piazza. Neanche un’anima. Non c’ero neppure io e non c’era neppure Trapani e forse era assente anche la Sicilia. Non ci credete? Dovreste. Questa mattina ho letto i giornali nazionali e mi hanno confermato che i 10.000 trapanesi presenti erano un miraggio. Un’allucinazione. Un sogno. Infatti, nessun giornalista li ha riportati. I fatti in Italia non si vedono, non si sentono e soprattutto non si scrivono. Vuolsi così colà dove si pagano i finanziamenti ai giornali. E più non dimandare.


C’è qualcosa che cambia. Gli sguardi sono diversi. È un virus. Una valanga.

Share

Questa sera ho “due grilli per la testa”

A Matteo Mangiacavallo e a Giancarlo Cancelleri

Caro Matteo, fin da quando ero piccola, tante persone mi hanno sempre detto che ho “un sacco di GRILLI per la testa”. Al di là di tutte le interpretazioni che vogliamo dare a questa frase, l’unica definizione che le do io è estremamente elementare, perché conosco i GRILLI della mia testa.

Ho sempre vissuto di speranze e nella convinzione che un mondo migliore è possibile. Questi sono i GRILLI della mia testa.

Oggi ho un grandissimo GRILLO per la testa. Una grandissima speranza. Vorrei che tu sia eletto. E dico questo perché ti conosco, come abbiamo avuto l’onore ed il piacere di conoscerti in tanti. E non solo a livello regionale. La tua onestà intellettuale, la tua correttezza, la tua voglia di metterti in gioco per la difesa dei diritti di tutti e dei Beni Comuni, ha travalicato i confini del tuo collegio elettorale.

Questo mio primo “GRILLO per la testa” è chiaramente accompagnato da un altro GRILLO che ho in testa. Giancarlo Cancelleri Presidente della nostra martoriata Sicilia. Giancarlo Cancelliere è l’unica persona a cui delego di rappresentarmi e di parlare anche a nome mio. Nessun altro Presidente quando parlerà e dirà la solita frase “rappresento la Sicilia ed il popolo siciliano” comprenderà anche la mia persona.

Anche Giancarlo è conosciuto da tantissime persone. Naturalmente maggiormente da quelle persone che non stanno dietro le scrivanie, ma da quelle che vivono le piazze, i quartieri, e che sono presenti nei momenti importanti per la difesa dei più deboli e dei Beni Comuni. E’ così che ho conosciuto Giancarlo tanti anni fa, e mi ha impressionato oltre alla sua personalità, la sua determinazione la sua competenza su temi di enorme importanza.

Questa sera avevo programmato di essere lì a Sciacca con tutti voi, purtroppo non mi è possibile, è per questo che sto scrivendo questa nota, velocemente e magari piena di errori.

Chiedo scusa. Non sono con voi fisicamente ma lo sono con il cuore.

FORZA GRANDE MOVIMENTO 5 STELLE.

Siamo tantissimi con voi, “perché un mondo migliore è possibile, non è un’utopia, basta volerlo ed io lo voglio.
Una splendida serata a tutti, ANCHE IN QUESTA SERATA BEPPE GRILLO SARA’ MERAVIGLIOSO!!!! NE SONO CERTA.

Grazie per quello che siete.

Palermo, 19/10/2012

Barbara Grimaudo

Share

Beppe Grillo a Sciacca: “La Sicilia è vittima del proprio autonomismo”

Beppe Grillo a Sciacca (foto di Gianpaolo Schittone)
Beppe Grillo a Sciacca (foto di Gianpaolo Schittone)

Non ha deluso le aspettative la tappa saccense del tour politico di Beppe Grillo. L’affluenza massiccia di ieri sera in Piazza Scandaliato è stata un momento di grande partecipazione e coinvolgimento emotivo, proprio quello che sembra mancare in questa tornata elettorale per il rinnovo del governo regionale.

Una campagna elettorale fiacca, in cui è palpabile l’imbarazzo trasversale di quasi tutta la classe politica, toccata com’è da scandali che ne minano credibilità e autorevolezza. Imbarazzo che Grillo, con il solito gioco dei paradossi verbali, non manca di sottolineare qua e là durante il suo intervento.

Lo fa parlando della paura cui sarebbe soggetto l’intero mondo politico siciliano, consapevole di essere inadeguato alla richiesta di cambiamento che, a detta del comico genovese, sta attraversando l’intera regione. Un’isola che Grillo descrive come vittima del proprio autonomismo e come subalterna alle regioni del Nord, che a dispetto dello schema leghista della ricchezza, non farebbero altro che prendere dal Sud più di quanto dicono di dare in termini di risorse economiche.

È una chiamata di correo quella di Grillo al popolo siciliano, un invito alla responsabilità del voto e all’impegno personale per il cambiamento dello status quo, dopo la delusione delle amministrative di cinque mesi fa, in cui i partiti tradizionali hanno sostanzialmente confermato buona parte delle loro percentuali.

Questa volta però Grillo coglie l’occasione per parlare anche di finanza e globalizzazione, sferrando un duro attacco alle grandi istituzioni bancarie mondiali, colpevoli di aver strangolato diversi Paesi con il debito pubblico. Un debito, dice Grillo, immorale, e che nazioni come Equador ed Islanda hanno deciso di non pagare. Questa, in qualche modo, la strada che il Beppe Grillo indica anche per la situazione finanziaria di alcuni Paesi europei, tra cui il nostro, titolare di un debito pubblico pressoché insolvibile e che assorbe gran parte degli sforzi economici che i cittadini fanno per pagare le tasse.

Durante la serata infine, sono stati presentati anche i due candidati saccensi all’Assemblea Regionale, Matteo Mangiacavallo ed Emma Giannì. Entrambi, già protagonisti delle scorse amministrative con una lista del Movimento 5 Stelle, hanno colto l’occasione per parlare di alcuni temi politici: dalla scuola, argomento molto vicino alla sensibilità della Prof. Giannì; alle battaglie civili che sono state condotte in città negli ultimi anni, in particolare quella contro le prospezioni petrolifere a largo del mare di Sciacca, che ha visto Matteo Mangiacavallo in prima linea con il comitato stoppa la piattaforma.

A chiudere la serata il candidato alla presidenza per il Movimento di Grillo, Giancarlo Cancellieri. Un intervento, il suo, volto a presentare le proposte ideate per ridurre gli sprechi e ridare fiato all’economia. Dall’eliminazione dei privilegi ai politici al corretto utilizzo delle energie alternative e delle risorse comunitarie.

Gianpaolo Schittone

Fonte: ilmoderatore.it

Share

Incontro di Grillo e Cancelleri con i pescatori

20/10/2012 11.41

Grillo e Cancelleri hanno incontrato i pescatori alle ore 12 oggi. A prua di un peschereccio ormeggiato, Grillo ha ascoltato le problematiche dei pescatori e dell’intero comparto oggi in ginocchio causa aumento dei carburanti e degli oneri fiscali che gravano sulla categoria.

Il Camper di Grillo e la carovana a 5 Stelle saranno poi alle 15.00 a Mazzara del Vallo, dove previsto un incontro in Centro storico. Alle 18.00 poi raduno a Marsala ed alle 21.00 l’atteso incontro con i cittadini di Trapani in Piazza Garibaldi, ex Mercato del Pesce.

Foto del Corriere di Sciacca

Fonte: corrieredisciacca.it

Share

Sciacca, Grillo fa due chiacchiere con i pescatori

Siamo sulla barca! Due chiacchiere con i pescatori che raccontano le loro storie. Qui a Sciacca il mercato ittico c’è, ma è chiuso. I pescatori sono costretti a vendere dalle barche quei pochi pesci che lasciano le flotte giapponesi. Storie incredibili. Persone che non ce la fanno più. Bisogna cambiare! Tra poco salpiamo per un giro qua attorno!

.

Al porto di Sciacca con i pescatori!

.

Siamo in barca con i pescatori di Sciacca che raccontano le loro difficoltà ai ragazzi del M5S Sicilia.

.

Share

Beppe Grillo in Piazza A. Scandaliato a Sciacca (AG), 19 ottobre 2012

Beppe Grillo in Piazza A. Scandaliato a Sciacca (AG), 19 ottobre 2012
Beppe Grillo in Piazza A. Scandaliato a Sciacca (AG), 19 ottobre 2012

“Non possiamo permettere di farci sottrarre tutto quello per cui i nostri vecchi sono morti: acqua pubblica, scuola pubblica, sanità, servizi sociali! Non lo possiamo permettere!”

.

Beppe Grillo a Sciacca
Beppe Grillo in Piazza A. Scandaliato a Sciacca (AG), 19 ottobre 2012

“La vecchia strada sta rapidamente invecchiando. Per favore andate via dalla nuova se non potete dare una mano. Perché i tempi stanno cambiando.”

Share

Beppe Grillo in diretta da Sciacca in Piazza A. Scandaliato



Broadcasting live with Ustream

In diretta dalla Piazza Angelo Scandaliato di Sciacca (AG), a partire dalle 21:00 circa, Beppe Grillo presenta il programma del MoVimento 5 Stelle Sicilia, il portavoce candidato alla Presidenza della Regione Sicilia Giancarlo Cancelleri e il gruppo di candidati all’ARS per il collegio di Agrigento: Emanuele Dalli Cardillo, Giovanni Di Caro, Claudia La Rocca, Giuseppe Zagarrio, e i saccensi Emma Giannì e Matteo Mangiacavallo.
Il servizio d’interprete LIS per non udenti è a cura della dott.ssa Valentina Craparo.

Share

Il carretto siciliano

Sono arrivato in piazza Stazione ad Agrigento a bordo di un carretto siciliano del maestro carradore La Scala, trainato da un cavallo.
masciddàri del carretto raccontano scene di una Sicilia che forse si è dimenticata. Ieri sera invece sfilavano tra la folla di piazza Stazione a raccontare una Agrigento che sta rinascendo. Ieri sera ad Agrigento è stata una serata indimenticabile. In migliaia sono usciti di casa per partecipare al cambiamento che sta percorrendo la Sicilia. Cittadini incensurati si prestano per essere portavoce di ognuno all’interno delle istituzioni. Rinunciano ai privilegi, ai rimborsi elettorali, parlano di futuro e di sviluppo. Da quanto tempo non si respirava un’aria così in queste terre incantevoli e bistrattate da decenni di malapolitica? Pirandello è nato in queste strade e i partiti hanno progettato un rigassificatore davanti a Porto Empedocle, proprio di fronte alla casa del premio Nobel. Qui però è nato anche Angelino Alfano. Un fantasma, un fantasma fuori dalla storia.
Ad Agrigento anche l’acqua viene razionata e concessa col contagocce.
Questa politica, che non si è mai occupata dei cittadini deve finire. Quando sono stato a Palermo per le amministrative ad aprile c’era molta gente, ma poi hanno rieletto uno che era stato già sindaco per diversi anni. Ora però sono sicuro che il cambiamento ci sarà, perchè gli sguardi dei siciliani sono diversi.

Fonte: beppegrillo.it

Share